Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Una poltrona per due: Milic-Olivera e i dubbi di Sousa per la fascia mancina

“Marcos se ne è andato e non ritorna più”  canterebbe, giusto con un “esse” in più nel nome, Laura Pausini in uno dei suoi singoli di maggior successo. Ad intonare questa melodia è stato anche l’allenatore della Fiorentina Paulo Sousa nella calda estate di quest’anno, quando la società ha preso l’ardua decisione di cedere l’esterno sinistro Marcos Alonso; uno dei punti di riferimento del mister viola.

Lo spagnolo è emigrato in terra londinese, sponda Chelsea alla corte di Antonio Conte; è ora l’ex CT della Nazionale Italiana si crogiola nei cross e nelle falcate mancine del giocatore e ringrazia il caro amico ai tempi della Juventus Paulo.

La Fiorentina ha quindi dovuto far fronte ad una pesante perdita ed ha cercato di limitare i danni intervenendo sul mercato, regalando al proprio allenatore due elementi: Hrvoje Milic e Maxi Olivera.

Il primo, croato classe ’89 ex Rostov, ha nell’immediato raccolto le preferenze di Sousa che ne ha sin da subito apprezzate le doti e schierato titolare in campionato. Dal canto suo, però, il giocatore ha sempre dato un contributo più di sostanza che di qualità, sfornando un solo assist in stagione.

Olivera, invece, tralasciando i primi 27 minuti della gara con il Genoa poi sospesa aveva sempre avuto il piacere di esprimesti solo in Europa League; prima delle ultime due uscite contro Sassuolo e Lazio, dove è riuscito ad avere la meglio su Milic  e a scendere in campo da titolare. Negli ultimi due turni di Serie A, infatti, Sousa ha sovvertito le gerarchie sulla fascia mancina rilegando il croato in panchina e dando fiducia all’uruguaiano; più indisciplinato tatticamente, ma dal piede più educato e dalla più spiccata propensione offensiva.

Questa stessa situazione di perenne ballottaggio tra i due esterni lascia intendere come l’addio di Marcos Alonso abbia pesato sull’economia del gioco della Viola e su come l’allenatore non abbia ancora le idee chiare su come sopperire al meglio la sua partenza. Un calciatore come lo spagnolo, che sta dimostrando tutto il suo valore anche in Premier League, è difficilmente sostituibile soprattutto se si interviene sul mercato senza il benestare dell’allenatore; come accaduto per l’acquisto di Olivera, tesserato dalla Fiorentina senza aver consultato Sousa. Che la finestra di trattative invernali venga in aiuto del mister portoghese per sistemare tatticamente la squadra e risalire la china in campionato?

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Sandro Tonali e i sogni che si avverano “Santa Lucia io vorrei un completo del Milan pantaloncini, maglietta e calzettoni”. È un freddo giorno...

Calcio

Quando Didier Drogba poteva diventare il Bomber del Chievo In clima di Calciomercato, ecco una storia incredibile che ha visto anni fa il bomber...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande palmarès,...

Calcio

Quando Le Roi Michel Platini era praticamente dell’Inter Siamo sul finire degli Anni Settanta. Sandro Mazzola ha smesso soltanto da pochi anni con il...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Calcio

Anatolji Zinchenko, il calciomercato e la Guerra Fredda Tra le storie di calcio ai tempi della Guerra Fredda c’è anche quella di Anatolij Zinčenko e...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Ultime Notizie Calcio

Dove eravamo rimasti? Dopo oltre tre mesi di astinenza causa pandemia da covid-19, il prossimo 20 giugno, salvo clamorose complicazioni, ripartirà finalmente il campionato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro