Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

The Buffer Partnership: quando la voce diventa marchio registrato

I fratelli Michael e Bruce Buffer hanno in comune, oltre al padre, sono infatti figli di madri diverse, di aver costruito le loro fortune sulla voce. Non sono però né tenori, né cantanti rock, ma ring announcer, salgono cioè sui ring dove sono in programma eventi di sport da combattimento per presentare al pubblico i protagonisti degli incontri che si susseguono nel programma.

Il primo a seguire questa strada fu Michael, classe 1944, tredici anni più vecchio del fratellastro. Dopo una vita avventurosa, tre anni volontario in Vietnam tra il 1964 e il ’67 e vari lavori tra cui il venditore di auto, nel 1976 Michael inizia una carriera da modello, e sei anni dopo approda al ruolo di ring announcer. Lui non lo sa ancora ma all’età di 38 anni anni ha finalmente trovato la sua strada. In breve, grazie anche al fatto di essere stato scelto dalla Top Rank di Bob Arum uno dei più celebri organizzatori americani di pugilato dell’epoca, come voce di tutti gli eventi organizzati, trasforma il ring announcer da ruolo affidato di volta in volta a personale locale a figura fissa della promotion con cui lavora. Non si limita ad occuparsi di boxe ma è attivissimo anche nel mondo del wrestling, si esibisce per le maggiori organizzazioni e la sua fama cresce, fino ad esser chiamato anche per presentare eventi al di fuori degli sport da ring, come la Stanley Cup, le finali dell’hockey professionistico nordamericano e la 500 miglia di Indianapolis. Oggi a 74 anni conserva una voce tonante e limpida ed è attivissimo sui ring di tutto il mondo. E’ noto anche come attore, visto che è dal 1988 che viene chiamato a comparire nei film, quasi sempre nel ruolo di uno speaker, e spesso di se stesso, come è accaduto in due film della saga di Rocky, Rocky V e Rocky Balboa, in Creed, in Creed 2 e in tantissime altre produzioni, ventisei quelle in cui è comparso finora.

Suo fratello Bruce invece gli sport da combattimento li ha anche praticati, prima judo, poi Tang Soo Do in cui è cintura nera secondo dan e la Kickboxing, che lasciò dopo aver subito due commozioni cerebrali. Nel 1989 il padre lo presentò al fratellastro che aveva contattato dopo averlo visto in televisione, non avendo con lui rapporti da tempo. I due legarono, Bruce divenne agente del fratello maggiore e successivamente, visto che anche lui era dotato di una voce adatta, iniziò con la professione di ring announcer. La sua strada fu però nelle arti marziali miste dove è il presentatore degli eventi UFC, la principale promotion del ramo, da molti anni, e dove i suoi salti nell’ottagono durante le presentazioni hanno fatto epoca. Salti che da qualche tempo però ha molto limitato per via di alcuni problemi fisici.

Entrambi hanno una frase manifesto che li contraddistingue, Michael lanciò la sua già nel 1984:

“Let’s get ready to rumble!” che dopo un lungo iter divenne marchio registrato nel 1992 e pare abbia già fruttato al suo autore 400 milioni di dollari. Se avete visto lo spot lancio della stagione della Premiership per Sky Italia avete un esempio di quanto siano noti e citati Michael Buffer e il suo marchio registrato, Paolo di Canio, al centro di un ring nel ruolo di announcer magnifica allenatori e giocatori della Premier, poi si rivolge ai telespettatori e li incita con un: “Let’s ready to rumble!” Bruce invece utilizza una formula più breve e di sicuro effetto prima dei match principali di ogni riunione: “It’s time!”: questo è il momento. Una società  di cui Bruce è CEO, gestisce le loro immagini e i loro interessi, la The Buffer Partnership. Storie che probabilmente possono avvenire solo in America dove a volte bastano la voce giusta e l’essere ready to rumble per diventare famosi.

 

 

 

 

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Interviste

A tu per tu Roberto Cammarelle, il signore del ring Partita con l’accensione del simbolico braciere a Fukushima l’edizione numero trentadue dei Giochi Olimpici...

Pugilato

Thomas Hearns, un macigno sui trampoli La sua boxe bisognava sempre ammirarla dal basso verso l’alto: a guardargli le gambe, sembrava che qualcuno avesse...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 31 marzo 1878 nasceva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Pugilato

Harold Reitman, il dottore combattente per amore della figlia Ha compiuto ieri 71 anni Harold Reitman, il pugile dottore che ha combattuto per un...

Pugilato

La crisi da Covid colpisce anche l’Audace: il Ring di Ali e Benvenuti rischia di andare all’asta Quando parliamo di pugilato in Italia, e...

Pugilato

Hector Macho Camacho: Commediante, eccentrico, imprevedibile, volubile In occasione della Giornata Mondiale del Teatro che si celebra oggi vi raccontiamo la storia di un...

Pugilato

Ballata per Sonny Liston  Per la Giornata mondiale della Poesia che si celebra oggi vi proponiamo la ballata che Paolo Marcacci ha dedicato a...

Pugilato

Hagler – Mugabi, il Meraviglioso contro la Bestia – Il primo avversario è stato un tipo che mi aveva fatto un occhio nero in...

Pugilato

Giraldo Córdova Cardín, il pugile rivoluzionario morto per Cuba Il 10 Marzo 1952 il generale cubano Fulgencio Batista y Zaldívar con un colpo di...

Pugilato

Billy Collins e quel pugno “dopato” che ha distrutto la sua vita Il 6 marzo 1984 moriva il pugile di origini irlandesi Billy Collins,...

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Pugilato

LaMotta – Robinson: Il Massacro di San Valentino Il 14 febbraio del 1951, nel giorno degli innamorati, non ci fu amore tra pesi medi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro