Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Storie di numeri 12, gli eterni secondi del calcio

Una vita in panchina da non protagonista, da spettatore più che calciatore. Il portiere di riserva è probabilmente il ruolo più infelice del calcio. E’ il ruolo di chi sta dietro le quinte. E che di tanto in tanto avanza sotto i riflettori per una passerella. Che sia in Coppa Italia, in campionato o in amichevole.

Il ruolo del portiere è l’unico in cui le gerarchie, una volta definite, sono difficilmente ribaltabili. Perchè i portieri di riserva, spesso, sono i portieri non riusciti. Tuttavia non sempre è cosi. Ci sono casi in cui fare la riserva diventa una scelta di vita. Primo portiere, secondo e c’è persino il terzo. Il calcio moderno non si fa mancare nulla. Mi viene in mente il brasiliano Rubinho, vecchia conoscenza di noi tifosi genoani, che ha passato quattro anni nella tribuna dello Juventus Stadium. Umiliante verrebbe da pensare. Ma sono scelte di vita. Scelte incomprensibili ma rispettabili. Come puoi autonegarti la possibilità di scendere in campo? E’ chiaro che se vai alla Juventus e ti chiami Rubinho difficilmente farai strada. Ma il discorso non è tanto la via del successo. Si parla di emozioni, stimoli. Elementi imprescindibili per chi ama il calcio.

Ci sono tante storie di numeri dodici. Storari per esempio ha passato molti anni alle spalle di Buffon, poi prima di chiudere la carriera ha scelto Cagliari per giocare. C’è anche il caso felice di Bizzarri, ex Real Madrid in panchina alla Lazio per tanti anni. E’ stato oscurato al Genoa da Perin, poi il grande rilancio da protagonista nel Chievo Verona e nel Pescara. Esistono davvero tanti racconti. Tutti diversi, ma uniti da un unico grande fattore. Il portiere di riserva non può permettersi di creare problemi di spogliatoio, deve farsi trovare pronto quando chiamato in causa e deve aiutare il titolare. Una figura molto più psicologica che pratica. La riserva non può essere troppo inferiore al titolare,  il rischio di farlo accomodare sarebbe troppo alto. Non dev’essere nemmeno di pari livello, perchè l’eccessiva competizione creerebbe instabilità.

Meglio un’alternativa anziana o giovane? Poco importa forse. Ciò che conta davvero è che il numero dodici non sia troppo ambizioso. Gli eterni secondi, dopotutto, non possono permetterselo.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Dall’El Dorado ai Narcos: Inferno e Paradiso dei Millonarios di Bogotà Cinco y baile. Dopo il quinto gol, si balla. C’è stata una squadra...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Calcio

Andrej Kanchelskis, storia di una sfortuna infinita Compie oggi 52 anni Andrej Kanchelskis, il calciatore russo arrivato in Italia per spaccare il mondo, finito...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Il Mistero Scaini: la triste storia di un ragazzo che non era Paolo Rossi Il 21 Gennaio 1983 se ne andava Enzo Scaini, il...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Altri Sport

A tu per tu con Luigi Mastrangelo, il “Muro” azzurro Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Luigi Mastrangelo, grandissimo ex pallavolista azzurro. Di...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro