Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Tragedia Chapecoense: aperte le scatole nere, ipotesi sulle cause dello schianto

L’aereo Lamia che si è schiantato a pochi chilometri da Medellìn mentre stava trasportando la Chapecoense per la finale di Coppa Sudamericana è stato esaminato dagli ispettori che dall’analisi delle scatole nere rinvenute sul luogo della tragedia potranno stabilire le cause che hanno portato al disastro e alla morte di tutta la squadra brasiliana, fatta eccezione per 3 giocatori superstiti. Per il momento sono due le ipotesi più accreditate: da una parte un guasto elettrico e dall’altra l’esaurimento del carburante. Non si esclude, inoltre, il legame tra le due criticità.

In base a quanto raccolto dai dati delle scatole nere, l’aereo avrebbe fatto richiesta di atterraggio prioritario per problemi all’impianto elettrico, urgenza non ritenuta tale dalla torre di controllo che ha rifiutato quanto domandato. A quel punto il velivolo avrebbe transitato nei cieli in prossimità dell’aeroporto, portando allo svuotamento del serbatoio e allo schianto che tutti conosciamo. Ad avvalorare questa tesi, l’assenza di residui di esplosione dopo l’impatto a terra e la mancanza di tracce di bruciato sui resti dell’aereo. Anche la velocità molto bassa rilevata dalla torre di controllo darebbe ancora più conforto a questo scenario.

Ci sarebbe poi un’affermazione da parte di un pilota che stava guidando un volo nei pressi del luogo del disastro che avrebbe dichiarato ad una radio brasiliana l’esistenza di un mayday per problemi al carburante e poi di una posteriore richiesta di atterraggio per guasti elettrici. In buona sostanza questa testimonianza controvertirebbe quanto sottolineato in precedenza e che quindi l’avvenuto svuotamento del serbatoio sia precedente al problema dell’impianto elettrico e non viceversa. Sempre sulle testimonianze, Ximena Suarez, assistente di volo uscita viva dall’incidente, ha sottolineato come a meno di un minuto dall’impatto le luce interne all’aereo si sono lentamente spente, indirizzando ancora di più l’indagine anche verso il problema elettrico.

Nel frattempo, il direttore generale della compagnia aerea Lamia, Gustavo Vargas ha dichiarato che “il velivolo era in grado di compiere la tratta prevista. Nel caso si fosse reso necessario un rifornimento, l’aereo avrebbe potuto effettuare un secondo scalo a Cobija (Bolivia) o a Bogotà (Colombia). Il pilota era esperto e sapeva il fatto suo. Se dopo il decollo da Santa Cruz ha deciso di puntare dritto su Medellìn significa che poteva farlo“. D’altra, però, non mancano le polemiche. Il calciatore Miguel Borja, calciatore dell’Atletico Nacional, l’altra finalista della Coppa, ha detto di aver volato anche lui sullo stesso aeromobile qualche settimana prima e di aver vissuto un autentico incubo a causa delle dimensioni ridotte e del continuo bisogno di scali per il rifornimento di carburante.

L’analisi definitiva delle scatole nere chiarirà ogni dubbio e stabilirà le cause. I tempi previsti non saranno minori di un lasso che va dai sei mesi fino ad un anno, come ha dichiarato il direttore dell’Aeronautica Civile colombiana, Alfredo Bocanegra, definendolo il tempo necessario per un’indagine accurata. Non ci resta che aspettare.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Emigrante Fútbol Club: 7 squadre fondate da Italiani in Brasile Il 21 Febbraio si festeggia in Brasile la Giornata Nazionale dell’Immigrazione Italiana. Un fenomeno...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro