Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Zemanlandia, il Luna Park del calcio che non conosce mezze misure

La miglior difesa è l’attacco, la prestazione conta più del risultato. Prendere o lasciare, Zdenek Zeman è questo. E non lo scopriamo di certo noi. La sua lunga carriera dice tanto sul suo modo di intendere il calcio. Per molti Zdenek Zeman è il maestro. Per tanti altri è semplicemente un allenatore con dei grossi limiti, capace di collezionare una sfilza non indifferente di esoneri.

Fa parte del gioco verrebbe da dire, ma il boemo è uno di quei personaggi destinati a dividere. Il suo credo tattico onestamente è a dir poco affascinante, ma non lo è a tal punto da volerlo sulla panchina della propria squadra del cuore. perchè nel suggestivo luna park Zeman a divertirsi sono soprattutto gli avversari. Il credo tattico del maestro richiede tempo, pazienza e grande preparazione atletica. Elementi che molto spesso non fanno parte del nostro calcio. Almeno non tutti.

Da Foggia a Lecce, passando per la capitale in entrambe le sponde, Zdenek Zeman ha entusiasmato e deluso allo stesso modo. A Pescara è diventato un idolo con la promozione in Serie A, ma sono numerose le occasioni in cui il boemo non ha inciso. Napoli, Avellino, Brescia, l’ultima esperienza a Roma e l’annata disastrosa a Cagliari. Zeman non ha mezze misure, è bianco o nero. Anche se questi due colori, calcisticamente parlando, non gli sono tanto congeniali.

zemanlandia

Per il mister conta il collettivo e la preparazione atletica. Nel Luna Park Zeman bisogna correre, correre tantissimo. Ci vuole spirito di sacrificio per andare a nozze con il maestro. Bisogna credere nel suo calcio ed essere un po’ incoscienti. Altrimenti il destino rischia di essere già scritto.

Non si è mai capito alla fine cosa Zeman riesca a dare o a togliere. Di certo la verità non sta in mezzo. Vedi il suo Foggia dei miracoli o l’ultimo Pescara e pensi che potrebbe trasformare una squadra normale in un collettivo inarrestabile. Vedi il suo ultimo Cagliari e ti ricredi, arrivando a pensare che il poco equilibrio delle sue squadra non potrà portare mai da nessuna parte.

Dopo aver salvato il neopromosso Lugano in Svizzera, mister Zeman si è fermato. E’ uno dei vecchietti del nostro calcio, ma non ha alcuna intenzione di andare in pensione. Le sue giostre pericolose sono pronte a ripartire alla prima chiamata. A prescindere dal progetto, perchè Zeman è uno che non resiste lontano dai campi. E allora chi sarà la prossima? Chi deciderà di credere nel suo affascinante progetto calcistico? Forse il Crotone? Difficile, ma non da escludere a priori. I calabresi vorrebbero evitare di accollarsi un altro ingaggio, oltre a quello di Nicola. E poi i limiti dei rossoblu sono soprattutto tecnici. Ma chissà, forse questo tipo di sfida potrebbe esaltare Zeman e quindi anche la sua squadra. Vedremo. Di sicuro il mister ci manca. E’ un gran conoscitore di calcio, al di la dei risultati.

La sua filosofia estrema ha portato le sue squadre sulle altalene. Tra grandi gioie e grandi delusioni. Ma chi prende Zeman lo sa, mettendo piede nel suo Luna Park si finisce per salire sulle montagne russe.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Azzardo

Conviene utilizzare i pronostici in rete prima di scommettere? Quello del betting è un mondo particolarmente ricco ed articolato, che nel corso degli anni...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro