/

Tavecchio e Abodi: due modi diversi di intendere il calcio

Inizia la lettura
/
4 mins read

Countdown iniziato. Fra 24 ore la FIGC avrà il suo nuovo presidente. Due candidati: sfida fra Carlo Tavecchio, presidente uscente, e Andrea Abodi, ex presidente (ha dato le dimissioni per concorrere alla poltrona della Federcalcio) della Lega serie B.

I piani di Tavecchio non prevedono riforme strutturali ma una rivisitazione, anche economica, dei campionati minori. La A attuale non si tocca, rimane il format a 20. Le crepe emerse sono risanabili, secondo Tavecchio, con la prosecuzione di questo canovaccio sino al 2021, modificando…il resto. L’idea, in tre stagioni, è di ridurre a due le retrocessioni in Serie B, snellendo la serie cadetta da 24 a 20 squadre. Cambia anche il meccanismo delle promozioni. Due promosse e tre retrocesse e una mutualità assestabile sul 7,5% dei diritti tv provenienti dalla A. Una cifra quantificabile in 90 milioni, che andrebbe a coprire il 40% dei costi medi di ogni società.

La vera “cura dimagrante” riguarda la Lega Pro. Tavecchio giudica eccessivi tre gironi da 20 squadre. L’obiettivo è ridurre le partecipanti a 40, divise in due blocchi da B, arrivando ad un regime di 3 promozioni e sei retrocessioni. Il calcio professionistico italiano si comporrebbe dunque di 80 compagini. (20 in A, altrettante in B, 40 in Lega Pro). Anche in questo caso la mutualità andrebbe a coprire il 40% dei costi medi di ogni società. Resta la Lega Nazionale Dilettanti. La Serie D, il vero “zoccolo duro” su cui poggia la rielezione di Tavecchio. L’idea è di sdoppiarla: una “D Élite” di 4 gironi con 18 squadre ciascuno. E la “vecchia” D con 8 gironi da 18 squadre. Infine il “sì” alle squadre “B” e una maggiore attenzione al calcio femminile.

Qui il programma nel dettaglio 

Andrea Abodi ha intitolato il suo programma “per il bene del calcio e di chi lo ama”. La ristrutturazione passa attraverso una via mirata a creare un sistema che sostituisca l’attuale “calcio disarticolato”. Il problema di fondo non risiede nel numero delle squadre professionistiche, ma nella distribuzione delle risorse economiche.

Abodi ritiene che l’attuale Serie A abbia una forbice troppo ampia fra chi è in testa (troppo forte perché troppo ricco) e chi è in coda e già condannato perché troppo debole povero. Passare da 20 a 18 squadre non è decisivo quanto lavorare sugli squilibri economici che rendono le squadre più o meno competitive. Un campionato più incerto è anche più appetibile in termini di diritti da rivendere all’estero a prezzi maggiorati. Un obiettivo raggiungibile attraverso una Serie A economicamente sostenibile. Il che non significa più povera. Anzi.

I soldi, in questo senso, saranno generati dal nuovo sistema calcio: più appetibile e usufruibile rispetto al passato. In questa ottica, fondamentali gli stadi. Abodi ritiene gli attuali vecchi e vuoti. Le società devono dunque lavorare su infrastrutture ecosostenibili e costruire bonificando areeabodi-programma depresse. La rigenerazione urbana è un modello e un motore per l’economia di ogni singola città e della società di calcio che la rappresenta. La Federazione, senza interferire, accompagnerà i processi e coordinerà le proposte provenienti dalle varie leghe cercando anche di snellire la burocrazia. Infine particolare attenzione per il calcio “minore”: femminile, calcio a 5 e beach soccer che dovranno trasformarsi in risorse da incanalare nel fatturato globale del prodotto calcio.

Qui il programma nel dettaglio

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articoli recenti a cura di

Tutti a Tir…ah, no

Tutti a Tir…ah, no Visto dall’alto, sembra uno di quei plastici della Lego esposti nei negozi