Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

A tu per tu con Antonella Fiordelisi, tra scherma e social

A tu per tu con Antonella Fiordelisi, tra scherma e social

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Antonella Fiordelisi, giovane promessa della scherma. Antonella che è specializzata nella spada ha vinto la medaglia di bronzo ai Campionati Italiani Cadetti e Giovani nel 2017. Oltre ad avere la passione per lo scherma e per lo sport è una modella e influencer. Laureata nel 2019 in Scienze Politiche all’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli è riuscita a coniugare lo sport con lo studio. Ha tanto successo su Instagram dove vanta ben 1,2 milioni di follower.

Ecco cosa ci ha raccontato in esclusiva.

Ciao Antonella, come e quando ti sei avvicinata alla scherma?

Mi sono avvicinata alla scherma nel 2008 dopo aver provato altri sport di squadra e vedendo le Olimpiadi mi innamorai della scherma, anche perché è uno sport individuale e io sono molto individualista.

Quale è stato il momento più bello da quando sei nel mondo della scherma?

Sicuramente è stato quando ho conquistato il bronzo al Campionato Nazionale di categoria di spada nel 2017. Ma anche quando a soli 15 anni nel 2013, ho conseguito il titolo di Campione d’Italia a squadre per la promozione in A2. Comunque di momenti belli ce ne sono stati molti, a prescindere dalle varie vittorie.

Ultimamente sui social ti abbiamo vista impegnata a giocare a paddle. Pratichi altri sport?

Ogni tanto pattino, invece da piccola ho seguito alcune lezioni di sci ma tutti i maestri mi riportavano da mia madre dicendo che non seguivo le loro indicazioni e facevo cose spericolate. Poi sono molto portata per il salto in lungo e più volte mi hanno “corteggiata” per fare questo sport, ma non ho mai voluto lasciare la scherma. Qui a Milano ho scoperto il paddle grazie alla mia agente Paola Benegas e devo dire che è uno sport che mi piace molto perché ci vuole molta grinta e resistenza.

Come si svolge il tuo allenamento?

Di solito mi alleno 4/5 giorni a settimana per 2/3 ore, alternando la preparazione atletica con la  preparazione in pedana.

Oltre ad essere una bravissima schermitrice sei anche una modella e influencer. Ci sono dei pregiudizi a riguardo o quando partecipi alle gare sei vista solo come l’Antonella atleta?

Purtroppo devo dire che i pregiudizi ci sono e me ne accorgo da come qualcuno mi guarda durante le gare. Per fortuna non tutti sono così. Molti fra atleti e maestri mi conoscono da quando ero piccolissima e sanno che sono una brava ragazza a prescindere se poi metto qualche foto in bikini.

Vanti 1,2 milioni di follower su Instagram. Quale è il tuo segreto per avere questo successo?

Non ci sono segreti, anzi più si è se stessi più trasmetti fiducia nei tuoi followers. Posso dire quindi che i miei “segreti” sono la sincerità e la schiettezza.

In ultimo ti chiedo di pensare all’Antonella tra 10 anni. Dove ti vedi? Nel mondo della moda e dello sport o in altri ambiti?

Vivo alla giornata, pianifico il meno possibile, cerco di fare solo quello che mi piace senza illudermi troppo. I miei genitori mi hanno insegnato a tenere sempre i piedi per terra, infatti ci tenevano molto che mi laureassi e li ho accontentati, così ho sempre un “piano b” su cui poter contare.

A cura di

Da non perdere

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 26 Luglio 1953 in occasione dell’assalto alla caserma Moncada, perde la vita il pugile...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Lello Bersani, l’uomo al microfono tra cinema e sport La voce della cultura e dello sport. Lello Bersani, romano di nascita, sposa la radio...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Moacir Barbosa, un passo di troppo a lato del destino – Con una sola papera il portiere rovina una partita o perde un campionato,...

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 10 luglio 1922 nasceva Jake LaMotta, leggendario pugile italo-americano, simbolo degli...

Pugilato

Sandro Mazzinghi: i pugni sul ring, i cazzotti della vita Non c’erano di mezzo né il Milan né l’Inter, quel pomeriggio di fine maggio,...

Calcio

Armando Picchi: cuore, sangue e anarchia Il suo nome nel cuore dei vecchi interisti è sinonimo di leggenda. Il suo ricordo è legato all’Inter...

Calcio

Andy Brehme, quando il rigore lo batte la vita Come fai a non pensare di poterlo dominare sempre il destino, quando ti ritrovi a...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro