Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Wazza is back: Rooney, il ritorno del figliol prodigo che con l’Everton ci va anche a letto

253 reti e 13 anni dopo, Wazza is back. L’Everton lo ha riaccolto a braccia aperte, cosa non scontata per un calciatore accusato di essere entrato in una parabola discendente che non avrà fine. A 31 anni Wayne Rooney vuole chiudere le porte che gli si erano spalancate a Goodison Park, quando divenne la nuova giovane, lucente ed irriverente stella del calcio d’Inghilterra.

“Non sono venuto qui per ritirarmi” ha ribadito il 31enne, che pur di vestire nuovamente la maglia dell’Everton si è dimezzato lo stipendio del 50%, come confermato dai principali tabloid inglesi.

Dalla rovesciata pirotecnica e liberatoria nel derby di Manchester al “remember this name” urlato da Clive Tyldesley quando proprio Rooney – a soli 16 anni – affossava l’Arsenal degli imbattibili con un colpo a giro. Il Guardian ne ha ripercorso la storia, un racconto destinato a finire proprio laddove era cominciato: il Blues dell’Everton che vince sul rosso del diavolo. Si, anche nel momento della buonanotte.

“Negli ultimi 13 anni ho indossato solo pigiami dell’Everton” ha dichiarato in conferenza stampa, una frase su cui si è ovviamente fatta facile ironia. E se lo avesse scoperto Sir Alex?

La dirigenza dell’Everton sta modellando una squadra su misura per la stella che ha riportato con fatica a Finch Farm, ne sono una prova gli acquisti milionari conclusi ancor prima che partisse Romelu Lukaku: da Pickford a Keane, passando per Klaassen e Sandro Ramirez, ecco che il 4-2-3-1 potrebbe portare nuovamente le Toffees su una stella.

Da attaccante o da esterno, da seconda punta o subito dietro il centravanti, un nuovo capitolo nella vita travagliata di Wayne sta per cominciare. Sarà finalmente un “vissero per sempre” dal giorno fino alla notte? La Cina o la MLS porteranno via ancora una volta Wayne Rooney dal Merseyside?

Domande che oggi nessuno ha il coraggio di porsi, perché il figliol prodigo ha fatto ritorno a casa ed è l’unica cosa che conta, l’unica cosa che importa.

GODIAMOCI LA BELLISSIMA PRESENTAZIONE

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni E’ iniziata ieri la 30esima edizione della Champions League. Per l’occasione vi raccontiamo la storia del glorioso trofeo...

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno di nuovo...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Motori

Monza e la Ferrari: un Matrimonio e sei figli “speciali” Si corre domenica il Gran Premio D’Italia a Monza. Un circuito la cui storia...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 58 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Roberto Rosato, “Faccia d’angelo” rossonera Piemontese, nato il 18 agosto 1943. Campione d’Italia, d’Europa e del mondo con il Milan. Ma non è Gianni...

Pugilato

Manny Pacquiao, il Re delle Filippine Gli aneddoti che potrebbe raccontare sulla sua infanzia nelle Filippine sono più numerosi dei metri quadri delle ville...

Calcio

Paolo Montero: perché i cattivi, poi così cattivi non sono mai Dedicato ai cattivi, che poi così cattivi non sono mai. Così recita una...

Altri Sport

Fate lo Sport, non fate la guerra: Pierre De Coubertin e le Olimpiadi moderne Il 2 settembre 1937 moriva Pierre De Coubertin, l’uomo al...

Motori

La Formula-1 e la “maledizione” di Zandvoort Si scrive Zandvoort, si legge canto del cigno. Di ambizioni e di vittorie. Domenica prossima, dopo trentasei...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro