Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Terremoto nel Calcio Portoghese: il Benfica al centro di uno scandalo corruzione

Terremoto nel calcio portoghese: con queste semplici parole si può riassumere quello che sta succedendo nel futbol lusitano in queste ultime ore. Paulo Gonçalves, consigliere e consulente legale del Benfica è finito in manette nell’ambito dell’operazione della polizia portoghese  “E-mole”. Vediamo cosa è successo.

INFILTRATO- La polizia portoghese ha quindi arrestato Paulo Gonçalves per “la presunta pratica dei reati di corruzione attiva e passiva, l’accesso illegittimo, la violazione della segretezza della giustizia, la frode informatica e il favoritismo personale”.  L’accusa principale mossa a Gonçalves è quella di aver corrotto elementi del tribunale per aver accesso ad alcune informazioni sulle indagini in corso, che vedevano coinvolto il Benfica.  Un’operazione imponente quella E-mole, che ha coinvolto circa cinquanta agenti di polizia, un giudice investigativo criminale e due pubblici ministeri e ha comportato l’esecuzione di trenta perquisizioni avvenute nelle aree di Porto, Fafe, Guimarães, Santarém e Lisbona che hanno portato al sequestro di rilevanti elementi di prova  nei confronti dei sospettati. Oltre Paulo Gonçalves, anche José Silva, tecnico informatico dell’Istituto di gestione finanziaria ed attrezzature del tribunale (IGFEJ), è stato arrestato dalla polizia giudiziaria, con l’accusa di accesso al sistema informatico dei tribunali e di aver rimosso  informazioni relative ai casi riguardanti il Benfica,  che sarebbero state in seguito trasmesse al consulente legale del club. Ma quindi cosa faceva Paulo Gonçalves? Il dirigente del Benfica, evidentemente imbeccato da qualcuno, aveva cominciato a corrompere dei funzionari del tribunale di Lisbona, regalando posti vip al Da Luz oppure materiale tecnico del club, per poter accedere a notizie ed informazioni riservate su alcune indagini che le autorità portavano avanti contro la squadra della capitale portoghese. Gonçalves, comunque, dopo 48 ore di detenzione, è stato rilasciato, con l’unica misura coercitiva di essere un divieto di contattare gli altri imputati nel processo. La procura della Repubblica aveva addirittura chiesto, ma non ottenuto, il divieto per Gonçalves  di entrare nell’Estádio da Luz. In ogni modo l’accusa resta pesantissima e getta un’ombra a dir poco sinistra sulla dirigenza del Benfica e su tutto il calcio portoghese.

DIFESA- “Il Benfica conferma la ricerca nelle sue strutture nel quadro di un processo di indagine sulla possibile violazione della segretezza della giustizia e ribadisce la sua totale disponibilità a collaborare con le autorità nella verifica integrale della verità. Il club esprime la propria fiducia e convinzione che il Dr. Paulo Gonçalves avrà l’opportunità, nel processo giudiziario, di dimostrare la legalità delle sue procedure“, si legge in una nota del Benfica. Una difesa d’obbligo da parte del club che però non lo ha messo al riparo dall’attacco e dalle critiche del mondo calcistico portoghese e non solo. Questo scandalo di enormi proporzioni non ha potuto non coinvolgere anche la politica, con personaggi come Bagão Félix,  politico portoghese di spicco ed ex Ministro delle finanze se non tifoso del Benfica che ha detto: “Spero che la conclusione di questo processo avverrà il prima possibile, nel nome della verità. Come benfiquista, non posso fare a meno di sentirmi a disagio, indipendentemente da ciò che è in gioco. È una situazione che crea disagio. Sono un militante. Ma, come ho detto, voglio che tutto sia chiaro e veloce. Queste situazioni sono negative per il calcio e il Benfica”. Parole pesanti che però sembrano carezze a confronto con quello che ha dichiarato Bruno Costa Carvalho, ex candidato presidenziale per il Benfica nel 2009 :  “Indipendentemente dal risultato di tutto, oggi dovrebbe essere il giorno più vergognoso nella storia del Benfica”. Dunque un vero e proprio terremoto che potrebbe coinvolgere in prima battuta proprio il Benfica se le autorità accertassero che Gonçalves possa aver agito a nome del club e non a titolo personale. L’accusa per il Benfica sarebbe pesantissima e sarebbe, di conseguenza, una vera e propria apocalisse nel calcio portoghese. Insomma, un’altra brutta storia nel mondo del calcio che ormai, ad ogni latitudine, sembra nascondere sempre storie poco edificanti  per questo splendido sport.

 

 

Commenti

2 Comments

  1. Avatar

    Pippovinci

    Marzo 11, 2018 at 7:45 pm

    Non si capisce cosa c entri il benefica e che cosa grave avrebbe fatto questo Gonçalvez. Anche perché Nell’articolo non é detto per quale motivo ci fosse n procedimento a carico del Benfica

  2. Avatar

    Leo

    Marzo 22, 2018 at 1:28 pm

    Il Benfica è un po’ la Giuve del Portogallo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

La Grecia di Euro 2004 simbolo di resistenza e orgoglio Nati per subire, cresciuti per vincere. Se si dovesse riassumere in poche parole il...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Compie oggi 60 anni Dirk Schlegel, il...

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Calcio

Albino United: la squadra di calcio che combatte la stregoneria e la strage di innocenti in Africa Il 13 giugno di ogni anno ricorre...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

Kim Vilfort, il meno importante dei miracoli – Lieve è il dolore che parla. Il grande, è muto –  Seneca I sopravvissuti non sono...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Calcio

31 anni da Italia 1990, le Notti Magiche e il trionfo dell’ultima Germania divisa L’8 giugno di 31 anni fa iniziavano i Mondiali di...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro