Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Stadio della Roma: No della Regione. Scontro M5S-PD lo rallenta. Cosa può succedere?

C’è una partita nella partita, che si sta giocando sul progetto per il nuovo stadio della Roma a Tor di Valle. Una sfida tutta politica che vede scontrarsi l’uno di fronte all’altro il Movimento 5 Stelle, partito di maggioranza al comune di Roma e il Pd che invece detiene la maggioranza alla Regione Lazio.

Uno scontro senza esclusione di colpi che i due partiti vogliono vincere a tutti i costi per intestarsi il merito dello stadio della Roma di fronte al vastissimo elettorato romanista (oltre 2 milioni di tifosi che possono rappresentare un altrettanto bacino in termini elettorali). Ma è uno scontro che rischia però di fare danni veri, soprattutto all’economia del progetto che può essere ulteriormente rallentato. Infatti, se dopo il sospirato accordo raggiunto la sera del 24 febbraio tra i proponenti da una parte (la Roma e la società Eurnova del costruttore Parnasi) e la sindaca Virginia Raggi dall’altra, sulle modifiche al progetto iniziale per un taglio di almeno il 50% delle cubature, sembrava che tutto potesse filare finalmente liscio fino al disco verde in conferenza dei servizi, dalla Regione Lazio è arrivata la risposta negativa alla richiesta di un’ulteriore proroga di 30 giorni avanzata dai proponenti.

Una decisione che, al netto delle motivazioni ufficiali,  va inquadrata all’interno dello scontro che si sta profilando tra Regione e Campidoglio e in via più generale tra M5S e Pd.  Da via della Pisana hanno infatti risposto di no alla richiesta partita dalla società Eurnova del costruttore Luca Parnasi (proprietaria dei terreni di Tor di Valle sui quali sorgerà lo stadio), di prorogare di un altro mese il termine ultimo per la chiusura della Conferenza dei Servizi. Anche se la stessa Regione, che tornerà a pronunciarsi definitivamente il 5 di aprile, ha concesso tempo fino al 30 marzo “per rivedere il vecchio progetto” e presentare le modifiche necessarie. Perché, nonostante l’annuncio del progetto 2.0, attualmente all’esame della Conferenza dei Servizi, c’è solo il vecchio di progetto, quello sul quale è stata votata la delibera 132 che nel dicembre 2014 ne ha riconosciuto la pubblica utilità. E che al momento, è anche l’unico documento ufficiale per il quale è stata aperta la Conferenza dei Servizi. Che adesso rischia però di chiudersi in modo negativo. Perché allo stato attuale, sul vecchio progetto, non c’è soltanto il parere non favorevole rilasciato dal Comune il 3 febbraio scorso (dopo la richiesta di proroga presentata il giorno prima), ma anche, come riporta l’ANSA, il “dissenso costruttivo” espresso dalla Regione, dovuto sia all’assenza della variante urbanistica richiesta al Comune, che al parere di VIA non favorevole e alla procedura di vincolo aperta dal MIBACT.

Ed è molto difficile che entro il 30 marzo, tutte queste magagne possano essere risolte. Come allo stesso modo è difficile, se non impossibile, che sia dai proponenti (ai quali si chiede un nuovo progetto) che dal Campidoglio (che dovrebbe votare una nuova delibera) vengano presentate entro la fine del mese, le modifiche richieste. Tutti questi presupposti fanno pensare che difficilmente questa CS che si è aperta con il progetto approvato dalla giunta Marino, possa chiudersi con il via libera definitivo. E se dal Comune filtra comunque ottimismo ( secondo il capogruppo M5S Ferrara il progetto non è a rischio), sul fatto che alla fine le modifiche richieste dal Campidoglio al progetto iniziale (taglio delle cubature del 50% con modifiche anche e soprattutto alle opere di pubblica utilità) non arrivino ad incidere troppo sul percorso aperto in Conferenza dei Servizi, quest’ultima decisione della Regione di non sospendere ancora la CS induce a pensarla in senso contrario. Ossia che, anche in ragione delle dichiarazioni dell’assessore regionale all’Urbanistica Michele Civita che ha parlato di “una ridefinizione della pubblica utilità”, ci sia un’elevata probabilità che alla fine la CS si chiuda con un parere negativo.

Che cosa potrebbe succedere allora? In quel caso, dopo che i proponenti abbiano presentato un nuovo progetto nella versione 2.0, la giunta Raggi sulla base dell’accordo raggiunto il 24 febbraio scorso, dovrebbe far approvare una nuova delibera che riconosca di nuovo una pubblica utilità. Ma anche in questo caso i problemi non mancano. Perché al momento in Campidoglio, ci sarebbe più di un consigliere del M5S (sarebbero 7 i consiglieri dissidenti) che malgrado l’accordo sarebbe rimasto contrario al progetto. E per l’approvazione di una nuova delibera servirebbero almeno 25 voti (la Raggi al momento ne conta tra i 19 e i 20). Un intervento “dall’alto” di Beppe Grillo potrebbe però essere risolutivo con il Grande Capo a fare ancora una volta da “garante”. A quel punto con il M5s che avrebbe la maggioranza assoluta in Aula Giulio Cesare i tempi di approvazione sarebbero brevi (si potrebbe risolvere nel giro di un mese). Poi però si dovrebbe aprire una nuova Conferenza dei Servizi, che avrebbe ulteriori 180 giorni di tempo per dare il via libera all’inizio dei lavori. Se tutto procedesse in tempi brevi, con la nuova CS che si aprisse tra maggio e giugno e il via libera arrivasse dopo l’estate, allora, la prima pietra, secondo anche quanto dichiarato dalla Roma, si potrebbe realmente mettere entro il 2017. Altrimenti, il tutto verrebbe rimandato ai primi mesi del 2018.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    potito amarena

    Marzo 7, 2017 at 9:58 am

    vorrei pagare i 60 euro sostenitore alla posta ammantate una email\

    il pd e f i , gioca scorretti, minando la democrazia

    vogliono dimostrative che nessuna sa amministrate roma o torinob

    io eroe del pc ma diventqto extraparkamentare

  2. Avatar

    Umberto

    Marzo 7, 2017 at 10:37 am

    Perché nessuno fa presente che la riduzione riguarda le aree di pubblica utilità o servizi e i grattaceli saranno sostituì da ben 18 palazzi di 8 piani?
    È perché nessuno fa presente che lo stadio non sarà della AS Roma ma di Pallotta?
    Perché nessuno ricorda che adesso i costi infrastrutturali sarebbero a carico del Comune?

  3. Avatar

    Giorgio

    Marzo 7, 2017 at 10:57 am

    Si a Tor di Valle è meglio se non si fa sto stadio

    • Avatar

      enrico

      Marzo 7, 2017 at 11:53 am

      meglio per chi?

  4. Avatar

    LucianoN41

    Marzo 7, 2017 at 12:28 pm

    Ma quanto fastidio danno sti tre grattacieli?
    Solo a Milano (comune 7 volte più piccolo e metà abitanti di Roma) si possono costruire?
    -Sono un gioiello architettonico.
    -Occupano minor spazio di superficie.
    -Danno possibilità di occupazione per migliaia di posti di lavoro ai nostri figli costretti ad emigrare all’estero od al nord.
    -L’IRPEF locale e tasse immobili ricarica le casse comunali.
    -L’incremento di cubatura aumenta l’obligo di opere di compensazione UTILI per la collettività che ora saranno a carico della cittadinanza.

  5. Avatar

    Simone Nastasi

    Marzo 7, 2017 at 1:24 pm

    Per Umberto: i costi infrastrutturali secondo il progetto approvato dalla giunta Marino sarebbero dovuti essere tutti (sottolineo tutti) a carico dei privati. Il Comune in questo progetto non ci avrebbe messo un euro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Calcio

Tributo a Francesco Rocca, il Kawasaki giallorosso Per ricordarsi di Francesco Rocca, escludendo gli appassionati incalliti e gli addetti ai lavori, bisogna avere qualche...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 37 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

“La strage e il il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto E’ uscito oggi il nuovo...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Ci ha lasciato all’età di 73 anni Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Calcio

Per cucire il filo di una memoria basta un Ago Il 30 Maggio 1994 moriva Agostino Di Bartolomei, indimenticabile Capitano della Roma dello Scudetto,...

Calcio

La lettera di addio alla Roma di Daniele De Rossi Il 26 maggio 2019 Daniele De Rossi, storica bandiera della Roma, giocava l’ultima partita...

Calcio

La brusca frenata della trattativa tra James Pallotta e Dan Friedkin, dovuta soprattutto alla pandemia che ha scatenato una gravissima crisi economica globale, e...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Arcadio Venturi, il Piombino e la Roma in Serie B. Un incubo divenuto leggenda Il 18 Maggio 1929 nasceva Arcadio Venturi, storico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro