Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Tony Hawk, la vita del campione di Skate diventa un libro e (in parte) un film

I poliziotti ti multano regolarmente e ti conoscono per nome, hai sempre almeno una crosta sulla pelle, ti fanno male le caviglie e le anche, ti svegli in ambulanza senza i denti davanti”. È l’identikit dello skater, come si legge nella presentazione di un libro atteso dagli amanti del genere: “Hawk, professione skater” (Salani editore, 432 pagine, 13.90 euro), scritto dallo stesso campione – è stato il primo skater a completare il trick 900 (“900” sta per i gradi affrontati: due giri e mezzo), vincitore di contest dal numero incalcolabile, inventore di nuovi trick, manovre acrobatiche – con lo scrittore freelance e redattore del magazine “Skateboarder” Sean Mortimer. Il volume è anche al centro del film diretto da Andrea Molaioli e tratto dal romanzo di Nick HornbyTutto per una ragazza”, da 23 marzo al cinema. Interpretata da Ludovico Tersigni, Barbara Ramella, Jasmine Trinca e Luca Marinelli, la pellicola racconta la storia di Sam, un adolescente con la passione per lo skateboard – e per lo skater Tony Hawk – che combina un “grosso guaio” ed è costretto a prendersi le proprie responsabilità. A venirgli in soccorso sarà la sua strampalata famiglia: una mamma che lo ha avuto da ragazza e che è una donna dolce ma un po’ svampita, e un padre decisamente simpatico che però è assente dalla sua vita.

tonyhawk

Un ragazzino, appunto come lo è stato Anthony Frank Dupree Hawk – questo il nome all’anagrafe dello skater Tony Hawk – classe 1968, vera e propria leggenda negli Stati Uniti e nel mondo – protagonista di videogiochi che portano il suo nome, attore, imprenditore, creatore di una fondazione per aiutare a costruire skatepark per ragazzi in aree svantaggiate. “Uno, nessuno e centomila”, insomma (prendendo il prestito il titolo di uno dei romanzi più famosi di Luigi Pirandello) senza dimenticare – si legge ancora – che Hawk è stato “detentore di costole rotte, caviglie sfasciate, incisivi persi, viaggi per mezzo mondo a bordo di pulmini scassati, notti insonni, puzza di sudore, show umilianti, vittorie entusiasmanti e sconfitte brucianti”. Sfogliando le pagine di questo libro, leggiamo l’intenso racconto dello skater più conosciuto di sempre, che torna con la memoria a quelli che sono gli episodi più bizzarri, divertenti e commoventi della sua vita, svelando al lettore – con ironia e semplicità – gli ingredienti per inseguire propri i sogni, trasformando i difetti in delle particolarità uniche. Quasi a diventare invidiabili, come è stato nel suo caso.

Tony-Hawk-01

Le mie giornate cominciavano e finivano con lo skate. Ogni mattina arrivavo con mezz’ora di anticipo per poter skaterare sul marciapiede insieme all’unico altro skater della scuola. A volte il preside usciva dal suo ufficio, si sedeva per terra e ci guardava”, si legge in una biografia che non parla solo di skateboard, ma anche di un ragazzino troppo magro per governare la sua tavola, deriso dai compagni di scuola quando a skateare negli Stati Uniti erano solo in pochissimi. E quei pochi venivano visti anche un po’ come “sfigati”. Diventato skater pro a dodici anni, Hawk è andato avanti con coraggio e determinazione, aggiudicandosi la nomea di “re della tavola” e guadagnando milioni dagli sponsor. Tutto questo perdendo conoscenza, fratturandosi le costole e rompendosi i denti pur di chiudere un trick; non per aggiudicarsi una gara, si badi bene, ma per omaggiare uno sport che, come riconosce lo stesso campione statunitense, “mi è stato di grande aiuto per modificare il mio comportamento”. Lanciandosi nella vita come da una rampa: a tutta velocità.

9788869188367_0_0_1562_80

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

Thomas Hearns, un macigno sui trampoli Compie oggi 63 anni Thomas Hearns, uno dei pugili più forti della storia, protagonista insieme a Marvin Hagler...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Calcio

Jean-Marie Pfaff, un sorriso tra i guanti Sai che c’è? C’è che se da ragazzino passi il tempo in una roulotte, nel centro di...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 9 Ottobre 1967 veniva giustiziato in Bolivia, il rivoluzionario e guerrigliero Ernesto Che Guevara....

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Motori

François Cevert: una folata di vento Il 6 ottobre 1973 perdeva la vita a causa di un incidente durante il Gran Premio degli Stati...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Motori

Dal coma al ritorno in pista: la vittoriosa battaglia di Mika Hakkinen Compie oggi 53 anni Mika Hakkinen, leggendario pilota finlandese di Formula Uno,...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 26 settembre 1973 ci salutava la grande attrice...

Pugilato

La storia di Oscar “Ringo” Bonavena Fisico massiccio, sguardo accattivante e folta chioma nera come la pece era questo Oscar Bonavena, argentino di Buenos Aires...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 19 Settembre 2017 ci lasciava a 95 anni Giacobbe LaMotta, meglio...

Calcio

A Ovest di Socrates: Gol e droghe di Walter Casagrande “Quando guardi a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro.”  Friedrich Nietzsche Cosa fosse più...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro