Connect with us

Cerca articoli

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza

Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del Cosenza, segue i calabresi in ogni partita di campionato di Serie B. Ha partecipato al programma “Lupi si nasce” realizzando le interviste post partita ai tifosi fuori dallo stadio e attualmente è attivissima sul mondo del web dove parla del suo Cosenza. Ecco cosa ci ha raccontato.

Come ti sei avvicinata al mondo del calcio?

Mi è sempre piaciuto lo sport in generale e tutti i cittadini di Cosenza seguono la squadra. Poi l’ex trasmissione con cui collaboravo (Lupi si nasce ndr) mi propose di realizzare interviste post partita fuori dallo stadio e dopo un primo momento di titubanza accettai e da lì mi appassionai sempre di più al mondo del calcio.

Conduci una trasmissione sul Cosenza, la squadra della tua città. Tifi Cosenza o hai un’altra squadra nel cuore?

Tifo solo Cosenza. In Serie A simpatizzo per il Napoli perché ha una tifoseria calorosa e attaccata alla squadra e con Gattuso allenatore è un incentivo in più.

Seguendo il Cosenza in B da addetta ai lavori che stagione prevedi per la squadra calabrese? E quali squadre secondo te saranno promosse in A?

Il Cosenza ogni anno riparte da zero. È una società che lavora di più durante il mercato invernale. Sono certa di una salvezza più tranquilla rispetto allo scorso anno che è stato un vero e proprio miracolo. Reputo squadre come Empoli, Monza, Spal e Lecce quelle squadre che possono ambire alla promozione in A e credo che tra queste sicuramente l’Empoli ci riuscirà.

In molti ti hanno accostato a Diletta Leotta per somiglianza estetica e per passione per il calcio. Questo paragone ti ha dato fastidio o invece ti ha dato una spinta positiva?

Questo paragone spesso mi è stato accostato ed è scontato vista la somiglianza ma non mi dà fastidio. Anche se però siamo diverse dal punto di vista lavorativo dato che io amo di più il web rispetto alla televisione.

Sei attivissima sui social, con dirette web inerenti al tema calcio e al Cosenza. Credi che i social nel mondo del calcio possano avere sempre più spazio nel futuro prossimo?

Come ho detto prima a me piace di più il web rispetto alla televisione. Sicuramente ci sono i lati positivi e quelli negativi del web. È il presente e sarà sicuramente il futuro del mondo del calcio.

In ultimo ti chiedo di chiudere gli occhi e pensare a Eleonora Cristiani tra 10 anni. Dove ti vedi? Sempre a seguire il Cosenza o magari altrove provando nuove esperienze lavorative?

Non so dove mi vedo tra 10 anni perché mai pensavo di fare quello che sto facendo. Spero di avere tante altre opportunità lavorative e di certo non abbandonerò mai il Cosenza perché è la mia squadra del cuore.  

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Ci sono storie di sport che stupiscono; altre commuovono. Di altre ancora si può dire che abbiano molto...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

La sfida green di Mathieu Flamini che vuole cambiare il Mondo Compie oggi 37 anni Mathieu Flamini, l’ex centrocampista di Arsenal e Milan che,...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 7 marzo 1908 nasceva nel quartiere capitolino...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Galiazzo, l’occhio di falco azzurro Momenti decisivi per le sorti delle Olimpiadi di Tokyo che, a detta del...

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro