Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Urby Emanuelson, bordate contro la Serie A: “Non andate in Italia”

Qualche giorno fa, sulla Gazzetta dello Sport nelle pagine dell’inserto “Extra Time” vengono riportare le parole di Urby Emanuelson nei confronti del calcio italiano. Bordate che forse nessuno si aspettava e che smontano il campionato di serie A e alcune squadre ritenute tra le più blasonate.

L’articolo, intitolato “Non andate in Italia!” evidenzia come l’olandese non sia stato per nulla contento della sua esperienza italiana (o forse in una sola esperienza). Alle pagine del quotidiano olandese “Voetbal International” ha rilasciato un’intervista che si può definire fuori dal coro. Sbarcato in Italia nel 2011, si accasa al Milan. Nonostante la sua prima esperienza sia ritenuta da lui stesso positiva e avvenuta quando era tra i più giovani della rosa rossonera, a proposito di invitare i giovani a giocare in Italia dice: “A ogni giovane do lo stesso consiglio: non andare a giocare in Italia”. Prosegue: “Lì il calcio è politica, non sempre giocano i migliori, contano altri fattori. Ad esempio essere nel giro giusto, in termini di amicizie e conoscenze”.

A proposito della sua esperienza al Milan dice: “Ero il ragazzino, con un sacco di campioni. Pirlo, Ibra, Nesta, Thiago Silva, Seedorf, Van Bommel. Gli ultimi due mi hanno aiutato molto, c’era concorrenza fortissima ma sana. Se davi il massimo prima o poi saresti stato premiato”. Chiusa la parentesi rossonera, nel 2014 passa alla Roma. Nei confronti della gestione societaria e tecnica il trentenne olandese non va per il sottile, anzi. “Pessima scelta, nella settimana in cui fui preso arrivarono in 6. Non si trattava più di competizione ma di sopravvivenza. Mi ritrovavo in tribuna, vedevo la squadra giocare da cani, ma non cambiava niente”. Emanuelson critica anche l’operato di Rudy Garcia: “Mi diceva di avere pazienza. Poi al momento dei cambi, sceglieva sempre qualcun altro. Spiegazioni zero, consigli su cosa migliorare zero”. Aria pesante e poca serenità lo portano infatti a concludere l’avventura romana con solo due presenze. Le successive due esperienze in squadre meno blasonate non andarono meglio: “All’Atalanta iniziai bene, poi Colantuono venne esonerato e Reja mi disse che non aveva bisogno di me”. Al Verona, nell’ultima sua esperienza italiana culminata con la retrocessione in B l’ambiente non fu dei migliori: “A Verona non andò meglio, anche lì ci fu il cambio del tecnico e l’aggravante di una stagione disgraziata per tutti. A fine torneo il mister mi riportò alle origini, trequartista o ala, ma erano mosse della disperazione per un team condannato alla B”.

Dichiarazioni che sicuramente non fanno bene al calcio italiano. Dette da un giocatore che ha comunque trascorso 5 anni in Italia possono avere la loro importanza. Le voci dello spogliatoio spesso vengono taciute ed i malumori difficilmente escono o vengono portati a galla. Sentendo queste parole, si può evincere che certi risultati non sono avvenuti per caso ma anzi, si può dire con certezza che il gruppo vale più e viene prima di qualsiasi vittoria.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ranieri e il destino a luci rosse dietro la favola Leicester Compie oggi 70 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome sarà per...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Nils Liedholm: c’era una volta il “Barone” Avrebbe compiuto ieri 99 anni Nils Liedholm, indimenticabile Barone svedese del calcio italiano. Personaggio unico e inimitabile...

Interviste

A Tu per Tu con Paolo Scalera, direttore di GPOne. Paolo, che oltre ad essere giornalista, è laureato in giurisprudenza, è stato anche atleta...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Il 2 ottobre 2005 ci salutava  Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro...

Calcio

Mourinho, quei due partiti così fastidiosi Due partiti, più che due correnti di pensiero e, “romanisticamente” parlando, vale sempre la pena precisare che non...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 45 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

A Tu per Tu con Diana Di Meo. Diana, che è arbitro, per precisione assistente, ha una grande passione per il calcio e fa...

Calcio

Sempre jogando, Dirceu Il 15 settembre 1995 moriva in un incidente stradale a soli 43 anni il calciatore brasiliano Dirceu, vecchia conoscenza della Serie...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Con l’Armistizio firmato da Badoglio l’8 settembre del 1943, iniziava...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Roberto Rosato, “Faccia d’angelo” rossonera Piemontese, nato il 18 agosto 1943. Campione d’Italia, d’Europa e del mondo con il Milan. Ma non è Gianni...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro