Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Uniti per la Pace: Totti e Maradona si sfidano davanti a Papa Francesco

Papa Francesco è da sempre grande appassionato di calcio. Famosa la sua “fede”, in questo caso sportiva con tanto di abbonamento, per il club argentino del San Lorenzo, compagine ricevuta in Vaticano sia nel 2014 in occasione della vittoria della compagine rossoblu in campionato, sia lo scorso settembre, alla vigilia del match di beneficenza con la Roma, il cui incasso fu devoluto alle vittime del terremoto in centro Italia. Proprio la ricostruzione delle zone colpite dal sisma è una priorità per il Pontefice che, infatti, ha organizzato per il 12 ottobre la seconda partita “Uniti per la pace”, durante la quale i campioni del calcio mondiale si sfideranno in un match dove verranno raccolti fondi per i paesi devastati dai crolli di fine agosto. Creare una cultura della pace e una giustizia sociale in particolare per bambini e giovani, ai quali spesso in molte parti del mondo sono negati diritti essenziali come istruzione e assistenza. Questi sono i punti fondamentali della manifestazione.

Su questa linea, l’incasso non sarà devoluto solo ai terremotati ma anche alle periferie italiane argentine e di Kinshasa attraverso i programmi sociali ed educativi della Fondazione Scholas Occurrentes, CSI, UNITALSI e AMLIB. Parteciperanno alla partita oltre che i giocatori di Roma e Lazio tra cui gli argentini Perotti, Biglia, Paredes, Iturbe e Cataldi e Murgia, intervenuti anche alla presentazione dell’evento, anche altre stelle del panorama calcistico mondiale. Alla lista dei partecipanti si aggiunge anche il neo quarantenne Francesco Totti che sfiderà niente meno che il numero dieci per eccellenza Diego Armando Maradona, grande amico ed estimatore di Papa Francesco.

A completare la kermesse di giocatori, altre leggende del football come Roberto Carlos, Crespo, Ronaldinho, Zambrotta, Capello e tanti altri. “È tempo di mostrare che siamo capaci di fare pace attraverso il gioco, e anche con l’arte“. Queste le parole di Francesco alla conferenza di presentazione. “La pace va costruita per esempi e i giocatori possono esserlo” questa la sintesi del pensiero del Papa e del Vaticano sul ruolo che gli sportivi possono avere come strumento per veicolare un messaggio di pace in un mondo afflitto quotidianamente da episodi di violenza e guerra.
Appuntamento quindi al 12 ottobre allo Stadio Olimpico (diretta tv su Rai 1 alle 21.15) per vedere e confermare, una volta per tutte, che il calcio non è solo stipendi d’oro e social network, ma un motore per smuovere le coscienze e rinfrancare gli animi.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

A modo suo: “El Trinche” Carlovich L’8 maggio 2020 ci salutava, vittima di una rapina, “El Trinche” Carlovich, iconico giocatore argentino che ha sempre...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi Per i 51 anni compiuti oggi dal leggendario tennista Andre Agassi, vi raccontiamo un episodio che spiega bene il...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Calcio

Walter Zenga, l’uomo ragno tra i grattacieli di Boston Compie oggi 61 anni Walter Zenga, l’Uomo Ragno, storico portiere dell’Inter, ma anche della Sampdoria...

Calcio

FC Stroitel Pripyat: il calcio dimenticato ai piedi del reattore di Chernobyl Il 26 aprile 1986, alle ore 01:23 di mattina, avvenne quello che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro