Connect with us

Cerca articoli

Alimentazione

Vino rosso: fa bene o fa male?

Vino rosso: fa bene o fa male?

I benefici per la salute del vino rosso sono dibattuti da tempo. Molti credono che un bicchiere al giorno sia una parte preziosa di una dieta sana, mentre altri pensano che il vino sia un po ‘sopravvalutato. Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che il consumo moderato di vino rosso sembra ridurre il rischio di diverse malattie, comprese le malattie cardiache. Tuttavia, esiste una linea sottile tra un’assunzione moderata ed eccessiva. Questo articolo dà uno sguardo dettagliato al vino rosso e ai suoi effetti sulla salute.

Che cos’è il vino rosso e come viene prodotto?

Il vino rosso è ottenuto dalla pigiatura e fermentazione di uve intere di colore scuro. Esistono molti tipi di vino rosso, che variano nel gusto e nel colore. Le varietà comuni includono Shiraz, Merlot, Cabernet sauvignon, Pinot nero e Zinfandel. La gradazione alcolica varia solitamente dal 12 al 15%. Il consumo di quantità moderate di vino rosso ha dimostrato di avere benefici per la salute. Ciò è dovuto principalmente al suo alto contenuto di potenti antiossidanti. Si ritiene inoltre che l’alcol nel vino contribuisca ad alcuni dei benefici di un consumo moderato di vino

Il paradosso francese

Il vino rosso è spesso ritenuto responsabile del “paradosso francese”. Questa frase si riferisce all’osservazione che i francesi hanno bassi tassi di malattie cardiache, nonostante consumino molti grassi saturi e colesterolo. Alcuni esperti credevano che il vino rosso fosse l’agente alimentare che protegge la popolazione francese dagli effetti nocivi di questi nutrienti. Tuttavia, nuovi studi hanno dimostrato che il colesterolo alimentare e i grassi saturi non causano malattie cardiache se consumati in quantità ragionevoli. La vera ragione dietro la buona salute dei francesi è probabilmente il fatto che mangiano più cibi integrali e vivono stili di vita complessivamente più sani.

Il vino rosso contiene potenti composti vegetali e antiossidanti, incluso il resveratrolo

L’uva è ricca di molti antiossidanti. Questi includono resveratrolo, catechina, epicatechina e proantocianidine. Si ritiene che questi antiossidanti, in particolare il resveratrolo e le proantocianidine, siano responsabili dei benefici per la salute del vino rosso. Le proantocianidine possono ridurre il danno ossidativo nel corpo. Possono anche aiutare a prevenire malattie cardiache e cancro. Il resveratrolo si trova nella buccia dell’uva. Viene prodotto in alcune piante, in risposta a danni o lesioni.

Questo antiossidante è stato associato a molti benefici per la salute, tra cui combattere l’infiammazione e la coagulazione del sangue, oltre a ridurre il rischio di malattie cardiache e cancro. Il resveratrolo può anche far vivere più a lungo gli animali da testare. Tuttavia, il contenuto di resveratrolo del vino rosso è piuttosto basso. Dovresti consumare diversi flaconi al giorno per raggiungere la quantità utilizzata negli studi sugli animali. Ciò non è raccomandato, per ovvi motivi. Se stai bevendo vino solo per il contenuto di resveratrolo, prenderlo da un integratore potrebbe essere un’idea migliore.

Il vino rosso può ridurre il rischio di malattie cardiache, ictus e morte prematura

Piccole quantità di vino rosso sono collegate a più benefici per la salute rispetto a qualsiasi altra bevanda alcolica. Sembra esserci una curva a forma di J che spiega la relazione tra l’assunzione di vino e il rischio di malattie cardiache. Le persone che bevono circa 150 ml di vino rosso al giorno sembrano avere un rischio inferiore di circa il 32% rispetto ai non bevitori. Tuttavia, un’assunzione più elevata aumenta notevolmente il rischio di malattie cardiache. Bere piccole quantità di vino rosso può ridurre il rischio di malattie cardiache aiutando a trattenere il colesterolo HDL “buono” nel sangue. Il danno ossidativo e l’ossidazione del colesterolo LDL “cattivo” possono anche essere ridotti fino al 50% .

Alcuni studi indicano che le popolazioni già ad alto rischio di malattie cardiache, come gli anziani, possono beneficiare ancora di più dal consumo moderato di vino. Inoltre, bere 1-3 bicchieri di vino rosso al giorno, 3-4 giorni alla settimana, può ridurre il rischio di ictus negli uomini di mezza età. Uno studio ha anche dimostrato che il consumo di 2-3 bicchieri di vino rosso dealcolizzato al giorno può abbassare la pressione sanguigna. Molti studi hanno dimostrato che i bevitori moderati di vino hanno un rischio inferiore di morte per malattie cardiache, rispetto ai non bevitori o ai bevitori di birra e liquori.

Altri benefici per la salute del bere vino rosso

Il vino rosso è stato associato a molti altri benefici per la salute, molti dei quali sono attribuiti ai suoi potenti antiossidanti.

Il consumo di vino rosso è legato a:

Rischio ridotto di cancro: gli studi hanno dimostrato che il consumo moderato di vino è collegato a un ridotto rischio di diversi tumori, tra cui tumori del colon, delle cellule basali, delle ovaie e della prostata.

Riduzione del rischio di demenza: bere 1-3 bicchieri di vino al giorno è stato collegato a un ridotto rischio di demenza e malattia di Alzheimer.

Riduzione del rischio di depressione: uno studio su persone di mezza età e anziani ha mostrato che coloro che bevevano 2-7 bicchieri di vino a settimana avevano meno probabilità di diventare depressi.

Riduzione della resistenza all’insulina: bere 2 bicchieri al giorno di vino rosso normale o dealcolizzato per 4 settimane può ridurre la resistenza all’insulina.

Ridotto rischio di diabete di tipo 2 nelle donne: il consumo moderato di vino rosso è stato collegato a un ridotto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 nelle donne.

È chiaro che quantità moderate di vino rosso possono farti bene. Tuttavia, ci sono anche alcuni importanti aspetti negativi da considerare, che sono discussi di seguito.

Effetti negativi sulla salute del consumo eccessivo di alcol

Mentre una quantità moderata di vino rosso può fornire benefici per la salute, consumare troppo alcol può causare effetti devastanti sulla salute.

Questi includono:

Dipendenza da alcol: bere alcolici regolarmente può perdere il controllo e portare all’alcolismo.

Cirrosi epatica: quando vengono consumati più di 30 grammi di alcol (circa 2-3 bicchieri di vino) ogni giorno, aumenta il rischio di sviluppare malattie del fegato. La malattia epatica allo stadio terminale, chiamata cirrosi, è pericolosa per la vita.

Aumento del rischio di depressione: i forti bevitori corrono un rischio molto più elevato di depressione rispetto ai moderati o ai non bevitori.

Aumento di peso: il vino rosso contiene il doppio delle calorie rispetto alla birra e alle bevande analcoliche zuccherate. Un consumo eccessivo può quindi contribuire a un elevato apporto calorico e farti aumentare di peso .

Aumento del rischio di morte e malattie: bere molto vino, anche solo 1-3 giorni a settimana, può aumentare il rischio di diabete negli uomini. L’elevata assunzione di alcol è stata anche collegata ad un aumentato rischio di morte prematura

Dovresti bere vino rosso? Se sì, quanto?

Se ti piace bere vino rosso, non devi preoccuparti a meno che non superi la quantità consigliata. In Europa e in America, il consumo moderato di vino rosso equivale a:

1–1,5 bicchieri al giorno per le donne.

1-2 bicchieri al giorno per gli uomini.

Alcune fonti raccomandano anche di avere 1-2 giorni senza alcol ogni settimana. Bere questa quantità di vino rosso in aggiunta ad altre bevande alcoliche potrebbe facilmente metterti nella fascia di un consumo eccessivo. Se hai fai abuso di altre sostanze, probabilmente dovresti evitare completamente il vino e qualsiasi altra bevanda alcolica. Fai anche molta attenzione se hai una storia familiare di alcolismo.

Prendi nota

Nonostante il vino rosso sia associato ad alcuni benefici per la salute, nessuno di tali benefici è degno di incoraggiare il consumo di alcol. Esistono molti altri modi efficaci per migliorare la tua salute che non richiedono di consumare qualcosa che può essere dannoso. Tuttavia, se bevi vino rosso, non è necessario fermarti del tutto finché ne bevi non più di 1-2 bicchieri al giorno.

(Fonte www.healthline .com)

 

 

A cura di

Da non perdere

Altri Sport

Le due vite “estreme” dell’Ironman Todd Crandell Cominciò tutto con due sorsi di birra, a tredici anni. Iniziò così la road to perdition di...

Altri Sport

Bradley Wiggins, una vita in fuga Compie oggi 41 anni Bradley Wiggins, l’ex ciclista inglese, la cui storia sembra uscita da una biografia di...

Salute e Benessere

Sport e fitness, dagli acquisti di attrezzature online al personal trainer interattivo Con le restrizioni dovute all’emergenza coronavirus, il settore dello sport e fitness...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Integratori

Dieta e Integratori: ecco la bibbia per ogni sportivo Programmare settimanalmente dei momenti da dedicare all’attività fisica è diventato un aspetto sempre più presente...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Salute e Benessere

Prodotti legali a base di CBD: ecco tutto quello che c’è da sapere sui loro benefici I prodotti derivati della pianta di Cannabis sono...

Salute e Benessere

Quali sono i benefici dell’olio di canapa L’olio che proviene dal seme della canapa è altamente nutriente e può essere particolarmente utile per la...

Salute e Benessere

Sigarette elettroniche e salute, tra dubbi e certezze Un tema caldo da anni, da quando questi prodotti hanno fatto la propria comparsa sul mercato...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Allenamento

Cellulite, quando l’attività sportiva può essere utile È uno degli inestetismi maggiormente invisi alle donne di ogni età e di tutte le fasce di...

Alimentazione

Quali sono gli alimenti che aiutano a combattere la fatica? Contrastare la fatica con il supporto degli alimenti: una necessità soprattutto per chi pratica...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro