Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn

Il 26 gennaio 1919 nasceva Valentino Mazzola, leggenda del nostro calcio e capitano dell’indimenticabile Grande Torino. Vi raccontiamo la sua storia.

Tulèn, in dialetto settentrionale, è colui che prende a calci le latte. Nella Cassano D’Adda degli anni ’30, la pratica di prendere a calci qualsiasi cosa, perché il pallone non era economicamente accessibile a tutti, era particolarmente in voga.

Tulèn però, etimologicamente, non era solo un termine dialettale, ma anche un soprannome, quello dato ad un certo Valentino Mazzola che, a Cassano d’Adda appunto, ci viveva.

Dieci anni, capelli biondi e ricci, Tulèn, non si fa apprezzare solo per il fatto di prendere a calci qualcosa, ma soprattutto per come prende a calci qualcosa, il pallone, in particolare.

E infatti, il viaggio da Cassano a Venezia fu breve, come quello dalle latte ad uno stadio vero, in Serie A, dopo essere stato notato, pensate un po’, durante il servizio di leva in una partitella durante la quale giocò a piedi scalzi e con un peso corporeo che oscillava sui 90 chili.

Rimase poco a Venezia, Tulèn. Un paio d’anni, una sessantina di presenze e dodici goal. Quanto basta per volare da un’altra parte, a Torino. Dove Ferruccio Novo, presidente dei granata, lo strappò per 250.000 lire alla concorrenza della rivale storica, la Juventus.

Qui,  Valentino Mazzola, che di anni nel frattempo di anni ne ha ventitré, incontra la potenza di una città, di una maglia, di un colore: il granata.

Nascerà un rapporto di amore che non avrà fine, anche se la fine, di Tulèn e degli altri, quelli là, quelli del Grande Torino, arriverà da lì a sette anni, il 4 Maggio 1949, quando, il volo Fiat G.212  della compagnia aerea ALI, siglato I-ELCE, con a bordo tutta la squadra granata, andrà a schiantarsi sul muraglione del terrapieno posteriore della Basilica di Superga.

Tanti furono gli episodi che, prima di quell’ultimo e tragico sussulto, portarono il Torino di Valentino Mazzola a non essere più una semplice squadra, ma la squadra più forte del mondo. Eppure se tu chiedi ad un tifoso del Torino in che cosa può essere riassunto lo spirito granata, oltre al tremendismo, lui ti parlerà di qualcosa che va oltre il calcio, qualcosa di intimo, una di quelle leggende che si raccontano ai bambini nei pomeriggi d’estate, per farli stare buoni e magari, farli sognare un po’.

Il quarto d’ora granata. L’attimo in cui, Oreste Bolmida, umile ferroviere tifoso del Toro, suonava la sua tromba dagli spalti del Filadelfia e Valentino Mazzola, Tulèn, il capitano, si rimboccava le maniche. E il Torino, pardon, il Grande Torino, diventava imbattibile.

102 anni fa, nasceva Valentino Mazzola, Tulèn, il capitano degli Invincibili.

Avatar
A cura di

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Marco Galiazzo, l’occhio di falco azzurro Momenti decisivi per le sorti delle Olimpiadi di Tokyo che, a detta del...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

Le meteore della Serie A: il ‘lavapiatti’ milanista  Harvey Esajas 12 gennaio 2005. Mancano soltanto cinque minuti al termine della sfida tra il Milan...

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona. Nato...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua nascita, datata 18 febbraio 1898. “Perché a vent’ anni...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro