Connect with us

Cerca articoli

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon

“Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un mese all’anno in cui sono tenuti al digiuno completo però. Durante le ore del giorno non si mangia e non si beve. Essendo legato ad un calendario lunare, non esiste un mese fisso: dipende dai movimenti della luna.Tra i più grandi atleti della storia dell’Islam c’è Hakeem Olajuwon“.

Comincia così uno splendido “Characters” di Federico Buffa, su uno dei più grandi giocatori della storia NBA e sul suo pazzesco, altro modo non c’è per descriverlo, Febbraio ’95.

L’Avvocato ha spiegato che il Ramadan non è fisso, è legato ai movimenti lunari e il mese di Febbraio del 1995 coincideva con uno dei pilastri della fede islamica. Cominciamo con lo spiegare cosa è il Ramadan di preciso: è il terzo dei cinque pilastri della fede, le due testimonianze di fede (الشهادتين Al Shahadatein), le preghiere rituali (الصلاة Salah o, in lingua persiana, Namāz), l’elemosina (الزكاة Zakat), il digiuno durante il mese di Ramadan (الصوم Ṣawm o Siyam), il pellegrinaggio alla Mecca almeno una volta nella vita per tutti quelli che siano in grado di affrontarlo (الحج Hajj). Il Ramadan è il mese nel quale i musulmani si purificano con il digiuno e quindi durante le ore del giorno non possono né bere, né mangiare, né copulare.

Non sono esclusi gli atleti da questa regola ferrea della religione islamica, anche se soprattutto negli ultimi anni molti sportivi di fede musulmana hanno evitato di seguire il ramadan per motivi medici se questo cadeva durante la stagione sportiva perché non poter mangiare, ma soprattutto non poter bere, in allenamento ed in partita, per un atleta professionista, è davvero pericoloso.

Hakeem Olajuwon è però The Dream, un uomo rigido, meticoloso e con una forza di volontà unica. Lui ancora oggi torna in America durante il mese sacro per mettersi alla prova come musulmano e anche quando giocava nella lega più competitiva del mondo ossequiosamente si piegava alle regole islamiche.

Nel periodo in cui Michael Jordan si da’ al Baseball (sigh) è il centro nigeriano a dominare l’NBA senza possibilità di risposta e nel Febbraio ’95, mese del Ramadan, viene premiato come miglior giocatore del mese. In 14 gare segna 29.5 punti di media con 10 rimbalzi, 3.4 stoppate, 1.5 rubate e 3.8 assist. Tutto questo senza poter bere né mangiare nelle ore diurne. Senza toccare un goccio d’acqua durante tutta la durata dell’incontro.

D’altro canto, a Spike Lee nel ’94 già annunciò obiettivi simili: “La mia vita è molto semplice. Mi piace la semplicità e che il mio tempo sia mio, in modo da avere la libertà di dedicare la maggior parte di esso all’Islam. Questo è il fondamento a cui tengo di più. Voglio anche far conoscere l’Islam, come l’Islam può essere un modo di vivere. Voglio che far capire davvero la sua ricchezza e la sua bellezza e far vedere che l’Islam è per tutti. Per me, questa è la cosa più importante. Da questo, ogni altra cosa viene dopo“.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Velibor Vasovic, il guardiano del vento Il 4 marzo 2022 moriva Velibor Vasovic, il calciatore serbo capitano dell’Ajax di Cruijff. Diverso dagli altri giocatori...

Altri Sport

Bebe Vio, la Regina della Resilienza Compie oggi 24 anni Beatrice Vio, per tutti Bebe, un esempio per tutti, nello Sport e fuori. Il...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona. Nato...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro