Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Una storia maledetta: l’importanza di (non) chiamarsi Ronaldo, in finale contro la Francia

Quando le immagini televisive restituiscono il volto del portoghese contratto dal dolore e rigato dalle lacrime, succede che gli si posi sulla fronte una falena, una delle innumerevoli che hanno invaso lo Stade de France. E ti si apre un cassetto della memoria: avevi letto da qualche parte (l’avevi visto anche in un brutto film, a pensarci bene) che in diverse culture la falena è presagio di sventura.

E tutto torna: anche se quella del Ronaldo in finale contro la Francia pare una maledizione meno etnica e più classica, di quelle da tragedia greca, con i personaggi che nascondono nel proprio nome un destino già segnato.

Chiamarsi Ronaldo, quando sei in finale di una competizione internazionale, in campo a Saint Denis, contro la Francia, può essere un brutto affare.

Fecero il giro del mondo, ma solo dopo la finale dei mondiali del 1998 in Francia, le immagini di Ronaldo, il Fenomeno, traballante e con passo incerto sulla scaletta dell’aereo che aveva condotto il Brasile a Parigi per la finale, provato dalla crisi epilettica che lo rese una controfigura di se stesso contro i transalpini. Parlare di un Brasile, in quella gara che poteva regalare ai verdeoro la seconda coppa del mondo consecutiva, peggio che in inferiorità numerica, privo del suo uomo più rappresentativo e con l’intera squadra scossa dall’accaduto, risulta anni dopo un pallido eufemismo. Ronaldo non ci fu, il Brasile non ci fu, e per la Francia fu un facile 3-0. “Ronaldo non poteva giocare”, si disse poi. E, infatti, Ronaldo, il Fenomeno, di fatto quella finale non la giocò.

Diciotto anni dopo, stesso stadio, stesso avversario, e stesso destino segnato, dentro un nome che evidentemente, falena o non falena, non porta benissimo quando affronti i bleus, nel loro stadio, in finale. Meno imponderabile, più accettabile dentro il gioco, ma proprio per questo autorizza un certo fatalismo l’infortunio di Ronaldo (Cristiano), a pochi minuti dall’inizio di una finale che fa peggio che vederlo in campo come controfigura: in campo, CR7, che pure stringe in denti e prova a rientrare in campo con una fasciatura, non ci resta proprio.

Tantissimo si discuterà (e in rete si discute già) dell’entrata di Payet. Forse altrettanto di discuterà della maledizione, travestita da epilessia, da falena, o da Payet, che da poche ore è già parte dello storytelling del gioco più bello del mondo. In Francia, a Saint Denis, se sei in finale, affronti la Francia e sulla maglia hai scritto Ronaldo, probabilmente è meglio se marchi visita.

Se ti chiami Eder allora è un’altra storia..

bannerronaldo

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Amarcord Euro 2016: Portogallo, la squadra operaia che ha sconfitto il “Fado” Il 10 Luglio 2016, il Portogallo batte la Francia padrona di casa...

Calcio

Italia – Germania: una storia di calcio senza tempo Il 17 Giugno 1970 si giocava la Partita del Secolo tra Italia e Germania. Una...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Storia del Soldato Eder La storia, in ogni suo aspetto, ha gli opliti e i generali. Tutti ricordiamo i nomi celebri, un...

Calcio

Mancano poche ore alla partita Argentina – Islanda valevole per il Girone D di Russia 2018. Leo Messi e co. si preparano a sfidare...

Calcio

Novità imponente in vista della prossima Confederations Cup (prevista nell’estate che sta per arrivare) e, soprattutto, dei Campionati del Mondo di calcio del 2018...

Calcio

Per il terzo articolo della serie dedicata al tifo estero in Italia siamo andati al freddo, nelle più estreme propaggini settentrionali dell’Europa, abbiamo infatti...

Inchieste & Focus

Non c’è niente come il calcio. È una finestra sulla società, uno strumento troppo utile, scriveva Simon Kuper in “Calcio e Potere”, “per la...

Calcio

Ottantacinque minuti di Italia alla (av)Ventura e 5’ da azzurri alla Conte sono sufficienti alla Nazionale per digerire una Macedonia indigesta, condita con panna...

Calcio

Riabilitata in Europa, bistrattata nel Mondo. Se con la futura riforma della Champions League riceve una boccata d’ossigeno artificiale grazie a una formula che...

Storie di Sport

A volte non bastano quattro Palloni d’Oro per renderti felice. E a volte non ti basta nemmeno essere diventato un eroe nazionale nel giro...

Inchieste & Focus

Il presidente del Bayern Monaco, ex stella anche dell’Inter, Karl-Heinze Rummenigge, si scaglia contro i poteri forti del calcio e precisamente contro le scelte...

Storie di Sport

Cristiano Ronaldo è sempre più eroe nazionale. Dopo la vittoria all’Europeo francese, il fenomeno portoghese si gode le vacanze ad Ibiza, pronto per la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro