Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Milano – Sanremo: le origini del Mito

[themoneytizer id=”27127-1″]

Milano – Sanremo: le origini del Mito

Nel weekend appena trascorso si sarebbe dovuta correre l’edizione 2020 della Milano-Sanremo, una delle leggendarie classiche monumento, rinviata a causa dell’emergenza Coronavirus. Per resistere a questo delicato momento, vi raccontiamo le origini della Classica di Primavera o Classicissima.

“Nel 1905 all’alba dello sviluppo industriale automobilistico, accanto alle macchine da corsa e a quelle turistiche di grossa cilindrata, venivano costruite da ditte minori modeste vetturette che si fregiavano dell’allettante nome di utilitarie. Allo scopo di propagandare il nuovo popolare mezzo di locomozione “La Gazzetta dello Sport” allora diretta da Costamagna ed amministrata dal sottoscritto, in accordo con l’Unione Sportiva Sanremese nelle persone dei dirigenti signori Ameglio, Capoduro, Rubino, e ing. Francesco Sghirla, organizzò la corsa per vetturette: Milano-Acqui-Sanremo. La corsa fu un solenne fiasco. Le utilitarie impiegarono due giorni per compiere il tragitto, arrivarono al traguardo in pochissimi esemplari e in non buone condizioni.
Fu allora che sorse la proposta di trasformare la corsa da automobilistica in ciclistica. L’idea, fugato qualche dubbio, fu subito accolta. Si aprì semplicemente la carta del Touring Club al 200.000 e si tracciò il percorso che in meno di trecento chilometri congiungeva Milano a Sanremo attraverso Ovada e Voltri col Passo del Turchino, e nella primavera del 1907 lanciammo il bando internazionale della prima Corsa al Sole.”

Così Armando Cougnet, nato a Nizza nel 1880, famoso giornalista e organizzatore di gare ciclistiche, fu tra i padri del Giro d’Italia, spiega in un articolo scritto negli anni Cinquanta del Novecento come nacque un’altra sua creatura, la Milano – Sanremo appunto, che sabato potremo seguire in occasione della sua edizione numero 109, e che, come ogni anni inaugura la serie delle classiche monumento, le cinque corse ciclistiche di un giorno più importanti, famose e leggendarie del mondo. Sono solo cinque, una in più dei tornei del Grande Slam, e dopo la Sanremo che si disputa, in un calendario immutabile da decenni, nel sabato di marzo più vicino al giorno di San Giuseppe, si proseguirà nel nord Europa, la prima domenica di aprile con il Giro delle Fiandre, seguito una settimana dopo dalla più mitica di tutte, la Parigi – Roubaix, e la quarta domenica di aprile dalla Liegi – Bastogne – Liegi. Una pausa di oltre cinque mesi, in cui la parte del leone nel mondo del ciclismo la faranno i tre grandi giri a tappe, le classiche monumento vivranno il loro epilogo nuovamente in Italia, la prima domenica di ottobre col Giro di Lombardia.

Nel 1907, prima edizione corse a metà aprile, il celebre campione francese Lucien Petit-Breton ci mise 11 ore 4 minuti e 15 secondi a portare a termine i 286 chilometri del percorso, precedendo sul traguardo di San Remo di soli 35” l’italiano Giovanni Gerbi e l’altro francese Gustave Garrigou in un epilogo piuttosto violento, così lo descrive Carlo Delfino nel suo libro “C’era una volta la Milano-Sanremo” edito nel 1999 da Grafica DGS di Varazze:

“Il terzetto dei battistrada parlotta tentando ripetutamente un accordo per dividere i premi ma la cosa si capisce subito che è impossibile. Petit Breton e Gerbi allora fanno il gioco di squadra con scatti alternati ma un Garrigou in formissima annulla sul nascere tutti i tentativi. Agli ottocento metri, fuori dalla vista dei più, Gerbi, ormai sicuro della divisione del premio con il suo coequipier dal quale aveva ricevuto precise garanzie, non trova altra soluzione che cercare il contatto e la rissa con Garrigou che non può far a meno di essere sorpreso da questo atto banditesco. L’ovvio reclamo presentato dal danneggiato trova ascolto presso la giuria ma non può togliere la vittoria a Petit Breton.”

Nel 1909 arriverà la prima vittoria italiana grazie a Luigi Ganna, varesino, muratore di professione fino a pochi anni prima, che avrà la meglio  sul francese Georget con un vantaggio di 3 minuti, ma anche in questa occasione non mancheranno le polemiche, visto che Georget, rimasto solo al comando aveva sbagliato strada sulla salita del Miramare prima di Savona, per errore suo secondo alcuni, per una voluta errata segnalazione da parte di un addetto al percorso che voleva favorire Ganna secondo altri.

Nel 1910 il maltempo contribuirà a creare una volta per sempre la leggenda della SanRemo. La pioggia battente non abbandonerà mai i concorrenti, che in  sul Passo del Turchino incontreranno anche la neve, uno strato bianco di 20 centimetri renderà tremenda la discesa, e alla fine saranno solo quattro i ciclisti ad essere classificati, col francese Eugene Christope a precedere sul traguardo  tre italiani: Giovanni Cocchi staccato di 1 ora e 1 minuto, Giovanni Marchesi di 1 ora e 17′ ed Enrico Sala di oltre 2 ore. Per secondo a dire il vero era transitato Ganna, ma la giuria aveva provveduto senza indugio  a squalificarlo, il motivo ce lo spiega ancora Carlo Delfino:

“…Ganna fu giustamente squalificato perché pare abbia fatto una breve porzione di percorso sulla vettura del Commendator Ferrari, che per questo episodio fu severamente redarguito.
Pierre Chany, francese, noto scrittore di cose di ciclismo, aggiunge che Christophe, a seguito dello sfinimento riportato nell’impresa, passò alcuni giorni in clinica prima di rimettersi completamente.”

 

Certo ora è passato un secolo, e la Sanremo tra le cinque classiche monumento è quella riservata ai velocisti, l’hanno vinta Demare, Cavendhis, Kristoff, Petacchi, Cipollini, ma il mito rimane. Non più tardi di sette anni fa, edizione 2013, la neve tornò sui corridori come nel 1910, la differenza fu che a Ovada, prima dell’inizio dell’ascesa del Turchino, i ciclisti furono caricati su degli autobus e fatti ripartire da Cogoleto, ma si sa i tempi cambiano e dopo la famosa tappa del Gavia nel Giro del 1988 la sensibilità nei confronti dei ciclisti, di quanto sia lecito fargli rischiare, si è molto evoluta.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Francesco Beltrami

Francesco Beltrami nasce 55 anni fa a Laveno sulle sponde del Lago Maggiore per trasferirsi nel 2007 a Gozzano su quelle del Cusio. Giornalista, senza tessera perché allergico a ogni schema e inquadramento, festeggerà nel 2020 i trent'anni dal suo primo articolo. Oltre a raccontare lo sport è stato anche atleta, scarsissimo, in diverse discipline e dirigente in molte società. È anche, forse sopratutto, uno storico dello sport, autore di diversi libri che autoproduce completamente. Ha intenzione di fondare un premio giornalistico per autoassegnarselo visto che vuol vincerne uno e nessuno glielo da.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La partita nella piazza Rossa che decise il destino del calcio in Russia Quando si viene a Mosca non si può rinunciare ad una...

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Pugilato

Ron Lyle: storia del Campione che sbagliò epoca Il 26 novembre 1941 moriva Ron Lyle, il pugile afroamericano la cui storia insegna che, a...

Calcio

Jan Jongbloed: c’erano una volta un tabaccaio, un pescatore e un portiere di calcio Compie oggi 80 anni Jan Jongbloed, storico portiere di quella...

Pugilato

Hector Macho Camacho: Commediante, eccentrico, imprevedibile, volubile Il 24 Novembre 2012 a seguito di una sparatoria moriva Hector Camacho, un pugile unico nel suo...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Altri Sport

Il ciclismo secondo Fabio Genovesi Il ciclismo è da sempre uno degli sport più popolari dello Stivale perché nasce da lontano e di pari...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Il 16 novembre 1892 nasceva Tazio Nuvolari, il leggendario pilota automobilistico che correva negli anni in cui salire su una...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Calcio

Jake Livermore, che non ha mai cercato scuse Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 31 anni Jake Livermore, il calciatore inglese che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro