Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Werner Seelenbinder, il lottatore rosso

Werner Seelenbinder, il lottatore rosso

Il 24 ottobre 1944 moriva Werner Seelenbinder, il lottatore simbolo sportivo della resistenza al nazismo. Per ricordarlo vi raccontiamo la sua storia.

Che cosa voleva dire essere un campione di lotta greco-romana comunista nella Germania nazista di Hitler? Ma soprattutto era possibile una cosa del genere? Per dare una risposta queste domande dobbiamo andare a ritroso nel tempo e raccontare  la storia di Werner Seelenbinder, campione di lotta greco-romana, comunista e partigiano durante l’ascesa e il consolidamento della dittatura nazista in Germania. Werner era nato a Stettino, una cittadina situata nelle Polonia nord-occidentale, il 2 agosto 1904.  Il ragazzo cominciò ad avvicinarsi all’atletica pesante nel periodo in cui lavorava nel sobborgo meridionale di Berlino: Neukolln. In questa zona era concentrato il proletariato tedesco e qui sorsero molte associazioni sportive degli operai. In una di queste associazioni Seelenbinder cominciò la sua carriera sportiva. La sua prima consacrazione arrivò nei Giochi olimpici degli operai del 1925 tenutesi a Francoforte e nel 1928 partecipò alle Spartachiadi dei popoli dell’Unione Sovietica a Mosca. Questa competizione nacque in risposta ai giochi olimpici, i sovietici gli diedero il nome dello schiavo tracio Spartaco, emblema della lotta per la libertà dalla schiavitù. Nel mondo comunista la sua lotta era considerata un simbolo dell’internazionalismo proletario. Non fu un caso che in Germania, nel 1914, era nata la Lega di Spartachista poi dissolta nel 1919.

Il lottatore tedesco partecipò anche l’anno dopo vincendo nuovamente nel 1929. Fu dopo il primo viaggio a Mosca,  nel 1928, che Seelenbinder si iscrisse al partito comunista tedesco. Però, la situazione politica in Germania stava cambiando e nel 1930 cominciò l’ascesa politica di Adolf Hitler. La situazione precipitò e nel 1933, Adolf Hitler assunse i pieni poteri e instaurò la sua dittatura. Come conseguenza di questo fatto, le associazioni sportive operaie vennero sciolte in maniera immediata. Tutti in Germania sapevano che Werner Seelenbinder era un esponente di spicco del partito comunista, ma al tempo stesso era uno sportivo famoso e ben amato dal pubblico tedesco e di fatto questa cosa salvò momentaneamente il lottatore da una possibile persecuzione. Però, questo non impedì a Werner di poter esternare il suo dissenso verso il regime. L’occasione per mostrare il suo dissenso a un regime sanguinario come quello nazista fu a Dortmund, durante i campionati di Germania di lotta greco-romana. Il campione tedesco confermò il suo titolo tra le urla di ovazione del pubblico corso ad assistere alla sua gara. Durante la premiazione, venne suonato l’inno tedesco, per legge ci si doveva mettere in piedi e salutare a mano tesa.

Ma Werner, rimase immobile e in silenzio. Il pubblico rimase perplesso e sorpreso di questo gesto. Dopo prese i fiori che gli erano stati consegnati, in quanto vincitore, cominciò a distribuirli al pubblico e all’atleta sconfitto. A causa di questo gesto il campione venne squalificato per un anno dalle competizioni sportive. Quando finì la sua squalifica, Seelenbinder cominciò a recarsi spesso all’estero, perché veniva invitato a competizioni di alto livello nella lotta greco-romana e durante questi viaggi lavorava di nascosto per la resistenza tedesca. In questi viaggi portava clandestinamente il materiale anti-nazista e cercava di avere risultati sportivi sempre più incisivi per poter muoversi con più frequenza fuori dal territorio tedesco per portare avanti la campagna clandestina. Werner in quel periodo aveva iniziato la collaborazione clandestina con il Soccorso Rosso Internazionale, una organizzazione che era collegata all’Internazionale Comunista, il cui ruolo era quello di svolgere solidarietà internazionale ai prigionieri comunisti.

Nel 1936 a Berlino si svolsero i Giochi della XI Olimpiade e Werner si stava preparando per superare tutti i criteri di ammissione. Passarono alla storia come i giochi della vittoria di Jesse Owens ma potevano diventare anche come quelle del gesto eclatante da parte del campione tedesco. Infatti, nei giorni che precedettero l’inizio della competizione sportiva, Werner non aveva tenuto nascosto che in caso di vittoria avrebbe salutato Hitler con gesto eclatante. Arrivando ad affermare che avrebbe fatto bene a non presentarsi alla premiazione. Purtroppo il suo piano non andò in porto perché si piazzò quarto e quindi fuori dal podio. Nel 1938, Werner e la sua compagna Charlotte Eisenblatter, atleta e comunista anche lei, cominciarono la vera e propria militanza a tempo pieno con il gruppo partigiano formato da Robert Urigh: il Robby Groupe. Il gruppo operava a Berlino, era radicato tra la classe operaia e contava molti comunisti tra i suoi militanti.

Il gruppo partigiano era forte, era ben strutturato e non temeva le ritorsioni naziste. Werner operava recuperando soldi per finanziare le operazioni e dando rifugio ai suoi compagni. La militanza del lottatore tedesco finì nel 1942, quando un gruppo di SS arrestò lui e molti altri componenti. Prima venne imprigionato ad Alexanderplatz e in seguito nel lager allestito per i dissidenti politici a GroBbeeren. Lì fu torturato e picchiato per far si che rivelasse informazioni sul Robby Groupe. Fu tutto inutile perché non tradì mai i suoi compagni. Consapevole che la sua vita stava finendo scrisse prima al padre per dirgli che non aveva paura di morire e che avrebbe affrontato, come faceva sul tappeto dove lottava, la sua ultima e spietata avversaria: la morte.

La sua vita finì il 24 ottobre 1944, venne giustiziato per decapitazione nella prigione di Brandeburg-Gorden. Mentre veniva portato al patibolo, Werner mantenne uno sguardo fiero, impassibile e si girò verso i suoi compagni urlando la morte di Hitler e la gloria dell’armata rossa. Finiva così la vita di questo gigante che nel pieno della dittatura nazista fu un dissidente politico alla luce del sole e un partigiano. Molte furono le celebrazioni dal 1945 in poi in suo onore nella sua città natale e in Unione Sovietica. Strade, stadi e impianti sportivi della Germania Orientale furono dedicate alla sua memoria. Cimeli tutt’ora presenti nella Germania riunificata.

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Altri Sport

La poesia “sbagliata” di Miguel: storia del desaparecido che amava correre e sognare Dei trentamila desaparecidos che l’Argentina degli orrori ha strappato alla vita...

Altri Sport

Yvonne de Ligne: Omicidio sul Ghiaccio Le storie olimpiche  a volte si intersecano con vicende di altro genere, non ultime quelle della cronaca nera....

Altri Sport

Brian Lochore, l’uomo oltre la maglia: storia del “padre” degli All Blacks C’è un detto nel rugby. Dice così: una squadra la riconosci da...

Pugilato

Johann Trollmann, il pugile sinti che prese a pugni il Nazismo Il 27 Dicembre 1907 nasceva ad Hannover, Johann Trollmann, il pugile sinti, la...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 26 Dicembre 1908 Jack Johnson diventa il primo pugile afroamericano della storia...

Altri Sport

Charlie Chaplin: storia di un atleta diventato il più grande comico di sempre Il 25 dicembre 1977 moriva quel genio artistico di Charlie Chaplin,...

Motori

Bertrand Gachot: passare alla storia a propria insaputa Compie oggi 58 anni Bertrand Gachot, il pilota di Formula Uno che pur non vincendo mai...

Calcio

Carlos Caszely, il calciatore che sfidò Pinochet Il 10 Dicembre 2006 moriva il generale Augusto Pinochet, il dittatore cileno che governò dal 1973 al...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 4 dicembre 2011 ci lasciava uno dei personaggi più iconici...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro