Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Tra i tre litiganti il quarto gode: Malagò con i suoi fedelissimi pronto a prendersi il Calcio Italiano

Buon febbraio, calcio italiano. Fuori come va a tre mesi dall’eliminazione dal Mondiale?  Non malissimo: di più. Federazione è senza Presidente. La Lega Calcio, la confindustria del pallone, la stella polare e il traino economico del sistema calcio, non ha una guida. E la Nazionale? Ancora priva del Commissario Tecnico. Come si dice? Potrebbe piovere. Occhio, ché nessuno ha intenzione di fungere da ombrello e parafulmine.



Le elezioni FIGC lasciano in eredità un profondo imbarazzo. Gravina, Sibilia e Tommasi, al netto delle parole, di fronte alla poltrona non sono arretrati di un centimetro. Nessuno ha voluto cedere qualcosa, anzi, le trattative sono andate avanti a metà fra il Risiko e il tresette a perdere. Secondo i bene informati, è (sarebbe) andata più o meno cosi: Tommasi, quando è finto fuori dai giochi, è avvicinato da Gravina che gli ha promesso la vice presidenza e il club Italia. Rispedito al mittente. E allora è stato il turno di Sibilia che ha provato a convincere il presidente della Lega di serie C. Ti lascio la FIGC, ma in Lega mi metti Lotito e Tavecchio. Fosse vero, sarebbe da sagra dell’inciucio. E l’elezione del Presidente della Repubblica (delle banane) del Calcio è naufragata in un mare di schede bianche o nulle.  L’unica certezza è che tutti abbiano preferito rinunciare a vincere, piuttosto che favorire il rivale. E il calcio, che doveva essere messo al di sopra degli interessi personali? E il pallone che doveva tornare al centro del campo? Per ora resta a bordo.

La vicenda ha premiato Giovanni Malagò. Il Presidente del CONI ha avuto ragione: era meglio non votare, considerando l’impossibilità di trovare un accordo piuttosto che esporsi all’ennesima figuraccia, di cui nessuno sentiva il bisogno. E adesso? Il futuro è molto semplice. L’appuntamento è fissato oggi quando si riunirà la Giunta Straordinaria del CONI, ma i giochi sono pressoché fatti. Malagò ha costruito la propria fortuna circondandosi di persone fidate e tessendo rapporti politici all’interno della sua roccaforte: il Circolo dell’Aniene. Ecco perché le voci che provengono dal Lungotevere sono le più affidabili. E il futuro qual è? Un triumvirato di fidatissimi: il grande favorito come Commissario FIGC è (qualora non fosse lo stesso presidente del CONI a prendersi carico della situazione) il fidatissimo Chimenti, a capo della Federazione del Golf e promotore della Ryder Cup 2022 a Roma. Accanto a lui un ex calciatore: e tutto lascia credere che possa essere Demetrio Albertini. Ha già maturato esperienze di politiche sportive ed è un volto apprezzato all’estero. Resta la nomina del Commissario Tecnico: favorito a questo punto, Roberto Mancini.  Si è esposto e anche con una certa fiducia di poter sciogliere il legame triennale con lo Zenit San Pietroburgo.

Generato il triumvirato, resta l’impresa più difficile, quasi impossibile: resistere in sella il tempo necessario per formulare e far accettare le riforme. Perché una cosa è proporle, ben altra farle accettare da un’assemblea che è composta dagli stessi aventi diritti al voto che non sono stati capaci di eleggere un presidente. Ecco perché il compito è quanto mai complesso.  Quasi impossibile far firmare ai dilettanti uno statuto che ne ridimensioni il “peso” specifico in sede elettorale. Impresa quasi disperata, invece, convincere le grandi del calcio a sedersi allo stesso tavolo delle piccole. Molto difficile anche trovare un’intesa fra la B e la C e la gestione del club Italia. Malagò è un dirigente esperto, ma servirà tutta la sua diplomazia. E, se possibile, ancor più pazienza per mettere insieme i pezzi di un puzzle difficilmente incastrabili.

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Calcio

Derby della Lanterna, al solito posto Cominciare con Fabrizio De André sarebbe stato troppo facile, difficile però non farlo. Citare Crêuza de mä, canzone...

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Altri Sport

Le Olimpiadi della Guerra Fredda: Mike Eruzione e il Miracolo sul Ghiaccio Compie oggi 66 anni Mike Eruzione, un nome che qui in Italia...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore ad aver vinto il Pallone...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni E’ iniziata ieri la fase a gironi della Champions League 2020-21. Per l’occasione vi raccontiamo la storia del...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro