Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Come ti cambio la Lega Calcio: Malagò, il Commissario delle Grandi Intese

Dopo Burian, arriva Malagò. Il grande gelo che ha paralizzato la Lega Calcio si è sciolto, complice l’operato del presidente del Coni. In quaranta giorni, il dirigente è riuscito in ciò che i presidenti non sono stati capaci di gestire in quattro anni. Trovato il presidente, riformato il mercato e, parzialmente, la Coppa Italia. Infine rivisitato il calendario. Tutto senza polemiche. Una piccola impresa considerando il clima irrespirabile che si respirava nella confindustrtia del calcio.

L’uomo delle grandi intese

Malagò si conferma l’uomo delle grandi intese. Un diplomatico consumato. Le riunioni in Lega si son trasformate in incontri amichevoli dopo le risse verbali degli ultimi mesi. Come è stato possibile? Beh, molto semplice. Malagò sa scegliere come pochi i propri interlocutori. Ed è quasi impossibile che scontenti qualcuno contando su amicizie influenti e allo stesso tempo discrete.  Il Commissario non impone la propria volontà. Chiude le dispute anestetizzandole. Nessun vincitore né però vinti. Per trovare la “quadra” in Lega gli è stato sufficiente proporre uomini che non urtino la suscettibilità delle grandi e, nel contempo, siano anche vicine alla media borghesia del calcio. Non a caso la scelta è caduta su Gaetano Miccichè, presidente del gruppo Banca Intesa e specializzato nel gestire situazioni particolarmente calde come il caso Alitalia e la scalata al gruppo RCS. Esattamente. Lo stesso colosso editoriale finito nelle mani di Urbano Cairo che è anche presidente del Torino e che, con Lotito, era a capo dell’asse dei “dissidenti” e capace di spostare l’ago della bilancia verso il “no”. Accontento il presidente del Torino e, di riflesso, quello della Lazio, lasciando immutato lo status quo che non intacca i privilegi delle grandi, tutto si è incastrato alla perfezione.

 

Bravo, ma anche scaltro

Il commissario Malagò ha anche dovuto gestire una situazione molto complicata da un punto di vista mediatico raccogliendo consenso unanime. Il caso Astori è stato gestito con grande attenzione. Ascoltando tutti e lasciando che la soluzione nascesse dalla necessità più che dalla volontà. In modo che in una situazione delicata quanto drammatica, non vi fossero ripercussioni. Malagò, subito dopo che le agenzie hanno battuto la morte di Astori,  ha parlato prima con il Genoa e poi con il Cagliari, quindi ha “sentito” l’onda della commozione generale, e innescato un effetto domino in cui è stato sufficiente mettere nero su bianco con il Ministero dell’Interno e il Capo della Polizia per annullare una partita come il derby di Milano. Roba da ottanta mila spettatori, sospesa senza un fiato, complice una giornata in cui nessuno voleva giocare. L’ultima spina nel fianco, prima dell’elezione ufficiale di Miccichè era trovare una data per il derby di Milano. No problem: ci ha pensato l’Arsenal, eliminando, di fatto, i rossoneri dalla competizione e spianando anche questa strada. Napoleone diceva: meglio un generale fortunato oltre che bravo. Beh, alla luce dei fatti, uno come Malagò sarebbe stato senz’altro stato arruolato.

 

 

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Malafeev era un portiere Compie oggi 42 anni Vjačeslav Malafeev, ex calciatore dello Zenit San Pietroburgo. La sua storia è una lezione di vita...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Altri Sport

Ride bene chi ride ultimo: i Campioni che hanno vinto la battaglia contro il Bullismo In occasione della Giornata nazionale contro il Bullismo e...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon “Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un mese all’anno...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 4 Febbraio 1948 per la prima volta l’Italia conquistava la medaglia d’oro alle Olimpiadi...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro