Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn

[themoneytizer id=”27127-1″]

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn

Tra le vittime di quel maledetto 4 Maggio 1949 sulla collina di Superga in cui il Grande Torino fu affidato alla storia e alla memoria di tutti, c’era ovviamente anche lui, Valentino Mazzola, capitano di quella squadra leggendaria. Vi raccontiamo la sua storia.

Tulèn, in dialetto settentrionale, è colui che prende a calci le latte. Nella Cassano D’Adda degli anni ’30, la pratica di prendere a calci qualsiasi cosa, perché il pallone non era economicamente accessibile a tutti, era particolarmente in voga.

Tulèn però, etimologicamente, non era solo un termine dialettale, ma anche un soprannome, quello dato ad un certo Valentino Mazzola che, a Cassano d’Adda appunto, ci viveva.

Dieci anni, capelli biondi e ricci, Tulèn, non si fa apprezzare solo per il fatto di prendere a calci qualcosa, ma soprattutto per come prende a calci qualcosa, il pallone, in particolare.

E infatti, il viaggio da Cassano a Venezia fu breve, come quello dalle latte ad uno stadio vero, in Serie A, dopo essere stato notato, pensate un po’, durante il servizio di leva in una partitella durante la quale giocò a piedi scalzi e con un peso corporeo che oscillava sui 90 chili.

Rimase poco a Venezia, Tulèn. Un paio d’anni, una sessantina di presenze e dodici goal. Quanto basta per volare da un’altra parte, a Torino. Dove Ferruccio Novo, presidente dei granata, lo strappò per 250.000 lire alla concorrenza della rivale storica, la Juventus.

Qui,  Valentino Mazzola, che di anni nel frattempo di anni ne ha ventitré, incontra la potenza di una città, di una maglia, di un colore: il granata.

Nascerà un rapporto di amore che non avrà fine, anche se la fine, di Tulèn e degli altri, quelli là, quelli del Grande Torino, arriverà da lì a sette anni, il 4 Maggio 1949, quando, il volo Fiat G.212  della compagnia aerea ALI, siglato I-ELCE, con a bordo tutta la squadra granata, andrà a schiantarsi sul muraglione del terrapieno posteriore della Basilica di Superga.

Tanti furono gli episodi che, prima di quell’ultimo e tragico sussulto, portarono il Torino di Valentino Mazzola a non essere più una semplice squadra, ma la squadra più forte del mondo. Eppure se tu chiedi ad un tifoso del Torino in che cosa può essere riassunto lo spirito granata, oltre al tremendismo, lui ti parlerà di qualcosa che va oltre il calcio, qualcosa di intimo, una di quelle leggende che si raccontano ai bambini nei pomeriggi d’estate, per farli stare buoni e magari, farli sognare un po’.

Il quarto d’ora granata. L’attimo in cui, Oreste Bolmida, umile ferroviere tifoso del Toro, suonava la sua tromba dagli spalti del Filadelfia e Valentino Mazzola, Tulèn, il capitano, si rimboccava le maniche. E il Torino, pardon, il Grande Torino, diventava imbattibile.

101 anni fa, nasceva Valentino Mazzola, Tulèn, il capitano degli Invincibili.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Jan Jongbloed: c’erano una volta un tabaccaio, un pescatore e un portiere di calcio Compie oggi 80 anni Jan Jongbloed, storico portiere di quella...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Motori

Vittorio Brambilla, un pilota da film Sbucano sempre da qualche parte, i ricordi più rari. Quando meno te lo aspetti, sembrano materializzarsi dal nulla,...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Il 9 novembre 1989 cadeva il Muro...

Calcio

“C’è del Marcio in Danimarca”. E l’Italia scoprì il sospetto di combine in Serie A L’8 novembre 1903 nasceva Luigi Allemandi, difensore dell’Italia Campione...

Calcio

Maradona e il fango di Acerra In questi giorni in cui Diego Armando Maradona si è ripreso la scena prima per i suoi 60...

Calcio

I diritti Tv nel calcio. Cosa potrebbe cambiare a stretto giro? Il calcio in televisione, un tema lungo ed articolato che affonda le sue...

Calcio

Illustrazione di David Diehl Oleg Blokhin, l’oro dell’URSS Compie oggi 68 anni Oleg Blokhin, leggenda del calcio sovietico e pallone d’oro del 1975. Per...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro