Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Tra i tre litiganti il quarto gode: Malagò con i suoi fedelissimi pronto a prendersi il Calcio Italiano

Buon febbraio, calcio italiano. Fuori come va a tre mesi dall’eliminazione dal Mondiale?  Non malissimo: di più. Federazione è senza Presidente. La Lega Calcio, la confindustria del pallone, la stella polare e il traino economico del sistema calcio, non ha una guida. E la Nazionale? Ancora priva del Commissario Tecnico. Come si dice? Potrebbe piovere. Occhio, ché nessuno ha intenzione di fungere da ombrello e parafulmine.



Le elezioni FIGC lasciano in eredità un profondo imbarazzo. Gravina, Sibilia e Tommasi, al netto delle parole, di fronte alla poltrona non sono arretrati di un centimetro. Nessuno ha voluto cedere qualcosa, anzi, le trattative sono andate avanti a metà fra il Risiko e il tresette a perdere. Secondo i bene informati, è (sarebbe) andata più o meno cosi: Tommasi, quando è finto fuori dai giochi, è avvicinato da Gravina che gli ha promesso la vice presidenza e il club Italia. Rispedito al mittente. E allora è stato il turno di Sibilia che ha provato a convincere il presidente della Lega di serie C. Ti lascio la FIGC, ma in Lega mi metti Lotito e Tavecchio. Fosse vero, sarebbe da sagra dell’inciucio. E l’elezione del Presidente della Repubblica (delle banane) del Calcio è naufragata in un mare di schede bianche o nulle.  L’unica certezza è che tutti abbiano preferito rinunciare a vincere, piuttosto che favorire il rivale. E il calcio, che doveva essere messo al di sopra degli interessi personali? E il pallone che doveva tornare al centro del campo? Per ora resta a bordo.

La vicenda ha premiato Giovanni Malagò. Il Presidente del CONI ha avuto ragione: era meglio non votare, considerando l’impossibilità di trovare un accordo piuttosto che esporsi all’ennesima figuraccia, di cui nessuno sentiva il bisogno. E adesso? Il futuro è molto semplice. L’appuntamento è fissato oggi quando si riunirà la Giunta Straordinaria del CONI, ma i giochi sono pressoché fatti. Malagò ha costruito la propria fortuna circondandosi di persone fidate e tessendo rapporti politici all’interno della sua roccaforte: il Circolo dell’Aniene. Ecco perché le voci che provengono dal Lungotevere sono le più affidabili. E il futuro qual è? Un triumvirato di fidatissimi: il grande favorito come Commissario FIGC è (qualora non fosse lo stesso presidente del CONI a prendersi carico della situazione) il fidatissimo Chimenti, a capo della Federazione del Golf e promotore della Ryder Cup 2022 a Roma. Accanto a lui un ex calciatore: e tutto lascia credere che possa essere Demetrio Albertini. Ha già maturato esperienze di politiche sportive ed è un volto apprezzato all’estero. Resta la nomina del Commissario Tecnico: favorito a questo punto, Roberto Mancini.  Si è esposto e anche con una certa fiducia di poter sciogliere il legame triennale con lo Zenit San Pietroburgo.

Generato il triumvirato, resta l’impresa più difficile, quasi impossibile: resistere in sella il tempo necessario per formulare e far accettare le riforme. Perché una cosa è proporle, ben altra farle accettare da un’assemblea che è composta dagli stessi aventi diritti al voto che non sono stati capaci di eleggere un presidente. Ecco perché il compito è quanto mai complesso.  Quasi impossibile far firmare ai dilettanti uno statuto che ne ridimensioni il “peso” specifico in sede elettorale. Impresa quasi disperata, invece, convincere le grandi del calcio a sedersi allo stesso tavolo delle piccole. Molto difficile anche trovare un’intesa fra la B e la C e la gestione del club Italia. Malagò è un dirigente esperto, ma servirà tutta la sua diplomazia. E, se possibile, ancor più pazienza per mettere insieme i pezzi di un puzzle difficilmente incastrabili.

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Altri Sport

Le Olimpiadi della Guerra Fredda: Mike Eruzione e il Miracolo sul Ghiaccio Il 22 Febbraio 1980 durante le Olimpiadi Invernali di Lake Placid la...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Altri Sport

Ride bene chi ride ultimo: i Campioni che hanno vinto la battaglia contro il Bullismo In occasione della Giornata nazionale contro il Bullismo e...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon “Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un mese all’anno...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 4 Febbraio 1948 per la prima volta l’Italia conquistava la medaglia d’oro alle Olimpiadi...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

Bloody Sunday: Irlanda del Nord, il Derby di Belfast tra Religione, Politica e pallone Il 30 gennaio 1972 a Derry, Irlanda del Nord, un...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il Biathlon fa la sua comparsa  alle Olimpiadi proprio in occasione della prima edizione invernale della grande kermesse...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro