Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Tragedia Chapecoense, il sopravvissuto Neto aveva sognato l’incidente

La notizia è di quelle che mettono i brividi solo a pensarci. Una vicenda che sa molto di Hollywood ma che, a quanto pare, sia del tutto veritiera. Stanno rimbalzando da ore, infatti, le dichiarazioni di Neto, difensore della Chapecoense, miracolosamente sopravvissuto al disastro aereo che si è portato via la maggior parte della squadra brasiliana. Uscito dal coma qualche giorno fa, il calciatore è stato tenuto all’oscuro della tragedia, così come consigliato dagli psicologi, ma dalle prime ore del suo risveglio aveva insistentemente chiesto a più riprese il risultato finale della partita che assegnava la Copa Sudamericana contro i colombiani dell’Atletico Nacional.

neto-chapecoense-salvataggio-750x450

Non potendo più nascondere la verità, a fronte anche delle escoriazioni e ferite sul corpo del giocatore che lo avevano insospettito, Carlos Mendonca, il medico dell’ospedale ha deciso di raccontargli l’accaduto. Una seduta durata circa 2 ore in cui il calciatore è venuto a sapere di aver perso una larga fetta dei suoi compagni, per un totale di 71 vittime compresi i civili e l’equipaggio, in un incidente la cui dinamica deve essere ancora chiarita del tutto.

Il peso sulla famiglia stava diventando troppo forte, principalmente sulla moglie. Neto le faceva domande e lei non poteva parlare, e questo generava una tensione troppo grande. Quindi abbiamo deciso di dirglielo e ora lui è molto triste. Ma è un ragazzo forte, e si riprenderà“. Queste le parole del dottore, intervenuto ai microfoni di SportTv.

Mendonca in conferenza stampa ha poi aggiunto un dettaglio terrificante sull’incontro con Neto. Il centrale brasiliano avrebbe fatto, secondo le dichiarazioni del medico, il giorno prima della partenza, un sogno premonitore nel quale il calciatore si trovava all’interno di un aereo che stava precipitando. Un incubo così vivido che aveva portato il giocatore a raccontare tutto alla moglie e, in un primo momento, a desistere dalla partenza. Cosa che poi non è accaduta. “Probabilmente, quando potrà, ve lo dirà lo stesso Neto. Adesso non fa che ripensarci, perché l’incubo è diventato realtà“.

Nel frattempo, la Chapecoense è stata incredibilmente multata e penalizzata in classifica per non essersi presentata nell’ultima giornata del Brasilerao contro l’Atletico Mineiro. L’unico conforto, ma solo nei fatti, la consegna della Copa Sudamericana alla squadra brasiliana da parte della sua contendente Atletico Nacional che ha voluto omaggiare la compagine dello stato di Santa Catarina rinunciando al trofeo e scrivendo indelebilmente i nomi delle giovani vittime nella storia dello sport mondiale.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 52 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Cura e Prevenzione

7 sintomi di carenza di magnesio La carenza di magnesio, nota anche come ipomagnesiemia, è un problema di salute spesso trascurato. In alcuni casi,...

Motori

Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la sua penna disegna sul foglio, portogli...

Altri Sport

L’indipendenza basca e il ciclismo: Iban Mayo e la macchia arancione L’indipendenza basca è un capitolo della geopolitica che ha legami con l’origine sconosciuta...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più Oggi vi raccontiamo la storia di uno dei primi allenatori pugliesi...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Il 19 luglio 2013 moriva Bert Trautmann, il portiere tedesco che ci ha dimostrato come...

Interviste

70 anni di Adriano Panatta: a tu per tu con la Leggenda del tennis italiano In questa delicatissima fase storica rivedere la luce di...

Motori

Jim Clark, l’amore al volante C’è un qualcosa, nell’aria, che rende fratelli tutti i veicoli a motore: è il profumo della benzina, quello che...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 56 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Motori

Elio De Angelis, il pilota e il pianoforte “Io son partito poi così d’improvviso che non ho avuto il tempo di salutare l’istante breve...

Motori

Ciao Nicky, il ragazzo normale che diventò Campione del Mondo Il 22 maggio 2017 ci lasciava Nicky Hayden, il campione del Mondo di Motociclismo,...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 moriva a Zurigo Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro