Connect with us

Cerca articoli

Doping

Tennis Malato: Se Masha piange, l’Italia non ride, Cecchinato deferito

In questi giorni nel mondo del tennis ne stanno succedendo di tutti i colori. Tutto è cominciato il 7 marzo, quando è emersa una notizia esplosiva: Maria Sharapova, la tennista più famosa e pagata del mondo, trovata positiva ad un controllo antidoping. Gli organi competenti hanno avviato immediatamente delle indagini, e Masha dal canto suo ha fin da subito dato la sua versione dei fatti, motivando la sua assunzione del Meldonium, il farmaco dopante in questione. Ma lo scoop mediatico che l’ha colpita è stato inevitabile.

 Sull’onda dello scandalo sono stati in molti a commentare la vicenda. E tra questi Rafael Nadal non le ha mandate a dire: pur convinto della buona fede della collega russa, ha rimarcato il fatto che casi del genere mettono in cattiva luce il tennis e che atleti di fama mondiale non dovrebbero incappare in simili incidenti.

Da qui però è sfociato un ulteriore polverone. Perché ai danni di Nadal stesso sono giunte delle accuse, mosse dall’ex ministro francese alla salute e allo sport Roselyne Bachelot, che lo aveva incolpato aver fatto uso di sostanze vietate tra la fine del 2012 e gli inizi del 2013 e di aver mascherato il tutto con un finto infortunio.

Il maiorchino, impegnato in questi giorni nel torneo d’Indian Wells, ha risposto stizzito, dichiarandosi assolutamente pulito e estraneo a qualsiasi sostanza dopante. Inoltre, stanco delle continue accuse di doping che gli vengono da anni rivolte, ha annunciato che denuncerà la Bachelot per diffamazione. 

 Ma per quale motivo, da tempo, gli vengono indirizzate simili accuse? In primis, perché Nadal non ha mi disdegnato tecniche terapeutiche borderline, come la camera ipobarica  o l’uso di cellule staminali per i suoi infortuni alle ginocchia. Tutti trattamenti sì consentiti, ma anche parecchio criticati. In secondo luogo, sono proprio i continui infortuni nella sua carriera che in più occasioni hanno fatto storcere il naso, soprattutto a causa della “segretezza” e del riservo con cui sono stati affrontati nel suo entourage.

Ma queste sono chiacchiere da bar: non c’è il minimo indizio che Nadal abbia usato qualche sostanza dopante, tutti i controlli effettuati hanno sempre dato esito negativo. E finché non salta fuori nemmeno una prova, le chiacchiere stanno a zero.

Lo scandalo che ha colpito la Sharapova, seguito dai battibecchi mediatici che ne sono scaturiti, ha sicuramente attirato l’attenzione a livello mondiale. Ma, nel contempo, ha distolto i più dalle problematiche di casa nostra. Perché, come al solito, se Atene piange Sparta non ride.

E infatti, appena pochi giorni dopo le dichiarazioni shock della Sharapova, il tennis italiano è di nuovo precipitato nell’incubo del match-fixing. Se già Potito Starace e Daniele Bracciali, ex-giocatori di Davis, sono da mesi sotto giudizio – un processo che sembrava già concluso ma che il CONI stesso ha ordinato di ripetere –, a piombare nell’occhio del ciclone stavolta è Marco Cecchinato. Proprio lui, che ha rappresentato l’Italia contro la Svizzera in Coppa Davis, neanche un paio di settimane fa.

Il tennista siciliano viene sospettato di aver alterato l’esito del match contro il polacco Kamil Majchrzak, nel torneo Challenger di Mohammedia. L’incontro risale all’ottobre 2015 e ha visto il tennista polacco imporsi su Cecchinato in modo agevole e contro ogni aspettativa,visto che quest’ultimo precedeva il suo avversario di oltre 200 posizioni nel ranking mondiale.

La vittoria del tennista azzurro sembrava una pura formalità, tant’è che le sue quote erano 4 volte inferiori a quelle di Majchrazak. Ad aver insospettito gli inquirenti sarebbe stato non solo la sconfitta di Cecchinato, ma anche un flusso di denaro insolito scommesso proprio sulla vittoria del tennista polacco.

Cecchinato è stato deferito dalla Procura Federale, insieme al suo amico e tennista Riccardo Accardi, ed è stato accusato di aver violato i codici 1 e 10 del Regolamento di Giustizia, che vertono sugli illeciti sportivi di questo tipo.

La vicenda è ovviamente nelle sue fasi preliminari, dare giudizi in questo momento è quantomeno affrettato. Non ci resta che aspettare, speranzosi, il procedere della vicenda.

FOTO: www.oktennis.it

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Storie di Sport

Jimmy Arias: la stella cadente che inventò il dritto moderno Compie oggi 56 anni Jimmy Arias, il tennista statunitense considerato il padre del dritto...

Storie di Sport

Roger Federer: alla scoperta della persona più importante della sua carriera Compie oggi 39 anni Roger Federer, il fenomeno svizzero considerato da molti il...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Per i 47 anni compiuti ieri Andrea Gaudenzi, vi raccontiamo quando il tennista italiano ci fece vivere...

Storie di Sport

Arthur Ashe, il tennista con una missione Il 10 luglio 1943 nasceva Arthur Ashe, il leggendario tennista afroamericano, unico nero ad aver vinto Wimbledon....

Interviste

70 anni di Adriano Panatta: a tu per tu con la Leggenda del tennis italiano In questa delicatissima fase storica rivedere la luce di...

Storie di Sport

L’amore di Andre per Steffi Ho poche persone come riferimento nella mia esistenza. Ognuna ha il suo bravo posto arredato e un contratto a...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Compie oggi 64 anni il fenomeno del Tennis Bjorn Borg. Un uomo di ghiaccio che nascondeva una...

Calcio

Perché il gioco d’azzardo sta invadendo l’Africa Tra le conseguenze del boom di Internet e della telefonia mobile nel continente africano, anche l’esplosione del...

Doping

E-Sports: non solo match-fixing. Rischio altissimo di gamers dopati Avevamo parlato in un articolo precedente del fenomeno del match-fixing negli sport virtuali dove la...

Azzardo

Esports: quando truccare le partite è un (video) gioco Qual è il fine a cui tendono gli e-sport? La risposta è molto semplice: emulare...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro