Connect with us

Cerca articoli

Tennis

Venus-Roger: l’esperienza al potere

Sorprendono e sorprende che nonostante tutto, in finale nel primo Slam stagionale ci siano due veterani che hanno scritto pagine memorabili del tennis mondiale. Proprio loro, eleganti nei gesti tecnici e nelle movenze, con una grande dose di professionalità.

Venus Williams, la Venere del tennis professionistico, a 36 anni e 7 mesi raggiunge la 15esima finale in un Grande Slam (57 finali Wta nel singolare e 22 vittorie nel doppio). Per Venus ben 49 titoli Wta vinti e un primato leggendario: è stata la prima tennista afroamericana dell’era open ad occupare la prima posizione del ranking e, nel decennio 2000-2010 è la giocatrice ad aver vinto di più a Wimbledon, con 5 vittorie su 8 finali (di cui 4 consecutive, dal 2000 al 2003). Una vera e propria protagonista di questi anni che torna alla ribalta, dopo anni con più bassi che alti, e si troverà di fronte nell’atto finale degli Open d’Australia la sorella Serena. Le due Williams si ritrovano in finale a Melbourne 14 anni dopo. Tanti anni, tanti successi e momenti bui ma le sorelle non hanno smesso di lasciare il segno nel grande tennis ed ora, sono pronte a riscrivere un’altra pagina del tennis.

Roger Federer, (tra pochi mesi anche lui 36enne) considerato tra i più grandi giocatori della storia del tennis – è stato il numero 1 al mondo per 237 settimane consecutive, record tuttora imbattuto, dal 2 febbraio 2004 al 17 agosto 2008 – dopo aver fatto fuori in semifinale il connazionale Stan Wawrinka in 5 set, è pronto a disputare la sua sesta finale del torneo australiano (vinto 4 volte). Attualmente al 17esimo posto del ranking Atp, potrebbe sfidare nell’ultimo atto competitivo l’avversario storico di mille battaglie, Rafael Nadal. Se così fosse, ci sembrerebbe di ritornare indietro nel tempo, quando i due si contendevano il trono mondiale, dominando in lungo e in largo in ogni torneo.

Vederli ancora oggi sui grandi palcoscenici fa certamente effetto. Cos’è che li rende così competitivi nonostante l’età? Forse oltre alle grandi-immense doti tecniche e mentali, la grande professionalità, la voglia e la determinazione di esprimersi sempre al massimo, a unire tutto ciò credo ci sia la grande passione che alimentano per questo sport che non smette mai di farli divertire.

Forse è proprio questo il segreto vincente.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Storie di Sport

Jimmy Arias: la stella cadente che inventò il dritto moderno Compie oggi 56 anni Jimmy Arias, il tennista statunitense considerato il padre del dritto...

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Quella che sto per raccontarvi è una delle storie più romantiche...

Storie di Sport

Roger Federer: alla scoperta della persona più importante della sua carriera Compie oggi 39 anni Roger Federer, il fenomeno svizzero considerato da molti il...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Per i 47 anni compiuti ieri Andrea Gaudenzi, vi raccontiamo quando il tennista italiano ci fece vivere...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Il 10 luglio 1943 nasceva Arthur Ashe, il leggendario tennista afroamericano, unico nero ad aver vinto Wimbledon....

Interviste

70 anni di Adriano Panatta: a tu per tu con la Leggenda del tennis italiano In questa delicatissima fase storica rivedere la luce di...

Calcio

Svezia 1958, il Mondo ai piedi di O’Rei Pelé Il 29 giugno 1958 al Rasundastadion di Stoccolma il Brasile si impone per 5 a...

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi Ho poche persone come riferimento nella mia esistenza. Ognuna ha il suo bravo posto arredato e un contratto a...

Calcio

Italia 1934, la vittoria azzurra all’ombra del Fascio Il 10 giugno 1934 terminavano i Mondiali di calcio di Italia 1934 con la prima vittoria...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro