Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Storie di numeri 12, gli eterni secondi del calcio

Una vita in panchina da non protagonista, da spettatore più che calciatore. Il portiere di riserva è probabilmente il ruolo più infelice del calcio. E’ il ruolo di chi sta dietro le quinte. E che di tanto in tanto avanza sotto i riflettori per una passerella. Che sia in Coppa Italia, in campionato o in amichevole.

Il ruolo del portiere è l’unico in cui le gerarchie, una volta definite, sono difficilmente ribaltabili. Perchè i portieri di riserva, spesso, sono i portieri non riusciti. Tuttavia non sempre è cosi. Ci sono casi in cui fare la riserva diventa una scelta di vita. Primo portiere, secondo e c’è persino il terzo. Il calcio moderno non si fa mancare nulla. Mi viene in mente il brasiliano Rubinho, vecchia conoscenza di noi tifosi genoani, che ha passato quattro anni nella tribuna dello Juventus Stadium. Umiliante verrebbe da pensare. Ma sono scelte di vita. Scelte incomprensibili ma rispettabili. Come puoi autonegarti la possibilità di scendere in campo? E’ chiaro che se vai alla Juventus e ti chiami Rubinho difficilmente farai strada. Ma il discorso non è tanto la via del successo. Si parla di emozioni, stimoli. Elementi imprescindibili per chi ama il calcio.

Ci sono tante storie di numeri dodici. Storari per esempio ha passato molti anni alle spalle di Buffon, poi prima di chiudere la carriera ha scelto Cagliari per giocare. C’è anche il caso felice di Bizzarri, ex Real Madrid in panchina alla Lazio per tanti anni. E’ stato oscurato al Genoa da Perin, poi il grande rilancio da protagonista nel Chievo Verona e nel Pescara. Esistono davvero tanti racconti. Tutti diversi, ma uniti da un unico grande fattore. Il portiere di riserva non può permettersi di creare problemi di spogliatoio, deve farsi trovare pronto quando chiamato in causa e deve aiutare il titolare. Una figura molto più psicologica che pratica. La riserva non può essere troppo inferiore al titolare,  il rischio di farlo accomodare sarebbe troppo alto. Non dev’essere nemmeno di pari livello, perchè l’eccessiva competizione creerebbe instabilità.

Meglio un’alternativa anziana o giovane? Poco importa forse. Ciò che conta davvero è che il numero dodici non sia troppo ambizioso. Gli eterni secondi, dopotutto, non possono permetterselo.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Basket

Compie oggi 74 anni Lew Alcindor, divenuto Kareem Abdul-Jabbar dopo la conversione all’Islam, uno dei più grandi giocatori della storia del basket. Numero uno della...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport «Non sono interessato alla vostra simpatia o antipatia… tutto quello che chiedo è che...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Quando il “Falco” Marcelo Otero rifilò quattro goal alla Fiorentina Per celebrare i 50 anni compiuti oggi da Marcelo Otero vi proponiamo il racconto...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Altri Sport

Garri Kasparov: l’uomo contro la macchina quando l’uomo non era ancora una “macchina” Compie oggi 58 anni Garri Kasparov, il leggendario scacchista russo che...

Altri Sport

A tu per tu con Fiona May, la Regina del Salto in lungo Momenti frenetici quelli che si stanno vivendo all’inizio di questa primavera...

Pugilato

Teofilo “Al” Brown detto Panama: l’artista con i guantoni Aveva e continua ad avere ragione George Foreman, per quella volta in cui si trovò...

Calcio

Lo scorso 6 aprile è stato il trentesimo anniversario dal primo ritorno di Roberto Baggio a Firenze da avversario. Il ‘Divin Codino’ alla Juventus...

Altri Sport

La “Diplomazia del Ping Pong” Il 10 Aprile 1971 la squadra di ping pong americana e i giornalisti al seguito accettarono l’invito e misero...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro