/

Hertzko Haft, la Belva giudea

Hertzko Haft, la Belva giudea Nell’altro stanzino c’è Rocky Marciano che ti attende. Sarebbe uno da far tremare le vene e i polsi, quell’uomo con i guantoni dall’altra parte. Se non fosse che il senso longitudinale di quelle vene è lo stesso

/

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e rifinite da sembrare una piccola motocicletta, con il sellino bicolore, bianco e marrone, molleggiato, il copricatena rosso come

/

Tutte le vite di George Foreman

Tutte le vite di George Foreman – Quando Foreman iniziava a bombardare gli avversari con i suoi ganci, io chiudevo gli occhi. – Gianni Brera Sei il più forte del tuo tempo, ma il più grande non sei: così, con questa formula

/

Carlos Monzon, la strada della violenza

Carlos Monzon, la strada della violenza L’8 gennaio 1955 moriva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con il nostro Nino Benvenuti diede vita a due incontri leggendari. Per l’occasione vi raccontiamo la sua storia. Se nascevi

/

Kid Chocolate, quando Cuba aveva un Re

Kid Chocolate, quando Cuba aveva un Re Cuba prima di Castro ebbe un re; il re si fermava per le strade dell’Havana con una delle sue fuoriserie, quasi sempre una Chevrolet, per ricevere fuori dalle ragazze, per firmare gli autografi agli ammiratori;

/

Jerry Quarry, bianco per caso

Jerry Quarry, bianco per caso Vederlo davanti ad Ali, con i suoi passi prevedibili progressivamente invischiati nella ragnatela del più grande di tutti, fa riflettere sul fatto che dovremmo riconsiderare, almeno un po’, il concetto che abbiamo degli eroi: perché non sono

1 2 3 11