Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Un calcio (quasi) per tutti: il problema della Premier League e i suoi tifosi disabili

Ci risiamo.

Soltanto alcuni mesi fa, infatti, veniva presentato in questo spazio il grave problema della mancanza di cura, da parte di diverse società del massimo campionato inglese, riguardo ai fan disabili e alla loro difficoltà nel poter assistere dal vivo alle gare della propria squadra del cuore.

La situazione pareva essere migliorata ma, a quanto pare, così non è stato.

Un gruppo di club della Premier League è stato recentemente accusato di non essere stato finora in grado di adottare le misure idonee nei confronti dei propri tifosi con disabilità ed è ora coinvolto in un dibattito con la Commissione per l’Uguaglianza e la Tutela dei Diritti Umani, al fine di evitare azioni legali a proprio carico.

Ciò accade a seguito di una relazione ufficiale, rilasciata dagli organi competenti, che ha confermato come le società coinvolte non abbiano rispettato neppure le linee guida minime necessarie per permettere ad un disabile di recarsi allo stadio.

Nonostante l’aggiunta negli impianti, da parte di tutti i club di Premier, di 1.000 nuovi spazi per sedie a rotelle negli ultimi due anni, l’impegno preso collettivamente nel 2015 per soddisfare tutti gli standard e i numeri indicati nella Guida di Accesso allo Stadio entro agosto del 2017 non è stato rispettato.

Soltanto 11 club (sui 20 totali impegnati nel massimo campionato inglese) attualmente rispettano pienamente le norme presenti nella suddetta guida.

Un numero sconcertante per quello che ormai è quasi unanimemente riconosciuto come il campionato nazionale più spettacolare e seguito nel mondo.

Una delle società più ricche della Premier (basti pensare alle sterline spese solo nelle ultime due sessioni estive di calciomercato), il Manchester United dello ‘Special One’ José Mourinho, ad esempio, ha completato i lavori di costruzione per soddisfare i numeri proposti nella guida, ma non ha ancora sistemato presso tutti gli spazi disponibili i propri appassionati affetti da disabilità.

I motivi addotti? Considerazioni varie sulla sicurezza e la volontà di non spostare troppo velocemente coloro che hanno già acquistato i biglietti per assistere alle partite interne della squadra.

Altri casi riguardano: il Bournemouth, che comunque ha affermato di voler risolvere questo problema con la costruzione del nuovo stadio, il Chelsea, il Watford, il Crystal Palace e l’Everton.

Il board della Premier League sta spingendo i propri club ad affrontare questo problema in modo decisamente più approfondito e ha sottolineato, in una riunione delle scorse settimane, quanto lavoro ancora sia necessario fare. “Questa relazione fornisce dettagli sui progressi compiuti fino a un certo punto, ovvero oggi, ma non può essere considerata la fine del processo, altrimenti avremmo tutti fallito”, ha dichiarato Bill Bush, direttore esecutivo della Premier League.

Parole di sconcerto arrivano, infine, da Tony Taylor, presidente dell’organizzazione benefica Level Playing Field, che ha particolarmente a cuore tale problematica: “Siamo delusi che un certo numero di club non sia riuscito a soddisfare i requisiti necessari e che abbia dimenticato così una parte della propria fan base”.


 

 

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Calcio

Sport Criminale: quando gli atleti sono vittime di agguati Quando parliamo di giocatori vittime di agguati non possiamo non cominciare da quello che, purtroppo,...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Calcio

Bob Marley a San Siro: il Re del Reggae nella casa di “Peppìn” Meazza Il 27 giugno 1980 Robert “Bob” Nesta Marley suonava allo...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro