Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn

Tra le vittime della Strage di Superga avvenuta il 4 maggio di 72 anni fa c’era anche Valentino Mazzola, leggenda del nostro calcio e capitano dell’indimenticabile Grande Torino. Vi raccontiamo la sua storia.

Tulèn, in dialetto settentrionale, è colui che prende a calci le latte. Nella Cassano D’Adda degli anni ’30, la pratica di prendere a calci qualsiasi cosa, perché il pallone non era economicamente accessibile a tutti, era particolarmente in voga.

Tulèn però, etimologicamente, non era solo un termine dialettale, ma anche un soprannome, quello dato ad un certo Valentino Mazzola che, a Cassano d’Adda appunto, ci viveva.

Dieci anni, capelli biondi e ricci, Tulèn, non si fa apprezzare solo per il fatto di prendere a calci qualcosa, ma soprattutto per come prende a calci qualcosa, il pallone, in particolare.

E infatti, il viaggio da Cassano a Venezia fu breve, come quello dalle latte ad uno stadio vero, in Serie A, dopo essere stato notato, pensate un po’, durante il servizio di leva in una partitella durante la quale giocò a piedi scalzi e con un peso corporeo che oscillava sui 90 chili.

Rimase poco a Venezia, Tulèn. Un paio d’anni, una sessantina di presenze e dodici goal. Quanto basta per volare da un’altra parte, a Torino. Dove Ferruccio Novo, presidente dei granata, lo strappò per 250.000 lire alla concorrenza della rivale storica, la Juventus.

Qui,  Valentino Mazzola, che di anni nel frattempo di anni ne ha ventitré, incontra la potenza di una città, di una maglia, di un colore: il granata.

Nascerà un rapporto di amore che non avrà fine, anche se la fine, di Tulèn e degli altri, quelli là, quelli del Grande Torino, arriverà da lì a sette anni, il 4 Maggio 1949, quando, il volo Fiat G.212  della compagnia aerea ALI, siglato I-ELCE, con a bordo tutta la squadra granata, andrà a schiantarsi sul muraglione del terrapieno posteriore della Basilica di Superga.

Tanti furono gli episodi che, prima di quell’ultimo e tragico sussulto, portarono il Torino di Valentino Mazzola a non essere più una semplice squadra, ma la squadra più forte del mondo. Eppure se tu chiedi ad un tifoso del Torino in che cosa può essere riassunto lo spirito granata, oltre al tremendismo, lui ti parlerà di qualcosa che va oltre il calcio, qualcosa di intimo, una di quelle leggende che si raccontano ai bambini nei pomeriggi d’estate, per farli stare buoni e magari, farli sognare un po’.

Il quarto d’ora granata. L’attimo in cui, Oreste Bolmida, umile ferroviere tifoso del Toro, suonava la sua tromba dagli spalti del Filadelfia e Valentino Mazzola, Tulèn, il capitano, si rimboccava le maniche. E il Torino, pardon, il Grande Torino, diventava imbattibile.

102 anni fa, nasceva Valentino Mazzola, Tulèn, il capitano degli Invincibili.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 26 Luglio 1953 in occasione dell’assalto alla caserma Moncada, perde la vita il pugile...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Serie A: il prossimo anno sarà un campionato equilibrato? Il pallone non si ferma. Con la sbornia della vittoria agli Europei ancora da smaltire...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

Lello Bersani, l’uomo al microfono tra cinema e sport La voce della cultura e dello sport. Lello Bersani, romano di nascita, sposa la radio...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro