Connect with us

Cerca articoli

Basket

Trash Talking: Paese che vai, sanzione che trovi

Nelle scorse settimane in Italia, nel calcio, sono accaduti alcuni episodi che sono finiti su tutti i giornali nostrani e non. Andiamo con ordine: Coppa Italia, Quarti di finale, Napoli – Inter. Al termine della gara Mancini si lamenta davanti alle telecamere di essere stato insultato da Sarri che lo avrebbe apostrofato come: “Frocio e finocchio”.  Sarri non smentisce, prova a ridimensionare i toni dicendo che le cose di campo dovrebbero restare tali, confessa e viene sanzionato. Due turni di squalifica in Coppa Italia nella prossima stagione.

Serie A, 21/a giornata, Juventus-Roma. Daniele De Rossi in un battibecco con Mandzukic lo chiama “zingaro di merda”. La casistica non rientra nei casi punibili ed il numero sedici giallorosso ne esce indenne. Tavecchio, che sente puzza di bruciato ma soprattutto ha paura che venga tirata di nuovo fuori la storia di “Optì Pobà mangia banane”, dell’ “Ebreaccio” o del “Teneteli lontano da me” riferito agli omosessuali,  dove comunque a lui non venne fatto sostanzialmente nulla, in fretta e furia afferma che dal prossimo campionato le casistiche per quanto riguarda gli insulti discriminatori verranno ampliate.

Chiamandosi questa rubrica “L’altra faccia degli States”, è impossibile esimersi dal fare un confronto tra le sanzioni quantomeno leggere, per non dire farsa, comminate qui e quelle invece comminate in America per casi analoghi.

Il 30 Aprile 2014, il commissioner della NBA Adam Silver ha annunciato che il proprietario dei Los Angeles Clippers Donald Sterling è stato escluso a vita dalla Lega e costretto a pagare una multa di 2,5 mln di dollari per insulti razzisti. In una telefonata con una donna, registrata dalla stessa, Sterling aveva rivolto insulti razzisti ad una terza persona presente nella stanza con lei.

Qualcuno potrà dire che gli americani avendo avuto  il problema della schiavitù e del razzismo armato nel  loro paese su queste tematiche non ci vanno e non ci possono andare leggeri. Vero. Se si vuole fare una rivoluzione culturale, però,  bisogna essere disposti anche a dare sanzioni esemplari per far passare il messaggio.

Qui nessuno vuole fare il moralista, anzi, forse ha ragione Sarri a dire che le cose di campo è meglio che restino lì. La sensazione però è che essendo il calcio lo specchio della società e non il contrario, la rivoluzione culturale dovrebbe iniziare in altri ambienti e ambiti ma, soprattutto, che i personaggi che si riempiono la bocca di belle parole non siano assolutamente né intenzionati né in grado di compiere questa rivoluzione.

FOTO: www.usatoday.com

social banner

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Paul Allen: storia del Genio tifoso innamorato dello Sport Genio, rivoluzionario, magnate, filantropo. Non bastano le parole, gli aggettivi. Scrivo. Meglio: pigio i tasti...

Calcio

Calcio e Razzismo: tra modifiche e belle parole, riusciremo davvero a risolvere il problema? Torna in prima pagina la questione razzismo nel calcio, dopo...

Calcio

Kyle Rote Jr, storia (dimenticata) della stella che non sapeva di esserlo Provate a chiedere a Kyle Rote Jr, oggi distinto sessantottenne residente in...

Calcio

Immobile, Cassano e i pareri “cattura titoli” Si può discutere di ogni cosa, di ogni aspetto e dell’utilità di ogni giocatore, in ambito tecnico....

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Basket

Alphonso Ford: l’ultimo palleggio del Puma Il 4 Settembre 2004 moriva Alphonso Ford, uno dei più forti cestisti che abbiamo potuto ammirare nel basket...

Basket

Kobe e Gianna: come te lo immagini il paradiso? Avrebbe compiuto oggi 43 anni Kobe Bryant, fenomenale quanto sfortunato cestista NBA, scomparso lo scorso...

Basket

Memento: C’erano una volta i Sonics, la Leggenda di Emerald City “L’acqua limacciosa della memoria, dove tutto ciò che cade si nasconde. Se la...

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Washington, 14 marzo 1996. Va di scena il match NBA...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Compie oggi 67 Slavisa Zungul, un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro