Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

E’ iniziata la Nuova Coppa Davis in stile Mondiali di Calcio: tanti soldi, altrettante polemiche

[themoneytizer id=”27127-1″]

E’ iniziata la Nuova Coppa Davis in stile Mondiali di Calcio: tanti soldi, altrettante polemiche

E’ iniziata ieri la Coppa Davis 2019, lo storico torneo di tennis tra nazionali che da quest’anno si è trasformato in una competizione del tutto simile alla Coppa del Mondo di Calcio. Nell’agosto 2018 il Board dell’ITF ha approvato il progetto di una nuova World Cup of Tennis Finals, che sostituisce la Coppa Davis tradizionale.  Il così detto gruppo mondiale viene giocato da 18 nazioni in un’unica sede per una settimana a novembre. Quest’anno la città ospitante è Madrid sui campi della Caja Magica. Protagonista del cambiamento il gruppo di investimento Kosmos, fondato Gerard Piqué, bandiera del Barcellona e grande appassionato di Tennis, che ha sottoscritto un accordo commerciale con l’ITF.  La Kosmos sarà poi appoggiata nel progetto dalla compagnia di e-commerce giapponese Rakuten, già title sponsor dell’ATP 500 di Tokyo. La partnership avrà durata di 25 anni e un giro d’affari di 2,5 miliardi di dollari. Soldi freschi che verranno investiti per trasformare la Coppa Davis e mettere sul piatto un Prize Money spaventoso che possa convincere a partecipare tutti i giocatori più forti del mondo, che nelle ultime stagioni hanno un po’ snobbato la Davis. Anche se nella suo prima edizione appena iniziata non mancano le defezioni illustri, come quella di Zverev e Federer. Numeri alla mano, la partecipazione del singolo giocatore per ogni nazione presente nei gironi, “costerà” 500mila euro, mentre il montepremi complessivo è di circa 23 milioni, per i vincitori sono previsti 2,4 milioni da dividere tra i giocatori e circa un milione per la Federazione a cui appartengono.

Un investimento che permetterà al numero uno del Tennis mondiale David Haggerty di poter mettere in pratica uno dei punti principali del programma di rinnovamento del Tennis che lo portò a vincere le elezioni nel 2015: “Questo è un punto di svolta per l’ITF e per il nostro sport, e il nostro Consiglio ha sostenuto un piano solido e ambizioso per il futuro della Coppa Davis , uno degli eventi il più importante e importante del nostro sport e il pezzo chiave della nostra strategia. La nostra visione è di creare un grande finale di stagione, di essere un festival di tennis e intrattenimento e di avere i migliori giocatori del mondo che rappresentano le loro nazioni per definire i campioni della Coppa Davis. Questa nuova partnership non è solo creerà una vera e propria World Tennis Cup, ma aprirà anche la strada a livelli storici di nuovi investimenti per le future generazioni di giocatori di tennis e tifosi di tutto il mondo”. Queste le parole del numero della ITF al momento dell’annuncio dell’accordo. Parole che devono trovare seguito sin da subito nell’edizione in corso.

Cosa cambia?

In poche parole cosa accadrà alla vecchia e cara Coppa Davis? Il piano è destinato a stravolgere la formula del World Group, che punta a eliminare i quattro turni divisi nei vari periodi della stagione per raccoglierli in un maxi evento di fine anno denominato World Cup of Tennis Finals, con 18 nazioni che si giocheranno l’Insalatiera in una sola settimana, in sede unica, quest’anno in corso a Madrid. La nuova competizione si gioca sulla durata di sette giorni, i primi quattro dedicati alle partite dei 6 gironi da 3 squadre con la formula del round robin, con le migliori otto che saranno promosse a un tabellone a eliminazione diretta (le prime 6 più le 2 migliori seconde) Nei restanti giorni si giocheranno i quarti, le semifinali e naturalmente la finale. Tutte le sfide prevedono la formula di due singolari e un doppio, da giocare al meglio dei tre set. In più, sempre nel corso delle nuove Finals, ci saranno anche i play-off per l’accesso alla competizione dell’anno successivo per la squadre che superano i quarti.

Critiche e Calendario

A margine di questa rivoluzione non sono mancate critiche anche aspre. A schierarsi apertamente contro questa nuova formula c’è Paul-Henri Mathieu, tennista francese e veterano di Coppa Davis: “Con questo nuovo format si uccide la Coppa Davis. Dalla ITF dovrebbero avere il coraggio di dire che la vogliono sostituire definitivamente non rinnovare. La bellezza della Davis era quella di giocare in casa o fuori casa, così si perde tutta la magia di momenti intensi e favolosi”.  Il tennista transalpino ha proseguito poi lanciando un bel dilemma, quello relativo al calendario: “Ed ora come pensano di organizzarsi? Il calendario è già molto fitto in quel periodo, bisognerà cancellare qualche torneo per permettere questo format.  Magari si poteva pensare di farlo ogni due anni e non ogni fine stagione”.  Quello del calendario è un fattore da non sottovalutare e infatti nei giorni scorsi Roger Federer ha espresso molte perplessità: “Spero che la Davis e l’ATP Cup funzionino bene entrambe e poi magari ATP e ITF si siedano a un tavolo a discutere. La mia opinione è che la Davis così non andrà avanti: 34 dei primi 35 del mondo hanno già confermato la presenza per l’ATP Cup perché ha un posto migliore in calendario”. La Atp Cup è un nuovo torneo per nazioni che inizierà nel gennaio 2020, con una durata di una settimana in Australia.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Campioni del mondo! Gli azzurri di Mancini riportano a casa…il titolo non ufficiale “Campioni del mondo! Grazie alla rete di Nicolò Barella gli azzurri...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Economia

Trading Online: quando i soldi possono essere a rischio Chi ha dimestichezza con la rete ed è appassionati di finanza, magari anche di investimenti,...

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Economia

Iniziare ad investire in Borsa e farlo da zero, andando magari a sfruttare le potenzialità della rete attuale che consentono di avvicinarsi allo strumento...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Storie di Sport

Jimmy Arias: la stella cadente che inventò il dritto moderno Compie oggi 56 anni Jimmy Arias, il tennista statunitense considerato il padre del dritto...

Storie di Sport

Roger Federer: alla scoperta della persona più importante della sua carriera Compie oggi 39 anni Roger Federer, il fenomeno svizzero considerato da molti il...

Ultime Notizie Calcio

Tutto il programma e il calendario delle Final Eight di Champions League Pochi giorni alla fine dei campionati nazionali, con la Champions League che...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Per i 47 anni compiuti ieri Andrea Gaudenzi, vi raccontiamo quando il tennista italiano ci fece vivere...

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro