Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Una corsa campestre nel ricordo di Stefano Cucchi. La sorella Ilaria:”Credo ancora nella giustizia”

Roma non dimentica Stefano Cucchi. Il ragazzo di 31 anni morto il 22 ottobre del 2009 dopo essere stato arrestato per possesso di droga. Oltre un migliaio di persone si sono radunate a Roma per prendere parte  alla seconda edizione del memorial Stefano Cucchi organizzato nel parco degli Acquedotti. Corri con Stefano è stato il motto dell’evento: una gara podistica di circa 6 Km di percorso, con partenza dal punto nel quale Stefano Cucchi venne arrestato il 15 ottobre del 2009. Finita la parte sportiva, l’evento sarebbe dovuto proseguire con una parte più culturale e artistica: una serie di incontri e dibattiti alla presenza di personalità note dello spettacolo, della cultura e della politica. Tra questi avevano confermato la loro presenza il regista Sergio Castellitto, l’attrice Jasmine Trinca e il senatore Luigi Manconi. Ma a causa del maltempo (un violento acquazzone che si è abbattuto quando la gara era già iniziata) la seconda parte del Memorial è stata rimandata al 22 di ottobre. All’evento, organizzato dal Comitato promotore Memorial Stefano Cucchi in collaborazione con la UISP di Roma, hanno aderito anche varie associazioni come “A buon diritto”, “Libera”, “Antigone” e poi organizzazioni come “Emergency” o “Amnesty International”. Nonostante il maltempo la sorella di Stefano, Ilaria (che si batte da anni per la verità sulla morte del fratello), si è mostrata comunque soddisfatta per la presenza massiccia di persone all’evento in memoria del fratello: “ La gente che è qui oggi per ricordare Stefano e ciò che abbiamo vissuto. Siamo qui per continuare a credere che venga finalmente fatta luce sulla morte di mio fratello. Dopo anni, la Procura di Roma parla di “violentissimo pestaggio. Mio fratello è vittima di giustizia. Ma io nella giustizia credo ancora ”. E poi un messaggio a tutti quelli che negli anni sono rimasti vicini alla sua famiglia: “Grazie a chi in questi anni non ci ha mai abbandonato”. La morte di Stefano Cucchi, dopo otto anni, non ha ancora avuto giustizia nelle aule dei tribunali. Nonostante le indagini preliminari abbiano rivelato che a provocare la morte di Stefano siano stati un insieme di fattori tra i quali le percosse subite e lo stato di ipoglicemia in cui sarebbe stato lasciato dai medici che lo presero in cura dopo l’arresto. Questi ultimi (6 in tutto, tra i quali anche il primario dell’Ospedale “Sandro Pertini” di Roma), imputati per abbandono di incapace e falso ideologico, dopo aver ricevuto condanne fino a 2 anni di reclusione nel processo di primo grado in Corte d’Assise, sono stati assolti nel processo di Appello. Mentre gli agenti di Polizia Penitenziaria, imputati per lesioni ed abuso d’autorità sono stati assolti sia nel primo che nel secondo grado di giudizio. Ma nel dicembre 2015 la Corte di Cassazione disponendo il parziale annullamento della sentenza di Appello ha ordinato un nuovo processo per 5 dei 6 medici imputati. Mentre, qualche mese prima (nel mese di settembre) la Procura di Roma aveva aperto un nuovo fascicolo di inchiesta, riguardante i carabinieri presenti nelle caserme dove è avvenuta prima l’identificazione e poi la custodia in camera di sicurezza. I quali, adesso, rischiano di subire il processo per falsa testimonianza e lesioni. Nel frattempo i familiari di Stefano, tra i quali la sorella Ilaria, stanno continuando l’opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica attraverso l’organizzazione di eventi come questo. In attesa che la giustizia, prima o poi, faccia il suo corso. E riveli finalmente la verità sulla morte di suo fratello Stefano.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Motori

Jim Clark, l’amore al volante Il 7 aprile 1968 sul circuito di Hockenheim perde la vita in un tragico incidente Jim Clark, leggendario pilota...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Basket

Memento: C’erano una volta i Sonics, la Leggenda di Emerald City Il 5 Aprile 1994 Kurt Cobain si suicidava sparandosi nel suo garage. E...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Altri Sport

Gelindo Bordin e l’impresa impossibile di Seul 1988 Compie oggi 62 anni  il maratoneta Gelindo Bordin, l’atleta che vinse un incredibile oro alle Olimpiadi...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 31 marzo 1878 nasceva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Uno slogan per entrare nell’immaginario collettivo. Nando Martellini da Roma è riuscito in questa piccola grande...

Calcio

Mi chiamo Bruno, gioco a pallone Il 24 Marzo 2018 ci salutava a soli 26 anni Bruno Boban, un calciatore di terza divisione croata...

Altri Sport

Cosa significa essere Gianni Mura Lo scorso 21 marzo è stata ricordata la scomparsa di Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Il 22 Marzo 2018 ci lasciava Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

La storia di Beñat Intxausti: Morto e risorto, sempre in bici Compie oggi 35 anni Beñat Intxausti, il ciclista la cui storia ci insegna...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro