Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Totti e il Tottismo

Totti, Totti, fortissimamente Totti. L’intervista rilasciata a Maurizio Costanzo. Il presidente Pallotta che lascia la Capitale senza parlare del rinnovo. Nè incontrarlo. Le ruggini con Spalletti. La sensazione dell’addio imminente.

A conti fatti, la somma dei fattori si risolve nell’equità. Francesco Totti ha dato tantissimo alla Roma, ma non di più di quanto abbia ricevuto. Ha gestito la propria carriera regalando ai tifosi momenti indimenticabili, ma traendo sempre e comunque il massimo per sé stesso attraverso una autogestione esemplare che si riassume nel “No” al Real di Zidane, Figo, Beckham e Raul. Rifiuto per amore? Si, ma non solo. Scelta di testa e cuore. Un “No” figlio, sebbene in minima percentuale, di un sano, sanissimo, egoismo.

Meglio essere Francesco Totti a Roma, che uno dei tanti a Madrid. E poco importa dei trofei, se a Roma si intravede la possibilità di scrivere la storia, inseguire ogni tipo di record e giocare. Perchè quello, in fondo, è il bello. Giocare a calcio sin quando si ha voglia. Sino a quando il Madrid non permetterebbe. La scelta è premiante: arrivano il titolo mondiale, la scarpa d’oro, due Coppe Italia e l’amore smisurato. Roma adora Totti. Un sentimento strameritato, sia chiaro. Tutto va come previsto. Arrivano i record. Il rapporto si cementifica. Roma e Totti, una cosa sola. E però gli anni passano. I muscoli si appesantiscono. Nessuno, quando la carta d’identità inizia a vincere sul fisico, ha cuore e coraggio di dire “basta”, “smetti”. Certo, la scelta è difficile. Totti è un figlio di Roma. Un fratello di tutti i tifosi. Troppo amore, però, rende i figli e i fratelli viziati.

Ed ecco che si arriva a “questo” finale. Inevitabile. La gente è delusa da alcuni atteggiamenti. Stupisce, chi si stupisce. Negli ultimi tre anni, Totti ha avuto di più, in termini di consenso e affetti, di quanto abbia fatto per la Roma. Premesso ciò, i romanisti sarebbero ingrati nel non ringraziarlo. E Totti sarebbe poco attento se continuasse a giocare. La scelta creerebbe l’humus ideale per la degenerazione del “tottismo”. Ovvero l’esaltazione oltre ogni misura e logica, di Totti. Sino ad anteporlo alla Roma stessa, creando spaccature e all’interno di un ambiente già destabilizzato. Il Tottismo è amore cieco, tossico, dannoso. É ciò che spinge una porzione di pubblico a fischiare la Roma perché la squadra non calcia il pallone fuori dal campo per permettere l’ingresso di Totti. Troppo. E il troppo, storpia. E neanche l’immagine di Totti ne sarebbe esente. Aveva abituato i romanisti alle imprese. Non si faccia ricordare per i capricci. Sarebbe un peccato. C’è ancora tempo per recuperare e ricucire il rapporto e renderlo sereno.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il 10 Aprile 2018 allo Stadio Olimpico la Roma compie una delle più grandi imprese della sua storia battendo il Barcellona per 3 a...

Calcio

Saul Malatrasi, l’uomo delle Coppe Quando qualche anno fa la Spal tornava in Serie A dopo quasi mezzo secolo venivano citati i giocatori lanciati...

Calcio

Edin Dzeko, il Diamante di Sarajevo Compie oggi 35 anni Edin Dzeko, centravanti bosniaco della Roma che dopo aver vissuto in prima persona i...

Economia

Società italiane di calcio quotate in Borsa, andamento degli ultimi mesi Tra le società quotate in Borsa, da tempo, ci sono anche alcuni dei...

Calcio

Oronzo Pugliese, il Mago di Turi di un calcio che non esiste più L’11 Marzo 1990 ci lasciava uno dei primi allenatori pugliesi saliti...

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Le meteore della Serie A: il ‘lavapiatti’ milanista  Harvey Esajas 12 gennaio 2005. Mancano soltanto cinque minuti al termine della sfida tra il Milan...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Interviste

A tu per tu con Manuel Poggiali, il “Titano” del motociclismo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Manuel Poggiali, campione del mondo di motociclismo....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro