Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Vieni in Qatar, diventerai Pelè

I petrodollari alla conquista dell‘Europa calcistica. Gli Emirati Arabi, da anni, finanziano il calcio europeo con carte di credito a plafond illimitato. A giovarsene, più degli altri, Manchester City e PSG. Sin qui la storia è nota. C’è anche dell’altro, però… 

Anche l’ultima frontiera del calcio giovanile  proviene dal  Qatar. Si chiama Aspire. Una società fondata nel 2005 per volontà dello  Sceicco Jasim Al Thani. Una “accademia del calcio”. I ragazzi, dell’età media di circa 12 anni, sono selezionati in età scolare in Africa a in Asia previo superamento di diverse prove tecnico fisiche. Quindi sono affidati a un team staff di fisiologi, preparatori atletici, allenatori e psicologi. I prescelti destinati al calcio sono obbligati a far parte della “scuderia Aspire”, che ne detiene lo sfruttamento dei diritti di immagine.

Una volta cresciuti, i migliori  (quasi tutti under 20 e comunque di fascia di età fra il 2001 e il 2005) vengono mandati a giocare nelle società amiche europee o testati in amichevole con i pari età dei top club europei. Gli altri restano a giocare nella QFA (Qatar Football Association).

La prima scelta Aspire è la Kas Eupen. Milita nel campionato belga di Tweede Classe, equivalente della nostra serie B. Ha la precedenza perchè quasi tutti i ragazzi hanno dimestichezza col francese. Fra l’altro, Aspire sfrutta anche la legge locale: dopo 3 anni di residenza nel paese mitteleuropeo si può richiedere la cittadinanza belga.  Ciò significa che i calciatori asiatici diciottenni possono essere “riciclati” e trasformati in atleti dal passaporto comunitario. Quindi cedibili senza problemi nei mercati più appetibili del vecchio continente.

Le altre due basi sono in Austria e Spagna. Aspire possiede le quote del Lask Linz, club austriaco di seconda divisione: l’accordo prevede che la fondazione apra delle accademie anche in Austria. In Spagna, dove i club minori sono acquisibili con spese da saldo, Aspire ha rilevato la maggioranza del Leonesa, squadra di Lega Pro, accollandosi il debito da 1,7 milioni. Una cifra, per i ricchi qatarioti, paragonabile una multa ridotta per divieto di sosta.

Investimenti mirati, per un obiettivo lontano sei anni. Qatar 2022. Le accademie nascono e inculcano la cultura professionistica. Non è solo un gioco, ma un investimento mirato: fra qualche anno, il Qatar (che ha un bacino di utenza limitato, appena un milione di abitanti) avrà una nazionale con giocatori  naturalizzati provenienti da tutto il globo e con una esperienza in campionati molto più competitivi rispetto a quelli asiatici. Un salto di qualità, nell’attesa che accada qualcosa di grande.

La sensazione è che prima o poi, nel firmamento calcistico, brillerà una stella proveniente dalla “Aspire”. In Italia, per ora, vi sono stati due “prodotti” targati Aspire: M’Poku ora al Chievo dopo una stagione al Cagliari e Lestienne, che dopo  l’esperienza al Genoa, ora gioca per il PSV.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Pingback: XXI SECOLO: ANCHE IL CALCIO SI SPOSTERA’ VERSO IL PACIFICO? | Io Gioco Pulito

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro