Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Tragedia Chapecoense: aperte le scatole nere, ipotesi sulle cause dello schianto

L’aereo Lamia che si è schiantato a pochi chilometri da Medellìn mentre stava trasportando la Chapecoense per la finale di Coppa Sudamericana è stato esaminato dagli ispettori che dall’analisi delle scatole nere rinvenute sul luogo della tragedia potranno stabilire le cause che hanno portato al disastro e alla morte di tutta la squadra brasiliana, fatta eccezione per 3 giocatori superstiti. Per il momento sono due le ipotesi più accreditate: da una parte un guasto elettrico e dall’altra l’esaurimento del carburante. Non si esclude, inoltre, il legame tra le due criticità.

In base a quanto raccolto dai dati delle scatole nere, l’aereo avrebbe fatto richiesta di atterraggio prioritario per problemi all’impianto elettrico, urgenza non ritenuta tale dalla torre di controllo che ha rifiutato quanto domandato. A quel punto il velivolo avrebbe transitato nei cieli in prossimità dell’aeroporto, portando allo svuotamento del serbatoio e allo schianto che tutti conosciamo. Ad avvalorare questa tesi, l’assenza di residui di esplosione dopo l’impatto a terra e la mancanza di tracce di bruciato sui resti dell’aereo. Anche la velocità molto bassa rilevata dalla torre di controllo darebbe ancora più conforto a questo scenario.

Ci sarebbe poi un’affermazione da parte di un pilota che stava guidando un volo nei pressi del luogo del disastro che avrebbe dichiarato ad una radio brasiliana l’esistenza di un mayday per problemi al carburante e poi di una posteriore richiesta di atterraggio per guasti elettrici. In buona sostanza questa testimonianza controvertirebbe quanto sottolineato in precedenza e che quindi l’avvenuto svuotamento del serbatoio sia precedente al problema dell’impianto elettrico e non viceversa. Sempre sulle testimonianze, Ximena Suarez, assistente di volo uscita viva dall’incidente, ha sottolineato come a meno di un minuto dall’impatto le luce interne all’aereo si sono lentamente spente, indirizzando ancora di più l’indagine anche verso il problema elettrico.

Nel frattempo, il direttore generale della compagnia aerea Lamia, Gustavo Vargas ha dichiarato che “il velivolo era in grado di compiere la tratta prevista. Nel caso si fosse reso necessario un rifornimento, l’aereo avrebbe potuto effettuare un secondo scalo a Cobija (Bolivia) o a Bogotà (Colombia). Il pilota era esperto e sapeva il fatto suo. Se dopo il decollo da Santa Cruz ha deciso di puntare dritto su Medellìn significa che poteva farlo“. D’altra, però, non mancano le polemiche. Il calciatore Miguel Borja, calciatore dell’Atletico Nacional, l’altra finalista della Coppa, ha detto di aver volato anche lui sullo stesso aeromobile qualche settimana prima e di aver vissuto un autentico incubo a causa delle dimensioni ridotte e del continuo bisogno di scali per il rifornimento di carburante.

L’analisi definitiva delle scatole nere chiarirà ogni dubbio e stabilirà le cause. I tempi previsti non saranno minori di un lasso che va dai sei mesi fino ad un anno, come ha dichiarato il direttore dell’Aeronautica Civile colombiana, Alfredo Bocanegra, definendolo il tempo necessario per un’indagine accurata. Non ci resta che aspettare.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 12 maggio 1975 nasceva, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti conosciuto...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro