Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Viva i Grigi, la storia a fumetti dell’Alessandria Calcio

Un volume a fumetti, destinato ai bambini, per raccontare la storia dell’Alessandria calcio – che attualmente milia in Lega Pro, dal 1912 (l’anno di fondazione) fino ai giorni nostri. Perché i tifosi di domani si “coltivano” stimolando la fantasia e la voglia di conoscere dei piccoli supporters di oggi. È questo lo spirito con il quale il “Museo Grigio”, con il patrocinio della società piemontese, ha pubblicato il volume “Viva i Grigi” (un centinaio di pagine, costo 10 euro), i cui proventi saranno interamente devoluti a realtà dedite alla cura di bimbi gravemente ammalati. I testi del libro sono di Marcello Marcellini, le illustrazioni di Carlo Dossola, la grafica è curata da Mauro Risciglione, mentre la prefazione è del radiocronista Rai Emanuele Dotto, grande tifoso dell’Alessandria.

La vostra età è quella dei sogni e della spensieratezza. È giusto che sia così. Conoscerete la vita dei giocatori dei Grigi: alcuni sono stati tra i più grandi campioni del calcio, come Giuanin Ferrari. Saprete che ci sono stati grandi delusioni e grandi trionfi, i cori, gli applausi, i pomodori (non certo per condire gli spaghetti)”. Così l’introduzione di un volume, destinato in particolar modo ai più piccoli, il cui obiettivo è – prima di tutto – quello di “girare” nelle scuole. Spiega Emanuele Bellingeri, responsabile di Museo Grigio: “Grazie ai nostri nonni e padri noi, da bambini, abbiamo incominciato ad avere una grande simpatia per i Grigi. Quella che c’è in questo libro è nient’altro che una lunga storia, tutta vera, che adesso noi, come genitori, vogliamo tramandare ai nostri figli”. Stiamo parlando di una profonda fede calcistica, dunque, che si vuole portare avanti (anche) attraverso una lettura come questa, delicata e spensierata, ma ricca di spunti di riflessione.

Libro-fumetti-1

Rivolgendosi ai piccoli lettori, i curatori del piano editoriale di Viva i Grigi, Mario Bocchio e Sergio Giovanelli sottolineano: “Sicuramente sarete sorpresi da quel calcio con i giocatori che avevano scarponcini al posto delle scarpe, i palloni erano tutti marroni e ci si rivolgeva all’allenatore George Smith chiamandolo per la prima volta mister, proprio perché era inglese”. Conoscenza e passione che vanno di pari passo, appunto, così come lo sport e la scuola, e far conoscere la storia dei “Grigi” a fumetti è un’ottima iniziativa per veicolare il messaggio che alla base di ogni successo, sia come studenti sia come calciatori, devono esserci disciplina e impegno. Senza dimenticare il sano divertimento, una sorta di “abitudine” da coltivare. Riprende Marcellini: “Il lavoro di taglio c’è stato nelle fasi iniziali, ma avevo chiaro fin da subito cosa mi andava e cosa non mi andava di raccontare della vita del club. Con Dossola abbiamo voluto rispondere a una domanda usuale – ovvero: ‘Ma cosa ci trovate nell’Alessandria, che gioca nella terza serie del calcio italiano?’ – puntando su un linguaggio finora poco utilizzato nel calcio. Quello del fumetto”.

mezza hurr+á

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Calcio

Walter Zenga, l’uomo ragno tra i grattacieli di Boston Compie oggi 61 anni Walter Zenga, l’Uomo Ragno, storico portiere dell’Inter, ma anche della Sampdoria...

Calcio

FC Stroitel Pripyat: il calcio dimenticato ai piedi del reattore di Chernobyl Il 26 aprile 1986, alle ore 01:23 di mattina, avvenne quello che...

Calcio

Festa della Liberazione: la Resistenza di Giacomo Losi Il 25 aprile 2021 ricorre in Italia il 76esimo anniversario della Festa di Liberazione. Proprio in questo...

Calcio

13/5/1990: Dinamo Zagabria – Stella Rossa, venti(due) di Guerra Se quel giorno le squadre scesero in campo, fu solo per rappresentare la negazione dell’evento...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro