Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Via del Campo: Nemmeno Roy Keane ha fermato gli Haaland

[themoneytizer id=”27127-1″]

Via del Campo: Nemmeno Roy Keane ha fermato gli Haaland

Haaland, Haaland, Haaland. Negli ultimi giorni, il web si è riempito del suo cognome. Si parla solamente di Erling Braut, a giusto titolo. Classe 2000, attaccante completo, punta del Borussia Dortmund che ha fatto piangere (almeno per adesso) il PSG di Neymar, Mbappe’ e co. con una doppietta. Forse non tutti sanno che anche suo papà Alf-Inge, detto Alfie è stato calciatore. Di più, è stato protagonista (o, per meglio dire, vittima) di uno degli interventi più “efferati” della storia del calcio. Peggio, probabilmente, ha fatto solo quel “delinquente” di Joey Barton.

Qualche anno prima che nascesse l’attuale giovanissimo fenomeno degli austriaci di casa Red Bull, suo papà Alfie incrociò il suo destino con Roy Keane, spigoloso mediano difensivo (e bandiera) del Manchester United. In un contrasto di gioco tra i due, l’irlandese ebbe la peggio: si ruppe i legamenti e rimase a terra dolorante. Alfie gli si avvicinò e, conscio del fatto che a cercare il contatto fosse stato il suo avversario, a muso duro gli urlò di rialzarsi e di smettere di simulare. “Get up and stop faking it”. Parole come queste a un irlandese dal temperamento poco docile come Roy si impressero a fuoco nella memoria. Il viso del difensore norvergese del Leeds, pure.

Leeds (città natale di Erling), tra l’altro, è sottile anello di congiunzione tra Haaland e Keane. Lo scandinavo ci ha semplicemente giocato tre stagioni della sua carriera. Per quanto riguarda Keane, invece, nella sua formazione di calciatore non può non aver avuto un’influenza l’ingombrante presenza di Brian Clough, passato alla storia oltre che per l’appellativo di “football genius”, anche per la sua fugacissima esperienza alla guida del club nel West Yorkshire. Chi avrà visto il film a lui dedicato (“Il maledetto United”, 2009), conoscerà il personaggio. Qui basti sapere che Keane ha vissuto i suoi primi anni da calciatore in Premier al Nottingham Forest (di cui peraltro adesso è allenatore in seconda di O’Neill), contestualmente agli ultimi anni in panchina di Clough.

Dallo scontro ravvicinato tra Keane e Haaland passarono quattro lunghi anni. Qualsiasi altro calciatore avrebbe seppellito l’ascia di guerra, in nome dei sani valori inglesi dello sport. Non Roy Keane. L’Old Trafford come luogo e il derby di Manchester come scena del delitto. L’86esimo, come minuto della vendetta. La gamba come spada nel ginocchio di Haaland. Alfie provò per due anni a tornare a giocare, non ci riuscì, la sua carriera si fermò a quel giorno. Quella di Keane continuò e conobbe altri successi. Nei suoi libri, Keane ha sempre tenuto a precisare che non si è pentito di tante cose nella sua vita, ma non di quel gesto.

Per una carriera spezzata, un’altra che fiorisce, sui rami dello stesso albero genealogico. Le 20 reti fatte segnare dal giovane Haaland nelle gare disputate in stagione sino ad oggi sembrano una rampa di lancio verso il riscatto, che il destino vuole concedere agli Haaland. Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior. La spregiudicatezza di Keane ha concimato, Alfie ha allevato. Erling proverà ad essere la “Rosa Juliet” di casa Haaland.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Avatar
A cura di

Da non perdere

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona. Nato...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Pugilato

La storia del Terribile Terry, il piccolo Mike Tyson di un secolo fa Nato il 9 marzo del 1880 col nome Joseph Terrence McGovern,...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Altri Sport

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta Nel 1982 Italia campione del mondo nel calcio e nel ciclismo. Otto anni dopo terza in entrambi...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Tutto comincia in una zona borghese di Brema nel 1923, nella quale il giovane Bernhard...

Motori

Auguri Dottore, 42 anni di rivoluzione Spegne oggi 42 candeline Valentino Rossi. A contarle sono tante per uno sportivo, poche invece per lui e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro