Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Un giocatore nero in Nazionale? Una cosa buffa”: bufera nel calcio russo

.
[themoneytizer id=”27127-1″]

“Un giocatore nero in Nazionale? Una cosa buffa”: bufera nel calcio russo

.
L’ex attaccante di Fulham e Reading Pavel Pogrebnyak è stato accusato di razzismo per alcune sue dichiarazioni in merito ai giocatori neri o stranieri in generale che giocano con la nazionale russa.
.
Pogrebnyak, che ha giocato in nazionale in 33 occasioni, ha preso come esempio l’attaccante del Krasnodar Ari, nato in Brasile che gioca con la nazionale russa dopo l’ottenimento della cittadinanza. Secondo Pogrebnyak il fatto che un giocatore di pelle nera giochi con la Russia “E’ una cosa buffa” e ha poi aggiunto: “Sono contrario a queste cose. Non ne vedo il motivo. Non comprendo il perchè e come Ari abbia ottenuto il passaporto russo”.
.
Il suo mirino si sposta poi sull’altro brasiliano, stavolta bianco, Mario Fernandes, considerato “un top player” da Pogrebnyak ma che comunque preferirebbe Igor Smolnikov in quella posizione aggiungendo che “E’ possibile avere una nazionale russa competitiva e forte senza giocatori stranieri”.
.
.
Le uscite infelici di Pogrebnyak sono solo la punta dell’iceberg di un problema ben più grande in Russia che sul tema razzismo, circoscrivendo solo al calcio, ha una storia molto chiara. I suoi supporters infatti sono stati multati di 22.000 sterline nel 2018, anno del mondiale casalingo, per dei cori razzisti nei confronti dei giocatori black della Francia. Per lui è arrivata la squalifica fino alla fine del campionato e una multa di 3500 euro.
.
Razzismo che ha fatto anche vittime illustri come Roberto Carlos e Christopher Samba a cui sono state tirate banane in diverse occasioni durante i match della Premier League Russa o ancora Yaya Tourè nel 2013 quando fu vessato da ululati durante un match di Champions League tra Manchester City e CSKA Mosca.
.
[themoneytizer id=”27127-28″]
.
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Peter Norman: il bianco di quel podio a Messico 1968 Il 16 Ottobre 1968 alle Olimpiadi in Messico, il podio dei 200 metri regala...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Dario Fo: il Premio Nobel che amava il calcio “vecchie maniere” Il 13 Ottobre 2016 moriva Dario Fo, uno degli artisti italiani più stimati...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra Il 5 Ottobre 1957 ci lasciava Josè Leandro Andrade, la Maravilla Negra, il fenomeno dell’Uruguay...

Calcio

Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Ieri in Germania si è festeggiata la Giornata della Riunificazione...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro