Connect with us

Cerca articoli

Alimentazione

La droga più potente del mondo? L’assumi tutti i giorni. Nove volte più letale della Cocaina

[themoneytizer id=”27127-1″]

La droga più potente del mondo? L’assumi tutti i giorni. Nove volte più letale della Cocaina

Si sta discutendo molto per l’introduzione nella Manovra 2020 della tassa sullo zucchero, nello specifico sulle bevande zuccherate e sugli alimenti che ne contengono quantità eccessive a partire dal primo ottobre 2020. Al di là delle questioni politiche ed economiche, ecco alcuni dati che dovrebbero far riflettere sulla dolce sostanza.

E’ l’alimento più presente e allo stesso tempo più pericoloso del mondo. Presente in quasi tutti i cibi, lo zucchero è da considerarsi un vero e proprio veleno, una droga, dal potentissimo potere assuefacente.

Un po’ di storia:

Fino agli anni 50 l’esercizio fisico veniva considerato un tabù perché si credeva potesse causare problemi cardiaci ed abbassare il desiderio sessuale.  La chiave di volta fu l’anno 1953 quando il fisiatra francese Jean Mayer scoprì che un topo magro ed uno grasso mangiavano la stessa quantità di cibo, ma quello grasso si muoveva molto meno rispetto a quello magro.

Il boom delle iscrizioni in palestra..e dell’obesità

La scoperta di Mayer ha portato la concezione collettiva che per  le persone grasse sono pigre, perdenti e senza forza di volontà.  Si pensa che l’obesità sia combattibile semplicemente con due regole: mangiare meno e muoversi di più. Niente di più sbagliato. Dalla scoperta di Mayer in poi ci fu il vero boom del fitness con gli americani che spesero centinaia di miliardi di dollari per essere in forma. Dal 1980 al 2000 le iscrizioni alle palestre raddoppiarono ma, nello stesso lasso di tempo, a raddoppiare furono anche le persone obese. L’apatia e la pigrizia non è la causa dell’obesità, ma la conseguenza di un regime alimentare basato su alimenti ricchi di zucchero.

Il problema dell’obesità infantile

A smentire ulteriormente il fatto che dimagriamo muovendoci di più il fenomeno crescente dell’obesità infantile. Negli ultimi 25 anni il numero di bambini obesi è passato da 1 su 20 a 1 su 5. Nel mondo ci sono bambini di meno di sei mesi che hanno già problemi di salute e che nei casi più tragici hanno già il diabete e dovranno farsi l’insulina per sempre. Allora la domanda sorge spontanea: anche loro, obesi o diabetici a sei  mesi, avrebbero dovuto mangiare meno e muoversi di più? La risposta, o meglio la cura, al problema obesità non può quindi essere l’assioma scoperto da Mayer.

A rischio anche i magri

Una decade dopo nel mondo c’è un obeso ogni tre persone, e delle due non obese una soffre di sindrome metabolica che in parole povere potremmo definire come: una persona magra all’esterno ma che ha gli stessi problemi di salute di una persona obesa. 

 

In uno studio recente a dei topi dipendenti dalla cocaina venne somministrata acqua e zucchero. Dopo un mese, in pieno periodo di astinenza,  messi di fronte alla possibilità di scegliere tra cocaina ed acqua e zucchero, i topi scelsero lo zucchero. Analizzando il cervello dei roditori si è visto come lo zucchero abbia attivato i recettori del cervello nove volte in più della cocaina.

1977: l’inizio della fine

Nel 1977 il rapporto stilato dalla commissione speciale per l’alimentazione del Senato, formata da un team di esperti, definito rapporto McGovern, mostrò pesanti preoccupazioni in merito all’alimentazione del popolo occidentale. Venne consigliato di limitare l’apporto di zuccheri perché pericolosi per l’uomo. La lobby delle bevande zuccherate, invece, fece pressioni per far si che che il rapporto venisse cambiato riuscendo nel proprio intento. Venne tolto dal rapporto il pericolo dello zucchero ed anzi nacquero le sostanze light con meno calorie e meno grassi ma con più zucchero. Quando ad un cibo togli i grassi il sapore è disgustoso  e sa di cartone. Questo le aziende lo sanno ed hanno sostituito il grasso con lo zucchero. 1 g di zucchero conta 4 Kcal, 1 g di grasso 9 calorie. Vien da se che se un alimento ha 10 g di zuccheri e 10 di grasso ha un totale di calorie pari a 130 Kcal. Se togliamo cinque grammi di grasso e al suo post ne mettiamo 5 di zucchero, la sostanza avrà meno Kcal, 105 per l’esattezza, ma farà più male al nostro corpo.

Una caloria è sempre una caloria?

100 Kcal di mandorle, ricche di fibre, vengono processate lentamente dallo stomaco e quindi ci sentiamo più sazi a lungo e non viene rilasciata insulina. Al contrario quando beviamo una bevanda gasata, anche light, il fegato viene sommerso da zucchero e comincia a lavorare in modo forsennato. A questo punto il pancreas deve va a dare una mano al fegato abbassando la concentrazione di zucchero nel sangue immettendo nel corpo insulina. L’insulina però non può far altro che trasformare lo zucchero in grasso.

Occhio all’etichetta

Nel processo di corruzione iniziato con l’insabbiamento e modifica del rapporto McGovern, una curiosità colpisce i più attenti: per quasi ogni alimento c’è la quantità di macronutrienti in grammi e la percentuale riferita alla razione massima giornaliera. Indovinate un po’ qual è l’unico macronutriente che non riporta la percentuale riferita alla razione giornaliera consentita? Lo zucchero. Questo perché il massimo di zucchero che l’uomo può mangiare al giorno senza avere conseguenze nel lungo termine sono 36 g/die ovvero circa 9 cucchiaini. Lo sapete quanti cucchiaini di zucchero ci sono in una lattina di Coca cola? 10. Esattamente il 109% della razione giornaliera, 9% in più della zona di sicurezza.

Lo zucchero nascosto

Quando non vedete lo zucchero negli ingredienti o se vedete dei nomi strani che non conoscete, al 99% quei nomi strani sono altri nomi dello zucchero. Non vi stupite, Esso infatti ha più di 70 nomi diversi tutti nocivi, sopra la soglia indicata pocanzi, per il corpo umano.

Morti e aspettativa di vita

Nel 2014 per la prima volta in tutta la storia dell’umanità, nel mondo sono morte più persone per problemi legati all’obesità che persone morte di fame. La generazione nata dopo il 1980 è la prima ad avere aspettative di vita inferiore a quella dei propri genitori.

Fonte Articolo Documentario “Fed Up” disponibile su Netflix.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Commenti

5 Comments

  1. Alessandro Masi

    Novembre 16, 2018 at 9:52 am

    Articoli informativo ma la fonte è un documentario americano su netflix. Andrebbe citato e non copiato!

  2. ndr60

    Novembre 16, 2018 at 10:28 am

    Tutto giusto, si tralascia però di dire che uno dei maggiori junk food (57% di zucchero nel prodotto), reclamizzato h24 su tutte le reti nazionali per la colazione e la merenda ideale, è una crema spalmabile di pseudocioccolato.

  3. eddie

    Novembre 20, 2018 at 5:33 am

    Le bevande light, quelle che riportano ZERO CALORIE, non hanno zuccheri. Ad oggi si ipotizza che il loro danno sia potenziale, ovvero inducono chi consuma bevande light ad eccedere con alimenti “dolci” di altro tipo che contengono veri zuccheri e grassi. Altri ipotizzano una modifica della flora intestinale. Ma se bevi SOLO light, non assumi zuccheri.

  4. Martino

    Novembre 20, 2018 at 1:16 pm

    prima o poi si morirà tutti ma una luunga vita senza zucchero che vita sarebbe?

  5. Giuseppe

    Settembre 20, 2020 at 7:14 am

    Bell’articolo, mi viene da dire solo questo, è antico l’adagio che a fare il veleno è la quantità, quindi in teoria basterebbe autolimitarsi, il problema è che da quello che capisco lo zucchero è una droga quindi limitarsi può essere difficile ma non impossibile… Credo!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Motori

“Incidente all’Orient Kermesse”: Singapore e il “CrashGate” del 2008 Si corre oggi il Gran Premio di Turchia, valevole per il 16esimo turno del Mondiale...

Altri Sport

Le Origini della Parigi-Roubaix: Théodore Vienne e “quel progetto diabolico” Si corre domani la Parigi – Roubaix, una delle cinque corse classiche monumento del...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il primo ottobre 1958 nasceva Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo, ma che in Austria...

Calcio

Silvio Piola, il più grande marcatore italiano che non vinse mai lo scudetto Il 29 settembre 1913 nasceva Silvio Piola, simbolo del calcio italiano...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 29 settembre 1942 nasceva Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Alimentazione

Sport e caffeina: quali benefici secondo la scienza  Il contributo della caffeina sulle attività sportive è confermato dalla scienza ed è stato ripreso anche...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro