Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Zaniolo, un crack per ripensare il calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace di valutare i danni collaterali delle sue attuali dinamiche di sviluppo

E così sono due: già, due crociati in neanche nove mesi è un record triste per Nicolò Zaniolo, giovane virgulto del calcio italiano, prima ancora che della Roma, che non può non indurre a riflessioni più ampie rispetto alle considerazioni legate al recupero dall’infortunio.

Zaniolo è solo l’ultimo di una schiera sufficientemente nutrita di giocatori che sono caduti nel baratro temporaneo di questo grave incidente. Alcuni di loro, come lui, più di una volta. I confronti col passato remoto sono improponibili (fino agli anni Ottanta l’incidenza di questo crack del ginocchio era molto inferiore rispetto all’attuale). Vanno rinnovate, però, le critiche a un sistema calcistico che, essendo pienamente inserito nel contesto socio economico del mondo industrializzato, ne ripropone alcuni dei vizi tipici.

A partire da quello della necessità di produrre sempre di più, alla ricerca ossessiva di un risultato continuamente migliore di quello precedente, possibilmente con margini di crescita misurati in doppia cifra percentuale, che tiene ciecamente conto esclusivamente dei parametri economico-finanziari escludendo la valutazione di qualsiasi criterio ulteriore. Come le aziende programmano ogni anno incrementi di fatturato e redditività che sembrano dover proseguire all’infinito in linea retta, così le squadre di calcio sono trascinate a dover produrre sempre di più. E l’unico modo che hanno per fare questo è giocare più partite, costringendo la forza lavoro dei calciatori a esprimere sforzi fisici che vanno spesso oltre i limiti stabiliti dalla natura. Soprattutto ai migliori (Zaniolo è uno di questi) vengono richiesti sempre più straordinari che, alla lunga, rischiano di minare la salute.

Quello che per i dipendenti delle aziende è il rischio del burn out, per i giocatori si tramuta nella possibilità di incorrere in gravi infortuni. Un segnale che dà il corpo: estremo, inappellabile, per certi versi liberatorio perché costringe l’atleta a fermarsi per rigenerare risorse non più disponibili. Il passaggio finale di un sistema che invita a lavorare senza sosta, giocando fino a tre partite a settimana, che non consente di avere tempo per il riposo fisico e mentale, elemento indispensabile al fine di ottimizzare le prestazioni di un individuo. La velocità sempre crescente del gioco, poi, favorita anche da campi il cui tappeto d’erba viene appositamente ridotto nello spessore per consentire lo sviluppo accelerato delle azioni, porta con sé due riflessi negativi: l’incremento dei contrasti e gli impatti sul terreno duro che si riflettono negativamente sull’apparato osteo-articolare degli atleti.

Gli effetti negativi di questo sistema, che riesce a pensare esclusivamente al profitto immediato senza tenere in conto gli esiti a lungo termine che genera, impattano anche su chi del calcio si limita ad essere spettatore e tifoso. La restrizione degli intervalli temporali tra una partita e l’altra determina un effetto di assuefazione che mortifica la dinamica delle emozioni. Il gusto dell’attesa viene rimosso allo stesso modo in cui bruciano in pochi attimi le gioie e le delusioni causate dai risultati; il tutto in una sorta di tempo declinato infinitamente al presente che toglie profondità ai sentimenti, che rimangono il patrimonio più prezioso che qualsiasi sport porta in dono a chi lo vive.

L’infortunio di Zaniolo è l’ennesimo richiamo che la natura rivolge al suo essere più evoluto. Riallineare il pianeta calcio a parametri di maggiore sostenibilità complessiva, che riportino nella giusta dimensione i valori non economici a cui si dovrebbe ispirare, sembra essere un’esigenza non più rinviabile anche se poco avvertita da chi gestisce lo sport più bello del mondo.

Paolo Valenti
A cura di

Giornalista e scrittore, coltiva da sempre due grandi passioni: la letteratura e lo sport, che pratica a livello amatoriale applicandosi a diverse discipline. Collabora con case editrici e redazioni giornalistiche ed è opinionista sportivo nell’ambito dell’emittenza televisiva romana. Nel 2018 ha pubblicato il romanzo Ci vorrebbe un mondiale – Ultra edizioni.

Da non perdere

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore Il 6 febbraio 1945 nasceva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro