Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Un’Aquila di nome Julian Nagelsmann

[themoneytizer id=”27127-1″]

Un’Aquila di nome Julian Nagelsmann

Le aquile sono animali solitari proprio perché volano troppo in alto. Una volta una persona cara mi disse questa frase. Voleva essere un complimento a me, che tuttora non penso di meritare. Ma è vero. Aggiungo che per essere davvero aquile, bisogna avere una ferita emotiva, una crepa da cui è entrata la luce. E avere due spalle così per sopportare i detrattori e a volte anche due palle così. Senza la S.

Il ragazzo che vedete in foto si chiama Julian Nagelsmann. Ha trentadue anni. Un visino da studente universitario che vedi uscire la mattina. Eppure Julian è uno che sa il fatto suo. Fa l’allenatore di calcio. Voi direte: “a trentadue anni?” Sì, e non in qualche squadretta. La sua carriera di calciatore l’aveva interrotta a ventuno anni per problemi fisici, inizia ad allenare e a ventotto anni, quasi per disperazione, l’Hoffenheim, squadra tedesca, gli affida la panchina al posto di Huub Stevens che va via per problemi di salute. Il ragazzo riesce prima a portare la squadra alla salvezza, l’anno dopo, ai preliminari di Champions. A trent’anni è un trascinatore fatto e finito anche per suoi giocatori più vecchi. E gli stessi anziani della squadra che ridacchiavano di lui si sono dovuti arrendere all’evidenza, il ragazzo ha stoffa eccome.

Chi ha lavorato con lui dice che ha trent’anni solo sulla carta. L’anno scorso fu sul punto di sostituire Zidane al Real Madrid, ma non fu il Real a scartarlo, fu lui a dire di no. Anzi disse: “ho appena portato la mia squadra in Champions, non mi sembra giusto abbandonarli ora e poi è un passo avventato, non sono pronto”. Chiunque al suo posto sarebbe andato di corsa a saziare il proprio ego ipertrofico. Anche il Bayern, tempo fa, quando lo allenava Ancelotti, lo voleva. La risposta di Julian: “non mi permetterei mai nemmeno lontanamente di dire che posso allenare la squadra al posto suo, ma che mi piacerebbe un giorno, siamo sinceri, ha più trofei lui in bacheca che mutande io nell’armadio”. Ma la vita di Julian non ha solo la cicatrice dell’infortunio.

A vent’anni, l’anno prima che si ritirasse, Julian ha perso il padre, suicida in casa dove viveva anche lui. A chi ogni tanto con delicatezza lo porta a pensarci, ha risposto “vorrei dirgli che non sono arrabbiato per quel che ha fatto ma che sarebbe bello se potessimo vivere il mio successo insieme”, da quel momento ha assistito la madre e non le ha fatto mancare nulla. Poi è un ragazzo per bene, se dipendesse da lui, il mondo sarebbe un posto dove non dovrebbe esserci razzismo, ma non dipende da lui, chiosa.

Ora Julian allena il Lipsia, che fa la Champions ed è secondo in campionato. Poco tempo fa ha raccontato una cosa curiosa che denota il suo attaccamento al lavoro. La moglie si lamenta che durante la notte, lui urla nel sonno continuamente. Grida indicazioni ai suoi giocatori mentre dorme. E lei è seccata da questo. Ma la nemesi non si è fatta attendere. Infatti è papà di un bimbo e quando potrebbe riposare da impegni calcistici, è lui che lo tiene sveglio e Julian dice con ironia: “d’altronde non posso pretendere che per mio figlio la Champions abbia la stessa importanza che ha per me”.

Non so se questa storia ha un che di ordinario, se sì, vorrei che lo fosse tanto quanto incrociare delle aquile che ci volano sopra la testa. Ci sentiremmo meno soli.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La Tigre Arkan e un sogno chiamato Champions League Il 15 Gennaio del 2000 moriva Željko Ražnatović, meglio conosciuto come la Tigre Arkan, il...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Pugilato

Chi era Jackie McCoy, eroe silenzioso nel rumoroso mondo della boxe Il 15 gennaio del 1997 moriva di cancro Jackie McCoy, per quarantasei lunghi...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Basket

Conrad McRae, “Icaro Mangiafuoco” della palla a spicchi Avrebbe compiuto oggi 49 anni Conrad McRae, lo sfortunato cestista che nel Basket Europeo ha lasciato...

Calcio

Günter Netzer, Sigfrido a centrocampo Uno spiraglio di sole, nonostante l’ombra di Franz Beckenbauer: per il calcio tedesco e per una pretesa rivalità che...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

Jamie Vardy e i gradini sui quali riflettere Compie oggi 34 anni Jamie Vardy, il bomber del Leicester, la cui storia ci ha insegnato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro