Connect with us

Cerca articoli

Web e Tecnologia

Vincerà Trump. Lo dice l’algoritmo che dal 1912 non sbaglia “quasi” mai

Wake Up America, it’s time to vote. Oggi, martedì 8 Novembre, i cittadini a stelle e strisce sono chiamati ad eleggere il prossimo presidente degli Stati Uniti d’America e uomo, o forse donna, più potente del mondo. Se oltreoceano è tutto pronto per la diretta second by second, anche in Italia le grandi emittenti hanno preparato varie maratone sfidandosi su chi inizierà prima e su chi darà per primo l’annuncio. Il vizio di “Entertainmentizzare” tutto, tipico della cultura americana, ha colpito anche qui.

TRUMP E L’ALGORITMO:

 I numeri dicono Donald Trump. Non si parla di sondaggi, spesso di parte, che negli ultimi giorni davano a turno davani prima Trump e poi la Clinton, ma di un algoritmo, sviluppato da Helmuth Norpoth, professore di Scienze Politiche alla Stony Brook University, che ha predetto una percentuale schiacciante di vittoria, 97%, da parte del  tycoon qualora avesse battuto Ted Cruz, cosa poi accaduta, nella corsa alle primarie Repubblicane. Anche qualora Trump avesse perso le primarie e ceduto il passo a Ted Cruz, le chance d’insediamento da parte dei repubblicani sarebbero state comunque alte con ben il 61%.

 INFALLIBILITA’ ED IL CASO DEL 1960

Questo modello teorico,  messo in piedi da Norpoth, basandosi sulle performance dei candidati durante le primarie dei partiti d’appartenenza, a cui si uniscono ciclici indizi elettorali, è riuscito a prevedere in modo esatto tutte le elezioni presidenziali dal 1912 ad oggi ad eccezione di una, quella del 1960, che una larga parte di esperti americani considerano “Rigged – manipolata” in favore di J.F. Kennedy. J.F.K. battè Nixon nonostante quest’ultimo vinse in più stati rispetto a lui, 26 contro 22, ma per il meccanismo elettorale basato sui grandi elettori non gli bastò per conquistare la Casa Bianca.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE – TRUMP PIU’ POPOLARE DI OBAMA

Un sistema di intelligenza artificiale, che ha predetto in modo esatto le ultime tre elezioni presidenziali americane, ha confermato che sarà Trump a spuntarla nel testa a testa con Hillary Clinton. MogIA, questo il nome del sistema, sviluppato da Sanjiv Rai, fondatore della start-up indiana Genic.ai, ha preso in considerazione 20 milioni di dati dalle piattaforme pubbliche come Google, Facebook, Youtube, Twitter ecc, e ha creato la predizione.

Creato nel 2004, il sistema in questi 12 anni si è evoluto molto. Ha già predetto in modo esatto entrambi gli esiti delle primarie repubblicane e democratiche. Non solo, i dati presi in esame hanno rivelato che Trump ha superato, su internet, la popolarità che ebbe Barack Obama quando fu eletto presidente per la prima volta nel 2008.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Avrebbe compiuto oggi 72 anni Kresimir Cosic, il fenomeno croato della palla...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Economia

Economia, timori lockdown ed elezioni Usa dettano la linea Due eventi di importanza mondiali che stanno tenendo in scacco l’economia mondiale: uno era prevedibile,...

Altri Sport

Le Olimpiadi della Guerra Fredda: Mike Eruzione e il Miracolo sul Ghiaccio Compie oggi 66 anni Mike Eruzione, un nome che qui in Italia...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport Il 24 ottobre 1972 moriva Jackie Robinson, il primo afroamericano della storia a debuttare...

Basket

Shawn Kemp, un potenziale MVP con la testa sbagliata nella Nba degli anni Novanta Spesso e volentieri tanti addetti ai lavori sottolineano quanto sia...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno rimandata a...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 57 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Calcio

Quando Ilya Shkurin, l’ennesimo calciatore sceso in campo nelle proteste in Bielorussia, nasceva a Vitebsk, nell’agosto del 1999, il mandato del presidente Alexander Lukashenko...

Altri Sport

Le due vite “estreme” dell’Ironman Todd Crandell Cominciò tutto con due sorsi di birra, a tredici anni. Iniziò così la road to perdition di...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro