Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Basket

A tu per tu con Denis Marconato, il gigante azzurro

A tu per tu con Denis Marconato, il gigante azzurro

Abbiamo intervistato Denis Marconato, ex cestista e attuale allenatore dell’Istrana che milita in serie D under 18. Di ruolo Pivot ha militato in squadre di grande importanza quali l’indimenticabile Benetton Treviso con cui ha percorso tutta la trafila giovanile prima di approdare in prima squadra, il Barcellona, la Mens Sana Siena. Vincitore di 4 Scudetti, 8 Coppe Italia, 4 Supercoppe Italiane, 1 Coppa Italia Serie B, 1 Copa del Rey 2 Coppe Saporta ha colto importanti successi in Nazionale come l’Oro agli Europei di Francia del 1999 oltre ad un Bronzo in Svezia nel 2003 e un Argento in Spagna nel 1997. Un altro importante Argento al quale è particolarmente legato lo ha conseguito nel 2004 alle Olimpiadi di Atene. Ecco cosa ci ha raccontato.

Come ti sei avvicinato al mondo del basket?

Mi sono avvicinato al basket un po’ per caso perché praticavo tutti gli sport da ragazzino in parrocchia e a scuola facevo pallavolo, pallamano, un po’ di basket. Poi un giorno mia mamma mi porta alla Benetton Basket poiché il dottore mi disse che dovevo far dello sport per la mia crescita e avevo bisogno di fare sport in modo regolare. E da lì pian piano grazie ad ottimi allenatori son cresciuto sempre di più fino ad arrivare ad allievi, cadetti e juniores vincendo tre titoli giovanili.

Hai vinto tanto sia nei club che in nazionale. A quale successo sei particolarmente legato?

Sono legato particolarmente al primo scudetto del 1996-97 con la Benetton Treviso (per la Benetton il secondo ndr). E son legato anche all’argento di Atene 2004 dove eravamo un gran gruppo e siamo arrivati ad Atene sereni e senza pretese e riuscimmo a battere la Lituania campione d’Europa in semifinale e siamo riusciti a giocarcela contro l’Argentina. Vincere un Argento con gli americani terzi che erano fortissimi per noi valeva doppio e fu una grande soddisfazione.

Hai militato per 12 anni nella Benetton Treviso, che tra fine anni 90 e inizi anni 2000 era una squadra vincente e ha sfiorato l’Eurolega contro il Barcellona in finale nel 2002-03 e tu eri in campo ed Ettore Messina era in panchina. Come mai negli ultimi 15 anni le italiane non riescono ad arrivare in finale? È semplicemente finito un ciclo o c’è qualcosa che non va nel sistema Ital-basket?

Penso e spero che quest’anno l’Armani Jeans riesca ad arrivare alle Final Four e giocarsela. Penso che purtroppo sia finito un ciclo sia economico che generazionale di talenti. Purtroppo si guarda troppo all’estero al modello americano invece di curare e far crescere un talento nostrano.

Attualmente alleni l’Istrana in serie D under 18, quali sono i tuoi obiettivi? Magari ripetere i trionfi di quando eri in campo?

Poiché son giovani appassionati di basket io cerco di trasmettere la mia passione e quei valori come la tenacia, il crederci sempre che possano farli crescere sopratutto come ragazzi oltre che giocatori. Lo sport serve molto anche nel mondo del lavoro e potrà avere un ruolo importante per il loro futuro.

 

Sei stato un diamante del vivaio della Benetton Treviso. Cosa ti senti di consigliare a quei ragazzi che militano nelle giovanili o che si affacciano giovanissimi per la prima volta al basket?

Ciò che mi sento di dire per chi si avvicina al basket è crederci e farlo con amore. Io da giovane non ho mai saltato un allenamento, ho fatto dei sacrifici saltando delle feste di amici pur di allenarmi. E per andare avanti e fare una carriera è quello che si deve fare.

In ultimo ti chiedo di chiudere gli occhi e pensare a Denis Marconato tra 10 anni. Ti vedi sempre nel mondo della pallacanestro da allenatore o in altro ruolo o fuori da questo mondo magari con nuove esperienze?

Adoro lavorare con i giovani e mi piacerebbe rimanere nell’ambito sportivo del basket. Vorrei farli diventare più forti e farli crescere in modo da creare qualche pivot che possa giocare in nazionale, allenarlo e farlo diventare più forte.

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 43 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Altri Sport

A tu per tu con Inés Trocchia, tra Sport e Moda A Tu per Tu con Inés Trocchia, modella di successo. Ines ha avuto...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Basket

Predrag Stojakovic, il miglior tiro che non sia mai entrato Compie oggi 44 anni Predrag Stojakovic, uno delle mani più educate della Storia Nba....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Lunedì 3 febbraio 1964. Una data importante nella storia gigliata. Non ci riferiamo alla conquista di scudetti o trofei, ma il giorno dopo il...

Interviste

A Tu per Tu con Alessandro Cavallo, ballerino finalista di Amici 20. Fin da piccolo Alessandro si appassiona alla danza, ed inizia così a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro