Connect with us

Cerca articoli

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon

Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston Rockets. Per celebrarlo vi raccontiamo di quel febbraio 1995 nel quale “The Dream” si rese protagonista di qualcosa al limite del possibile.

“Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un mese all’anno in cui sono tenuti al digiuno completo però. Durante le ore del giorno non si mangia e non si beve. Essendo legato ad un calendario lunare, non esiste un mese fisso: dipende dai movimenti della luna.Tra i più grandi atleti della storia dell’Islam c’è Hakeem Olajuwon“.

Comincia così uno splendido “Characters” di Federico Buffa, su uno dei più grandi giocatori della storia NBA e sul suo pazzesco, altro modo non c’è per descriverlo, Febbraio ’95.

L’Avvocato ha spiegato che il Ramadan non è fisso, è legato ai movimenti lunari e il mese di Febbraio del 1995 coincideva con uno dei pilastri della fede islamica. Cominciamo con lo spiegare cosa è il Ramadan di preciso: è il terzo dei cinque pilastri della fede, le due testimonianze di fede (الشهادتين Al Shahadatein), le preghiere rituali (الصلاة Salah o, in lingua persiana, Namāz), l’elemosina (الزكاة Zakat), il digiuno durante il mese di Ramadan (الصوم Ṣawm o Siyam), il pellegrinaggio alla Mecca almeno una volta nella vita per tutti quelli che siano in grado di affrontarlo (الحج Hajj). Il Ramadan è il mese nel quale i musulmani si purificano con il digiuno e quindi durante le ore del giorno non possono né bere, né mangiare, né copulare.

Non sono esclusi gli atleti da questa regola ferrea della religione islamica, anche se soprattutto negli ultimi anni molti sportivi di fede musulmana hanno evitato di seguire il ramadan per motivi medici se questo cadeva durante la stagione sportiva perché non poter mangiare, ma soprattutto non poter bere, in allenamento ed in partita, per un atleta professionista, è davvero pericoloso.

Hakeem Olajuwon è però The Dream, un uomo rigido, meticoloso e con una forza di volontà unica. Lui ancora oggi torna in America durante il mese sacro per mettersi alla prova come musulmano e anche quando giocava nella lega più competitiva del mondo ossequiosamente si piegava alle regole islamiche.

Nel periodo in cui Michael Jordan si da’ al Baseball (sigh) è il centro nigeriano a dominare l’NBA senza possibilità di risposta e nel Febbraio ’95, mese del Ramadan, viene premiato come miglior giocatore del mese. In 14 gare segna 29.5 punti di media con 10 rimbalzi, 3.4 stoppate, 1.5 rubate e 3.8 assist. Tutto questo senza poter bere né mangiare nelle ore diurne. Senza toccare un goccio d’acqua durante tutta la durata dell’incontro.

D’altro canto, a Spike Lee nel ’94 già annunciò obiettivi simili: “La mia vita è molto semplice. Mi piace la semplicità e che il mio tempo sia mio, in modo da avere la libertà di dedicare la maggior parte di esso all’Islam. Questo è il fondamento a cui tengo di più. Voglio anche far conoscere l’Islam, come l’Islam può essere un modo di vivere. Voglio che far capire davvero la sua ricchezza e la sua bellezza e far vedere che l’Islam è per tutti. Per me, questa è la cosa più importante. Da questo, ogni altra cosa viene dopo“.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Il 22 Gennaio 1983 annunciava il suo ritiro (sarebbe poi tornato nel 1991, senza lasciare traccia) il...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 35 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Basket

Conrad McRae, “Icaro Mangiafuoco” della palla a spicchi Avrebbe compiuto oggi 51 anni Conrad McRae, lo sfortunato cestista che nel Basket Europeo ha lasciato...

Pugilato

Tutte le vite di George Foreman – Quando Foreman iniziava a bombardare gli avversari con i suoi ganci, io chiudevo gli occhi. – Gianni...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 77 anni. L’eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100 milioni...

Calcio

La storia della Coppa d’Africa in cinque edizioni memorabili Inizia oggi alle 17 l’edizione numero 33 della Coppa d’Africa con sede in Camerun. Per...

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza L’8 gennaio 1995 moriva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con il...

Storie di Sport

Andrea Whitmore-Buchanan: se il destino è più infame anche del razzismo Ieri si ricordava la morte, datata 1982, di Andrea Whitmore Buchanan, la talentuosa...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro