Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Come ti cambio la Lega Calcio: Malagò, il Commissario delle Grandi Intese

Dopo Burian, arriva Malagò. Il grande gelo che ha paralizzato la Lega Calcio si è sciolto, complice l’operato del presidente del Coni. In quaranta giorni, il dirigente è riuscito in ciò che i presidenti non sono stati capaci di gestire in quattro anni. Trovato il presidente, riformato il mercato e, parzialmente, la Coppa Italia. Infine rivisitato il calendario. Tutto senza polemiche. Una piccola impresa considerando il clima irrespirabile che si respirava nella confindustrtia del calcio.

L’uomo delle grandi intese

Malagò si conferma l’uomo delle grandi intese. Un diplomatico consumato. Le riunioni in Lega si son trasformate in incontri amichevoli dopo le risse verbali degli ultimi mesi. Come è stato possibile? Beh, molto semplice. Malagò sa scegliere come pochi i propri interlocutori. Ed è quasi impossibile che scontenti qualcuno contando su amicizie influenti e allo stesso tempo discrete.  Il Commissario non impone la propria volontà. Chiude le dispute anestetizzandole. Nessun vincitore né però vinti. Per trovare la “quadra” in Lega gli è stato sufficiente proporre uomini che non urtino la suscettibilità delle grandi e, nel contempo, siano anche vicine alla media borghesia del calcio. Non a caso la scelta è caduta su Gaetano Miccichè, presidente del gruppo Banca Intesa e specializzato nel gestire situazioni particolarmente calde come il caso Alitalia e la scalata al gruppo RCS. Esattamente. Lo stesso colosso editoriale finito nelle mani di Urbano Cairo che è anche presidente del Torino e che, con Lotito, era a capo dell’asse dei “dissidenti” e capace di spostare l’ago della bilancia verso il “no”. Accontento il presidente del Torino e, di riflesso, quello della Lazio, lasciando immutato lo status quo che non intacca i privilegi delle grandi, tutto si è incastrato alla perfezione.

 

Bravo, ma anche scaltro

Il commissario Malagò ha anche dovuto gestire una situazione molto complicata da un punto di vista mediatico raccogliendo consenso unanime. Il caso Astori è stato gestito con grande attenzione. Ascoltando tutti e lasciando che la soluzione nascesse dalla necessità più che dalla volontà. In modo che in una situazione delicata quanto drammatica, non vi fossero ripercussioni. Malagò, subito dopo che le agenzie hanno battuto la morte di Astori,  ha parlato prima con il Genoa e poi con il Cagliari, quindi ha “sentito” l’onda della commozione generale, e innescato un effetto domino in cui è stato sufficiente mettere nero su bianco con il Ministero dell’Interno e il Capo della Polizia per annullare una partita come il derby di Milano. Roba da ottanta mila spettatori, sospesa senza un fiato, complice una giornata in cui nessuno voleva giocare. L’ultima spina nel fianco, prima dell’elezione ufficiale di Miccichè era trovare una data per il derby di Milano. No problem: ci ha pensato l’Arsenal, eliminando, di fatto, i rossoneri dalla competizione e spianando anche questa strada. Napoleone diceva: meglio un generale fortunato oltre che bravo. Beh, alla luce dei fatti, uno come Malagò sarebbe stato senz’altro stato arruolato.

 

 

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Calcio

I diritti Tv nel calcio. Cosa potrebbe cambiare a stretto giro? Il calcio in televisione, un tema lungo ed articolato che affonda le sue...

Calcio

Derby della Lanterna, al solito posto Cominciare con Fabrizio De André sarebbe stato troppo facile, difficile però non farlo. Citare Crêuza de mä, canzone...

Calcio

L’Inter vuole approfittare di questo periodo particolare per battere la Juventus Dopo aver regnato incontrastata sul calcio nostrano per ben cinque anni, dal 2005...

Calcio

Hagi e il Brescia: storia romantica di una retrocessione Hagi e la B. Binomio triste e paradossale, ciononostante vero. Il calderone del calcio italiano...

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore ad aver vinto il Pallone...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro