Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

A tu per tu con Antonio Spadafora, vice campione italiano di braccio di ferro

A tu per tu con Antonio Spadafora, vice campione italiano di braccio di ferro

A Tu per Tu con Antonio Spadafora, atleta di braccio di ferro e vice campione nazionale. Antonio, che da diversi anni pratica braccio di ferro ha ottenuto importanti successi con più di 20 vittorie. Sono da segnalare i due secondi posti al campionato nazionale categoria 65 kg con entrambe le braccia, il 4 posto nella categoria Senior in una gara internazionale, vari primi posti tra cui il Super Match, il Trofeo Mediterraneo, il campionato Regionale,il campionato del Sud Italia, il Trofeo dello Stretto. È stato presente nel ranking italiano (categoria 65 kg ndr).

Ciao Antonio, come e quando nasce la passione per il braccio di ferro?

La mia passione nasce nel 2013 guardando alcuni video di braccio di ferro su YouTube. Poiché mi appassionano gli sport di forza mi sono incuriosito ed ho iniziato ad allenarmi e a gareggiare. Ho conosciuto successivamente alcune persone della Federazione disputando gare regionali, nazionali e internazionali.

Il braccio di ferro è uno sport in cui ha una grande importanza non solo la prestanza fisica ma sopratutto la forza specifica. Quale è il tuo allenamento tipo e che esercizi svolgi nel dettaglio?

Gli allenamenti variano da persona a persona. Di solito alleno le braccia due-tre volte a settimana e nei giorni rimanenti i muscoli di supporto, e quello che accomuna tutti gli atleti sono la fatica e i sacrifici. I miei allenamenti riguardano sia la pesistica, ma anche lo sparring con altri atleti. È importante avere una preparazione generica oltre che specifica insieme ad una forza tendinea specifica. Tra i muscoli più importanti possiamo citare quelli della mano, del polso, della pronazione, del braccio e della schiena. E aggiungo che è importante l’aspetto mentale.

Puoi dirmi il segreto per avere le tue braccia e i tuoi addominali?

Le cose più importanti sono la costanza negli allenamenti e un’alimentazione corretta, ma nel mio caso si tratta anche di una buona predisposizione genetica.

Prima di una gara fai una dieta particolare per arrivare al top della forma?

Durante il periodo delle gare seguo una dieta particolare, più rigida. Mangio tante proteine, cercando di calcolare il quantitavo calorico. Spesso dipende anche dalle gare a cui partecipo in cui devo aumentare il mio peso o diminuirlo.

Hai partecipato a tante gare e hai ottenuto importanti successi. Quale è stato il momento più bello e quello più brutto da quando fai braccio di ferro?

Di momenti brutti non me ne vengono in mente, ho solo bei momenti. Ricordo i due secondi posti di vice campione italiano per la categoria 65 Kg con entrambe le braccia e il trionfo al Super Match categoria amatori 75 Kg. Un altro bel momento è stato il quarto posto nella categoria Senior in una gara di livello internazionale con atleti di 20 diversi Paesi e vari primi posti in altre gare nell’ambito della federazione. È stata una grande soddisfazione  vedere il mio nome nel ranking italiano.

Il braccio di ferro è in grande crescita a livello di visibilità. Credi che possa arrivare al livello di sport come il pugilato nei prossimi anni?

Credo che il braccio di ferro stia crescendo a vista d’occhio grazie all’avvento dei social e un giorno potrebbe diventare uno sport olimpico.

In ultimo ti voglio chiedere quali sono i tuoi obiettivi futuri nel campo del braccio di ferro.

L’obiettivo è quello di vincere il titolo di campione italiano dopo averlo sfiorato per ben due volte e di riuscire ad ottenere importanti risultati in ambito mondiale.

A cura di

Da non perdere

Altri Sport

Futsal, Bruno Coelho: il futsal è divertente ed emozionante più del calcio È in corso in questi giorni nei Paesi Bassi l’Europeo di Futsal...

Altri Sport

Futsal, a tu per tu con Jorge Braz: In Nazionale è come se fosse sempre la prima volta Mancano esattamente due giorni all’Euro Futsal...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Avrebbe compiuto ieri 93 anni uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone,...

Calcio

C’eravamo tanto a(r)mati – Storie di calcio della Germania Est Intervista agli autori del libro “C’eravamo tanto a(r)mati”,  Fabio Belli e Marco Piccinelli. Si...

Calcio

Mourinho: lo Special One visto dal Portogallo Quando l’estate scorsa la A.S. Roma ha annunciato l’arrivo di José Mourinho a Trigoria, il clamore è...

Altri Sport

A tu per tu con Filippo Ganna, il fenomeno azzurro delle due ruote Stagione intensa quella vissuta dal ciclismo che ha vissuto le canoniche...

Varie

Due chiacchiere con l’Avvocato Alberto Foggia per parlare del suo libro “Il nuovo Codice di Giustizia Sportiva FIGC – Istruzioni per l’uso”. Avvocato, il...

Interviste

A tu per tu con Corrado Barazzutti, il “Soldatino” del Tennis italiano In questa magica estate in cui è lo sport italiano si è...

Eventi

A tu per tu con Sofia Borgato, fotomodella e studentessa amante dell’arte A Tu per Tu con Sofia Borgato, modella e studentessa. Sofia, che...

Interviste

A tu per tu con Davide Mazzanti, CT dell’ItalVolley femminile Seduta nel degli imputati della spedizione azzurra alle Olimpiadi di Tokyo c’è stata, dopo...

Altri Sport

A tu per tu con Ferdinando “Fefè” De Giorgi, il timoniere dell’ItalVolley Campione d’Europa Rivivendo il film di questa lunga ed incredibile estate sportiva...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro