Connect with us

Cerca articoli

Calcio

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal

A tu per tu con Igor Protti, lo Zar del Goal

Abbiamo intervistato Igor Protti, bomber che ha militato in diverse squadre quali Rimini, Livorno, Virescit Bergamo, Messina, Bari, Lazio, Napoli, Reggiana. Ha vinto per 3 volte il titolo di capocannoniere (una volta in Serie C e una in B con il Livorno e in serie A con il Bari), unico insieme A Dario Hubner. Detiene inoltre il record di essere stato fino ad ora l’unico capocannoniere in Serie A a vincere il prestigioso riconoscimento con una squadra retrocessa (il Bari ndr) e questo a testimonianza delle sue impressionanti doti tecniche e realizzative. Ecco cosa ci ha detto.

Come ti sei avvicinato al calcio?

Fin da piccolo il calcio è sempre stato la mia grande passione e la prima volta che mi regalarono un pallone lo portai nel letto con me. Fin da piccolo andai a vedere le partite del Rimini con mio padre e all’età di 8 anni giocai nella squadra Gladiatori e fu la mia prima esperienza prima di passare alle giovanili del Rimini.

Tra le tue diverse esperienze calcistiche sicuramente quella di Livorno è stata importante per la tua carriera e  formavi una coppia-gol da urlo con Cristiano Lucarelli. Sei ancora in rapporti con lui?

Livorno è stata importante per me e in due periodi ho avuto la possibilità di giocarci, il primo periodo nel 1985-88 quando avevo 18 anni e poi il secondo periodo quando tornai nel 1999 fino al 2005 con la fantastica cavalcata dalla C alla A. Con Cristiano (Lucarelli) il rapporto é ancora ottimo come quando giocavamo e insieme realizzammo 53 gol in due in un campionato (Stagione 2003-04 in Serie B) e nonostante i miei 37 anni giocai tutte le partite.

 

Quale é stato il momento più bello e meno bello della tua splendida carriera?

Momenti belli ce ne sono stati tanti e preferisco non sceglierne uno in particolare, mentre per i momenti brutti ci fu la morte di mio padre nel 1993 e tre mesi dopo ebbi un grave infortunio al ginocchio con la rottura del crociato. Fu un momento difficile ma con tutta la mia forza ho reagito.

Tornassi indietro rifaresti tutte le scelte o cambieresti qualcosa?

Tornassi indietro rifarei tutto quello che ho fatto poiché ho avuto tante belle soddisfazioni, oltre ai momenti difficili in cui mi sono rialzato. Il calcio é come la vita, ci son momenti belli e brutti ma fa tutto parte del percorso lavorativo e di vita.

Detieni importanti successi a livello personale avendo vinto la classifica dei cannonieri di Serie C, B e A e sei partito dalle serie inferiori come altri tuoi importanti colleghi quali Toni, Riganò facendo la gavetta e nel calcio attuale spesso molti calciatori si “bruciano” partendo da una categoria superiore. Pensi che i giovani calciatori di oggi debbano fare la gavetta come avete fatto voi nella vostra epoca o che essendo un’altra epoca calcistica è impossibile fare quel percorso?

Sono convinto che la gavetta sia importante anche per non montarsi la testa. Io iniziai dalla Serie C per poi andare in Serie A e poi dalla Serie A sono ripartito nuovamente dalla C per concludere la mia carriera nella massima serie. In qualsiasi squadra ho militato ho dato tutto me stesso per tifosi, compagni, società. Oggi purtroppo bastano poche partite per avere contratti importanti e penso che questo non aiuti la crescita dei ragazzi che hanno tutto e subito e quando giocavo io per essere considerato calciatore e avere determinati contratti si dovevano fare diversi campionati di livello.

Nel campionato di Serie A di quest’anno c’è un attaccante in cui ti rivedi?

Un giornalista di Bari mi disse che guardando Lautaro Martinez rivedeva me. E un po’ per le caratteristiche tecniche, per il ruolo, per la numero 10 che ci accomuna, mi rivedo in lui.

In ultimo, vista la tua passione per il calcio tra 10 anni dove ti vedi? Nel mondo calcistico oppure al di fuori da questo mondo cambiando totalmente stile di vita?

Intanto speriamo di esserci (ride ndr). Il calcio é la mia passione anche se quello attuale ha diverse cose da cambiare. Se continuerò ad essere nel mondo del calcio sarò felicissimo altrimenti mi dedicherò ad altro perché la vita é fatta di tante altre cose e continuerò a seguire il calcio da tifoso.

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Altri Sport

A tu per tu con Luigi Mastrangelo, il “Muro” azzurro Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Luigi Mastrangelo, grandissimo ex pallavolista azzurro. Di...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Altri Sport

Momenti difficili per tutto il comparto degli sport invernali che stanno vivendo sulle loro spalle i danni causati dalla seconda brusca ondata di Covid...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

Günter Netzer, Sigfrido a centrocampo Uno spiraglio di sole, nonostante l’ombra di Franz Beckenbauer: per il calcio tedesco e per una pretesa rivalità che...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Pugilato

Tutte le vite di George Foreman – Quando Foreman iniziava a bombardare gli avversari con i suoi ganci, io chiudevo gli occhi. – Gianni...

Calcio

Gennaio 2003: Quando a Cragnotti “scipparono” la Lazio C’è stato un tempo in cui, anche il calcio italiano ebbe i suoi “sceicchi”.  Non portavano...

Pugilato

Carlos Monzon, la strada della violenza L’8 gennaio 1995 moriva Carlos Monzon, il pugile argentino campione del mondo dei pesi medi che con il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro