Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Working class hero: Cristian Carletti, l’esordio in B e un salto di otto categorie in un anno

Passano da un rimborso spese di 600 euro al mese, come accadeva ad Alessio Di Massimo, pescato a ottobre dalla Juventus nella serie D abruzzese ad Avezzano, alla serie A: o ancora da un licenziamento in fabbrica, come avvenuto a Cohen Bramall, 20enne difensore e addetto alla produzione della Bentley Motors, alla maglia dell’Arsenal, che per averlo lo ha pagato 40mila sterline all’Hednesford Town, settima divisione inglese. Per non tacere di Jamie Vardy, che cinque anni fa militava addirittura nell’ottavo livello del calcio inglese, con la maglietta del Stocksbridge Park Steels di Sheffield guadagnando 30 sterline a settimana e dividendo quest’hobby con i turni di lavoro nella fabbrica di carbonio della città, e dal 2012 è al Leicester, con il quale nell’estate 2016 ha conquistato una storica Premier League. Sono i calciatori-operai, categoria che rappresenta i “working class heroes” del dio pallone: sono quelli che ce l’hanno fatta e che alla parola “gavetta” rispondono annuendo. Della serie: “So bene di cosa stai parlando”.

Alla lunga serie di calciatori-operai di cui il mondo del calcio ha raccontato la storia, si è aggiunto alle 16:15 di domenica 26 marzo il nome di Cristian Carletti, attaccante nato nel 1996 e passato al Carpi nelle ultime ore della finestra invernale di calciomercato. A completare una scalata di otto categorie in un anno: già, perché Carletti, è cresciuto nelle giovanili della Cremonese, club che non gli ha mai permesso di esprimere il proprio potenziale nonostante una media di 20 gol a stagione. Esaurita l’esperienza nella Berretti grigiorossa, Carletti si è trovato di fronte a un bivio: smettere di inseguire il proprio sogno o provarci ancora? Ottenuta la rescissione del contratto, Cristian aveva deciso di aggregarsi all’Ariete, formazione della terza categoria lombarda,. E a suon di reti si era meritato nell’estate 2016 la chiamata della Pergolettese, in serie D: lo valutano e lo aggregano alla prima squadra. Parte da quarta punta, ma al gol non si comanda. Così ì grazie a 7 gol in alcuni spezzoni di partita si fa notare dagli osservatori del Carpi, che decide di investire su di lui e lo ingaggia. Non certo un inedito dalle parti del “Cabassi”: Basti pensare a Kevin Lasagna, acquistato nel 2014 dall’Este, in serie D, e venduto a gennaio-con “parcheggio” in Emilia fino a giugno all’Udinese. Le partenze, in prestito, di altri due prodotti dei Dilettanti come De Marchi e Jawo, hanno permesso al ds Giancarlo Romairone di avventurarsi in una nuova scommessa: e Carletti non ci ha pensato due volte. Valigia in mano ed eccolo a disposizione di Castori. Un mese e mezzo di apprendistato, fino all’esordio: pomeriggio caldo, Carpi e Perugia sono sullo 0-0. L’allenatore lo chiama in causa. Fuori Giacomo Beretta, dentro Carletti. Numero 18 sulle spalle e un solo biglietto da visita: il gol. Solo rimandato alla prossima occasione, c’è da giurarci.

20 anni compiuti nello scorso luglio, Carletti sa di avere davanti una montagna da scalare. Ma può affidarsi a illustri predecessori: su tutti, Moreno Torricelli. Soprannominato “Geppetto” perché alternava l’impiego da falegname al calcio, nella primavera 1992, a 22 anni, viene visionato da Claudio Gentile, all’epoca direttore sportivo del Lecco, squadra di serie C2. Ottime referenze e Gentile suggerisce il nome a Giovanni Trapattoni, allenatore della Juventus, che lo convoca prontamente e sorprendentemente per le tradizionali amichevoli di fine stagione: preludio al prestito? No, la storia racconta le sue annate e i trofei vinti in bianconero. Ma poco più su del Campionato Nazionale Dilettanti hanno giocato campioni mondiali come Luca Toni e Fabio Grosso. Terzino era anche Mirko Piero: nel 2000 il vulcanico Luciano Gaucci lo portò a Perugia dal Grosseto, Interregionale. Nel suo curriculum ci sono anche presenze in Coppa Uefa. Altro self made soccer player dei giorni nostri è Andrea Nalini, 26enne del Crotone: ha fatto il settore giovanile al Villafranca, provincia di Verona, mentre lavorava in un’azienda di saldature.  Ma Carletti il miglior esempio lo ha nello spogliatoio: è  Lorenzo Pasciuti, centrocampista 27enne del Carpi che con la maglia degli emiliani ha segnato in ben cinque categorie diverse, dalla D alla A. Per tanti piccoli miracoli, c’è anche chi dice no: è il caso di Michele Pini, che un anno e mezzo fa, a 28 anni, ha deciso di risolvere un contratto da 1500 euro mensili con il Lumezzane, Lega Pro, per andare a lavorare in fabbrica come operaio in un’azienda che realizza stampi in alluminio per polimeri espansi e termofornitura. “C’è più prospettiva di crescita” aveva commentato all’epoca. Carletti, di crescere e fermarsi, per ora, non ne vuole sapere.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Vai col liscio! Casadei, balere, Riviera e Ricchiuti. Rimini e il calcio: i dolci ricordi dei ragazzi di Acori. Sogno biancorosso. Una favola semplice,...

Motori

In Belgio un destino lontano 28 anni regalò Schumacher alla storia della Formula 1 Il 30 Agosto 1992 al Gp di Spa, in Belgio,...

Calcio

10.380 km di passione: Luch Vladivostok vs Baltika Kaliningrad, la trasferta più estrema al Mondo “Maciniamo i chilometri, superiamo gli ostacoli…”: è questa una...

Calcio

“E’ stato un colpo maligno della sorte”. Così Mario Cecchi Gori, padre di Vittorio, commenta a caldo la debacle della retrocessione in Serie B...

Calcio

I proverbi in Italia dicono che tutte le strade portano a Roma. E il detto dovrebbe essere ulteriormente vero se ti chiami Augusto, come...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Arcadio Venturi, il Piombino e la Roma in Serie B. Un incubo divenuto leggenda Il 18 Maggio 1929 nasceva Arcadio Venturi, storico...

Calcio

La Lega Pro termina in anticipo il suo percorso, si attende solo l’ufficialità. L’assemblea ha concordato che ad usufruire della promozione al prossimo campionato...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Avrebbe compiuto oggi 79 anni Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il...

Calcio

Gabriele Gravina non ci sta. A poche ore dall’intervento del ministro Spadafora che ha quasi anticipato uno stop definitivo dei campionati arriva la risposta...

Calcio

Quando e come ripartirà il calcio italiano Una ripartenza del calcio professionistico italiano da effettuare a scaglioni per favorire il corretto svolgimento di tutti...

Calcio

Mi chiamo Bruno, gioco a pallone Il 24 Marzo 2018 ci salutava a soli 26 anni Bruno Boban, un calciatore di terza divisione croata...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Le meteore della Serie A: il ‘lavapiatti’ milanista  Harvey Esajas 12 gennaio 2005. Mancano soltanto cinque minuti al termine della sfida tra...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro