Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Wazza is back: Rooney, il ritorno del figliol prodigo che con l’Everton ci va anche a letto

253 reti e 13 anni dopo, Wazza is back. L’Everton lo ha riaccolto a braccia aperte, cosa non scontata per un calciatore accusato di essere entrato in una parabola discendente che non avrà fine. A 31 anni Wayne Rooney vuole chiudere le porte che gli si erano spalancate a Goodison Park, quando divenne la nuova giovane, lucente ed irriverente stella del calcio d’Inghilterra.

“Non sono venuto qui per ritirarmi” ha ribadito il 31enne, che pur di vestire nuovamente la maglia dell’Everton si è dimezzato lo stipendio del 50%, come confermato dai principali tabloid inglesi.

Dalla rovesciata pirotecnica e liberatoria nel derby di Manchester al “remember this name” urlato da Clive Tyldesley quando proprio Rooney – a soli 16 anni – affossava l’Arsenal degli imbattibili con un colpo a giro. Il Guardian ne ha ripercorso la storia, un racconto destinato a finire proprio laddove era cominciato: il Blues dell’Everton che vince sul rosso del diavolo. Si, anche nel momento della buonanotte.

“Negli ultimi 13 anni ho indossato solo pigiami dell’Everton” ha dichiarato in conferenza stampa, una frase su cui si è ovviamente fatta facile ironia. E se lo avesse scoperto Sir Alex?

La dirigenza dell’Everton sta modellando una squadra su misura per la stella che ha riportato con fatica a Finch Farm, ne sono una prova gli acquisti milionari conclusi ancor prima che partisse Romelu Lukaku: da Pickford a Keane, passando per Klaassen e Sandro Ramirez, ecco che il 4-2-3-1 potrebbe portare nuovamente le Toffees su una stella.

Da attaccante o da esterno, da seconda punta o subito dietro il centravanti, un nuovo capitolo nella vita travagliata di Wayne sta per cominciare. Sarà finalmente un “vissero per sempre” dal giorno fino alla notte? La Cina o la MLS porteranno via ancora una volta Wayne Rooney dal Merseyside?

Domande che oggi nessuno ha il coraggio di porsi, perché il figliol prodigo ha fatto ritorno a casa ed è l’unica cosa che conta, l’unica cosa che importa.

GODIAMOCI LA BELLISSIMA PRESENTAZIONE

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona. Nato...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Pugilato

La storia del Terribile Terry, il piccolo Mike Tyson di un secolo fa Nato il 9 marzo del 1880 col nome Joseph Terrence McGovern,...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Altri Sport

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta Nel 1982 Italia campione del mondo nel calcio e nel ciclismo. Otto anni dopo terza in entrambi...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro