Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

A tu per tu con Antonella Fiordelisi, tra scherma e social

A tu per tu con Antonella Fiordelisi, tra scherma e social

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Antonella Fiordelisi, giovane promessa della scherma. Antonella che è specializzata nella spada ha vinto la medaglia di bronzo ai Campionati Italiani Cadetti e Giovani nel 2017. Oltre ad avere la passione per lo scherma e per lo sport è una modella e influencer. Laureata nel 2019 in Scienze Politiche all’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli è riuscita a coniugare lo sport con lo studio. Ha tanto successo su Instagram dove vanta ben 1,2 milioni di follower.

Ecco cosa ci ha raccontato in esclusiva.

Ciao Antonella, come e quando ti sei avvicinata alla scherma?

Mi sono avvicinata alla scherma nel 2008 dopo aver provato altri sport di squadra e vedendo le Olimpiadi mi innamorai della scherma, anche perché è uno sport individuale e io sono molto individualista.

Quale è stato il momento più bello da quando sei nel mondo della scherma?

Sicuramente è stato quando ho conquistato il bronzo al Campionato Nazionale di categoria di spada nel 2017. Ma anche quando a soli 15 anni nel 2013, ho conseguito il titolo di Campione d’Italia a squadre per la promozione in A2. Comunque di momenti belli ce ne sono stati molti, a prescindere dalle varie vittorie.

Ultimamente sui social ti abbiamo vista impegnata a giocare a paddle. Pratichi altri sport?

Ogni tanto pattino, invece da piccola ho seguito alcune lezioni di sci ma tutti i maestri mi riportavano da mia madre dicendo che non seguivo le loro indicazioni e facevo cose spericolate. Poi sono molto portata per il salto in lungo e più volte mi hanno “corteggiata” per fare questo sport, ma non ho mai voluto lasciare la scherma. Qui a Milano ho scoperto il paddle grazie alla mia agente Paola Benegas e devo dire che è uno sport che mi piace molto perché ci vuole molta grinta e resistenza.

Come si svolge il tuo allenamento?

Di solito mi alleno 4/5 giorni a settimana per 2/3 ore, alternando la preparazione atletica con la  preparazione in pedana.

Oltre ad essere una bravissima schermitrice sei anche una modella e influencer. Ci sono dei pregiudizi a riguardo o quando partecipi alle gare sei vista solo come l’Antonella atleta?

Purtroppo devo dire che i pregiudizi ci sono e me ne accorgo da come qualcuno mi guarda durante le gare. Per fortuna non tutti sono così. Molti fra atleti e maestri mi conoscono da quando ero piccolissima e sanno che sono una brava ragazza a prescindere se poi metto qualche foto in bikini.

Vanti 1,2 milioni di follower su Instagram. Quale è il tuo segreto per avere questo successo?

Non ci sono segreti, anzi più si è se stessi più trasmetti fiducia nei tuoi followers. Posso dire quindi che i miei “segreti” sono la sincerità e la schiettezza.

In ultimo ti chiedo di pensare all’Antonella tra 10 anni. Dove ti vedi? Nel mondo della moda e dello sport o in altri ambiti?

Vivo alla giornata, pianifico il meno possibile, cerco di fare solo quello che mi piace senza illudermi troppo. I miei genitori mi hanno insegnato a tenere sempre i piedi per terra, infatti ci tenevano molto che mi laureassi e li ho accontentati, così ho sempre un “piano b” su cui poter contare.

A cura di

Da non perdere

Pugilato

Thomas Hearns, un macigno sui trampoli Compie oggi 63 anni Thomas Hearns, uno dei pugili più forti della storia, protagonista insieme a Marvin Hagler...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 9 Ottobre 1967 veniva giustiziato in Bolivia, il rivoluzionario e guerrigliero Ernesto Che Guevara....

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 53 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 26 settembre 1973 ci salutava la grande attrice...

Pugilato

La storia di Oscar “Ringo” Bonavena Fisico massiccio, sguardo accattivante e folta chioma nera come la pece era questo Oscar Bonavena, argentino di Buenos Aires...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 19 Settembre 2017 ci lasciava a 95 anni Giacobbe LaMotta, meglio...

Calcio

A Ovest di Socrates: Gol e droghe di Walter Casagrande “Quando guardi a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro.”  Friedrich Nietzsche Cosa fosse più...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro