Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Supporters Direct: 6 punti per una Governance inclusiva del calcio

Quello che viene comunemente chiamato calcio moderno ci ha abituato al campionato spezzatino, alle partite all’ora di pranzo, ai tentativi di contenere le avanzate sportive delle piccole Carpi o Frosinone, alle partite a porte chiuse. Ma, soprattutto, ha eretto un muro sempre più invalicabile tra dirigenza e supporters’, tra dirigenti e tifosi, tra erogatori e paganti. Il rapporto ha preso una via privatistica e gerarchizzata dividendo in due l’universo sportivo che gravita attorno al rettangolo verde.

Il calciatore così è diventato il solo titolare del suo cartellino – che viene però gestito da abili terzi – e lo spettatore il solo possessore di un tagliando di ingresso con tanto di nominativo. Chi ha tratto i maggiori benefici da questi mutamenti sono i proprietari dei club, che mossi dal profitto a breve termine, hanno trovato tutto lo spazio necessario per agire distanti dalle pressioni popolari degli spettatori, diventati sempre più clienti e sempre meno supporter. Il percorso ha trovato il suo compimento quando emiri e magnati si sono presi interi pacchetti azionari rendendo la società un parco giochi personale per mettere mano al portafoglio col solo criterio del successo rapido. Al contempo, la partita è diventata “un prodotto da vendere”, un bene prettamente “di mercato” per i diritti televisivi nel battage Infront-Sky-Mediaset, che non si pone il problema degli spalti sempre più vuoti.

Chi non condivide questo nuovo corso, ha dovuto inventarsi qualche forma di reazione che resta confinata soprattutto nelle leghe minori: azionariati popolari, supporters’ trust, forme di gestione partecipata tra tifosi e società sono emersi negli ultimi due decenni con principi diametralmente opposti alle logiche business-oriented del calcio moderno. Il network internazionale Supporters Direct (SD) ha redatto un documento che va dritto al punto: “Il cuore del gioco, perché i supporters sono vitali per migliorare la governance del calcio” (Download qui http://www.supporters-direct.org/wp-content/uploads/2012/11/Position-Paper-Italiano.pdf ).

Un manifesto composto da sei sezioni per mettere in discussione i nuovi orientamenti del mercato calcistico.

1: Migliorare la governance a livello europeo, includendo stakeholders a tutti i livelli del sistema calcio e dialogando col Consiglio Europeo per una gestione democratica del patrimonio.

2: Migliorare la sostenibilità finanziaria delle società e delle leghe, assicurando una distribuzione delle risorse, prevenendo fasi di crisi, applicando concretamente il Financial Fair-Play ed incoraggiando “community ownerships” in grado di destabilizzare la tendenza comune a spendere oltre le proprie disponibilità.

3: Migliorare la funzione sociale dello sport puntando ad un paradigma europeo di rimozione delle barriere alla rappresentanza, per sviluppare forme di coesione inclusive in sintonia con un’applicazione di cittadinanza attiva ed uno sguardo alle giovani leve. In tal senso il FC United of Manchester e #sosteniamolAncona rappresentano due buone pratiche.

4: Migliorare le operazioni di trasferimento, definendo un sistema finanziario per la compravendita con l’obiettivo di abolire la TPO (Third-Part Ownership), che rimette nelle mani della società tutte le scelte determinanti per chi gravita attorno alla squadra ma non fa parte dell’organigramma.

5: Migliorare la lotta alle combine, una minaccia costante per l’etica sportiva ed una tentazione tropo forte per molti giocatori. L’idea è di sensibilizzare una tolleranza zero sulle vendita di partite, in un rapporto orizzontale tra UE, supporters e autorità pubbliche o private.

6: Ridurre discriminazione e violenza. Partita persa in partenza? Le reti FSE (http://www.footballsupporterseurope.org/it/)(Football Supporters Europe), FARE http://www.farenet.org/) e CAFEhttp://www.cafefootball.eu/) (Center for Access to Football in Europe) si stanno battendo per i primi risultati.

Nella distanza tra definizione teorica e messa in pratica c’è la voce “bilancio” che non va d’accordo con questi orientamenti e rende la parola “Respect” un ottimo slogan UEFA che precede la messa in onda del prodotto televisivo comprato sul mercato dello sport. Prima di mettere mano a questi sei punti bisogna abbattere un muro che tiene le questioni societarie a debita distanza dal tifoso, ormai comunemente rappresentato come il facinoroso che rovina la domenica.

La guerriglia ultras però non è una novità, e non coinvolge l’universo del tifo a trecentosessanta gradi. La governance privatizzata del calcio è invece un fenomeno recente che si è affermato in silenzio, mentre l’attenzione viene spostata su quel fumogeno che non sarebbe dovuto entrare allo stadio ma per qualche strano motivo ci è entrato. Anche un Presidente che compra, svende e poi fallisce, non sarebbe dovuto entrare nell’organigramma, ma anche lui, per qualche ragione poco chiara, ci è entrato. Se “Il calcio è di chi lo ama”, la governance per il suo sistema deve andare incontro a questo amore. Un’impresa tutt’altro che facile.

Lorenzo De Vidovich

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: Universo popolare: a Cava de’ Tirreni, dove il calcio è della gente | Io Gioco Pulito

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Azzardo

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione Un tema un bel po’ complesso e per il quale si rende necessaria un po’ di chiarezza;...

Azzardo

Dal vecchio Totocalcio al web: storia della tanto amata schedina Una ‘vecchietta’ che ha abbondantemente passato i 75 anni di età e che negli...

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, che due anni fa ci lasciava a soli 49 anni....

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro