Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Torna il calcio, torna la violenza: calciatore colpito da un sasso.

Il calcio, si sa, è sempre più contornato da un alone di violenza che, spesso e volentieri, diventa il vero protagonista della manifestazione sportiva. Gli attori principali di questo pericoloso risvolto, sono, in larga misura, i tifosi.

Dopo gli episodi di violenti scontri tra fazioni opposte verificatisi durante le amichevoli estive, in un clima di festa con famiglie e bambini, questa volta sale agli “onori” della cronaca ciò che è accaduto nella serata di ieri, su un palcoscenico che conta come quello delle qualificazioni all’Europa League. Siamo a Tirana, in Albania, e l’occasione è la partita di andata delle semi-finali per l’accesso alla vecchia coppa UEFA, Kukesi contro Legia Varsavia, squadra polacca.
Già dalle prime battute di gioco, la tifoseria ospite fa valere il fattore campo, attraverso il lancio di bottigliette e oggetti di ogni genere.

Ma andiamo con ordine: al ’29 del primo tempo la squadra ospite passa in vantaggio, grazie alla rete realizzata da Nikolic. La prima frazione termina con la squadra di casa sotto di un goal e i tifosi non nascondono la loro delusione attraverso, come già detto, comportamenti criminali e minatori. Il secondo tempo vede la Kukesi riportare la gara in equilibrio, nei primi minuti della ripresa, grazie al goal di Moreira Santos al minuto ’49.

Solo due minuti più tardi, al ’51, l’episodio che cambia la gara: Rzeźniczak, difensore del Legia Varsavia, porta in vantaggio la squadra polacca. Il disappunto della tifoseria locale albanese sfocia in un fitto lancio di oggetti che culmina con un sasso scagliato dalla curva verso un calciatore ospite. Si tratta di Ondrej Duda, centrocampista slovacco in forza nella compagine polacca. Durante i festeggiamenti per la rete del vantaggio, il giocatore viene colpito da un masso e si accascia a terra.

Subito soccorso dai suoi compagni e dallo staff sanitario, Duda, in un primo momento confuso e disorientato, decide, a seguito di una vistosa fasciatura, di rientrare in campo per concludere la gara. Ma non c’è più tempo: l’arbitro, a seguito di quanto accaduto, interrompe la partita al minuto 51. L’UEFA ha aperto un’indagine in merito a quanto accaduto e, sembra scontato, che il Kukesi venga eliminato dalla competizione per colpa della sua tifoseria.

Quanto successo a Tirana non è il primo, né l’ultimo, caso in cui questioni extra calcistiche e comportamenti fuori da ogni ragione, oltra a creare un danno alla squadra, evidenziano come il calcio e, in molti casi, lo sport in generale, sia ormai diventato ostaggio di personaggi che la FIFA, l’UEFA e le Federazioni mondiali dovrebbero fare in modo di allontanare per sempre dal campo di gioco.

social banner

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Calcio

A tu per tu con Ambra Lombardo tra calcio e spettacolo a Tiki Taka e non solo A tu per tu con la bellissima...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Calcio

La coppa fantasma: quella finale tra Udinese e Atalanta senza trofeo… La coppa fantasma. Fin dal giorno della sua assegnazione. Dove nessuno la vide...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 3 gennaio 1929 nasceva uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone. Tutti...

Sport & Diritti

Pubblicata online la brochure del progetto SAFE! La brochure deI progetto SAFE, realizzato da LAZIOCREA S.p.A. di concerto con la Regione Lazio – Direzione Cultura...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Calcio

La partita di Natale: quando il calcio sconfisse la Grande Guerra Il freddo di dicembre mi riporta in mente uno degli episodi che descrivono...

Calcio

La Leggenda di Arsarnerit: se l’Aurora Boreale è una partita di calcio Una Leggenda incredibile, che ha origini lontanissime ed è parte integrante della...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro