Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

I Videogame sono gioco d’azzardo che crea dipendenza?

[themoneytizer id=”27127-1″]

I Videogame sono gioco d’azzardo che crea dipendenza?

Ora è gioco d’azzardo giocare anche a Fifa 20. Due legali francesi spiegano il perché e fanno causa.

Secondo Morand-Lahouazi e Victor Zagury la EA avrebbe creato un sistema che porta utenti, anche molto giovani, a sperperare denaro in modo incontrollato per ottenere i giocatori migliori nel famosissimo gioco Fifa 20.

La modalità Fut (Fifa Ultimate Team) dove è possibile scalare le classifiche mondiali creando la propria squadra dei sogni, dovrebbe essere classificata, secondo i due avvocati, come gioco d’azzardo.

La causa ruota intorno al fatto che i giocatori possono spendere soldi reali sui vari pacchetti di carte e sono incentivati a continuare a comprare nella speranza che la casualità regali un giocatore molto forte per la propria squadra.

Quando un cliente si è rivolto a loro dicendo di aver speso più di 600 euro senza essere mai riuscito ad ottenere uno dei tanto agognati top player i due legali si sono messi ad indagare e la loro opinione con cui hanno intentato causa è che: “Gli sviluppatori hanno creato un sistema di gioco illusorio che crea dipendenza, e che l’acquisto di pacchetti è da considerarsi in tutto e per tutto equiparabile a scommettere”.

Altro problema è quello sul controllo dell’età: “Un ragazzino di 11 o 12 anni può giocare a Fut e spendere soldi reali senza restrizioni perché non c’è alcun controllo parentale” – hanno continuato i legali.

Non vi è dubbio che la modalità Fut dia dipendenza, coadiuvata anche dal bombardamento di youtuber/gamer che mostrano in continuazione le loro gesta nel giocare e nello “spacchettare”, ma non c’è assolutamente prova che questo sia fatto appositamente per creare un sistema di assuefazione atto a far spendere il più possibile ai gamers.

Il controllo dell’età in relazione alla possibilità di spendere soldi dovrebbe essere migliorato ma per quanto concerne il resto rimane responsabilità personale il non dover spendere metà stipendio per trovare Cristiano Ronaldo o Messi ad un videogioco. E se si pensa il contrario non è colpa degli sviluppatori di Fifa ma le cause è evidente che vadano ricercate altrove.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Da non perdere

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 37 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e Milan che,...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 7 marzo 1908 nasceva nel quartiere capitolino...

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro