Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Zemanlandia, il Luna Park del calcio che non conosce mezze misure

La miglior difesa è l’attacco, la prestazione conta più del risultato. Prendere o lasciare, Zdenek Zeman è questo. E non lo scopriamo di certo noi. La sua lunga carriera dice tanto sul suo modo di intendere il calcio. Per molti Zdenek Zeman è il maestro. Per tanti altri è semplicemente un allenatore con dei grossi limiti, capace di collezionare una sfilza non indifferente di esoneri.

Fa parte del gioco verrebbe da dire, ma il boemo è uno di quei personaggi destinati a dividere. Il suo credo tattico onestamente è a dir poco affascinante, ma non lo è a tal punto da volerlo sulla panchina della propria squadra del cuore. perchè nel suggestivo luna park Zeman a divertirsi sono soprattutto gli avversari. Il credo tattico del maestro richiede tempo, pazienza e grande preparazione atletica. Elementi che molto spesso non fanno parte del nostro calcio. Almeno non tutti.

Da Foggia a Lecce, passando per la capitale in entrambe le sponde, Zdenek Zeman ha entusiasmato e deluso allo stesso modo. A Pescara è diventato un idolo con la promozione in Serie A, ma sono numerose le occasioni in cui il boemo non ha inciso. Napoli, Avellino, Brescia, l’ultima esperienza a Roma e l’annata disastrosa a Cagliari. Zeman non ha mezze misure, è bianco o nero. Anche se questi due colori, calcisticamente parlando, non gli sono tanto congeniali.

zemanlandia

Per il mister conta il collettivo e la preparazione atletica. Nel Luna Park Zeman bisogna correre, correre tantissimo. Ci vuole spirito di sacrificio per andare a nozze con il maestro. Bisogna credere nel suo calcio ed essere un po’ incoscienti. Altrimenti il destino rischia di essere già scritto.

Non si è mai capito alla fine cosa Zeman riesca a dare o a togliere. Di certo la verità non sta in mezzo. Vedi il suo Foggia dei miracoli o l’ultimo Pescara e pensi che potrebbe trasformare una squadra normale in un collettivo inarrestabile. Vedi il suo ultimo Cagliari e ti ricredi, arrivando a pensare che il poco equilibrio delle sue squadra non potrà portare mai da nessuna parte.

Dopo aver salvato il neopromosso Lugano in Svizzera, mister Zeman si è fermato. E’ uno dei vecchietti del nostro calcio, ma non ha alcuna intenzione di andare in pensione. Le sue giostre pericolose sono pronte a ripartire alla prima chiamata. A prescindere dal progetto, perchè Zeman è uno che non resiste lontano dai campi. E allora chi sarà la prossima? Chi deciderà di credere nel suo affascinante progetto calcistico? Forse il Crotone? Difficile, ma non da escludere a priori. I calabresi vorrebbero evitare di accollarsi un altro ingaggio, oltre a quello di Nicola. E poi i limiti dei rossoblu sono soprattutto tecnici. Ma chissà, forse questo tipo di sfida potrebbe esaltare Zeman e quindi anche la sua squadra. Vedremo. Di sicuro il mister ci manca. E’ un gran conoscitore di calcio, al di la dei risultati.

La sua filosofia estrema ha portato le sue squadre sulle altalene. Tra grandi gioie e grandi delusioni. Ma chi prende Zeman lo sa, mettendo piede nel suo Luna Park si finisce per salire sulle montagne russe.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare In occasione della Giornata della Memoria che si celebra oggi, vi raccontiamo la storia di...

Calcio

Qualche mese fa Mimmo Carratelli ha scritto sul Guerin Sportivo che il Napoli era sulle tracce di Anguissa già sei anni fa ma che...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventitreesima giornata) Per l’Inter sono prove di fuga: mentre il Milan non riesce ad...

Calcio

Giuliano Fiorini, il “fiore del bene” che non appassirà Avrebbe compiuto oggi 64 anni Giuliano Fiorini, l’attaccante della Lazio scomparso prematuramente a 47 nni...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (ventunesima giornata) Covid ancora protagonista in campionato. Dopo le decisioni asimmetriche delle ASL è...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Calcio

Pier Luigi Nervi, l’architettura al servizio dello sport Il 9 Gennaio 1979 moriva un maestro indiscusso della storia dell’architettura italiana, Pier Luigi Nervi, un innovatore nell’ambito...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro