Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Stadio della Roma, l’ultima “Mandrakata”: Nuovo vincolo su Tor di Valle (grazie ad una legge di Mussolini)

L’ultima novità sul progetto per lo stadio della Roma a Tor di Valle è il classico fulmine a cielo (quasi) sereno. O se si preferisce la classica “mandrakata” del film “Febbre da Cavallo”, girato non a caso nell’Ippodromo di Tor di Valle. La trovata ad effetto, che nessuno si aspettava, è arrivata proprio quando pareva finalmente possibile che il Movimento 5 Stelle che governa Roma, e il Partito Democratico che comanda in Regione, potessero trovare la quadra sul progetto per il “Nuovo Colosseo”. Se non fossero arrivate appunto le dichiarazioni dell’architetto Federica Galloni della Direzione Architettura Contemporanea del MIBACT a dire che “la prossima settimana, ai sensi delle normative vigenti sulla tutela del diritto d’autore emetterò un decreto di vincolo sull’Ippodromo di Tor di Valle”. E di quale vincolo si tratti è presto spiegato: infatti, se il vincolo “architettonico” richiesto nel febbraio scorso dall’allora Sopraintendente Federica Eichberg, sulla salvaguardia dell’Ippodromo, è stato bocciato dall’organo preposto a farlo, cioè le Commissione Regionale, adesso arriva questa nuova procedura “a salvaguardia del diritto d’autore”. E il fatto che a porre questo vincolo sia Federica Galloni, non può che suscitare curiosità, considerando che trattasi della stessa persona che nel 2014 in sede di conferenza dei servizi preliminare (quando in Campidoglio c’era ancora Ignazio Marino) aveva dato parere favorevole al progetto, sebbene con alcune prescrizioni.


 

Come scrive Fernando Magliaro sul Tempo, trattasi dunque di un vincolo nuovo: non ha niente a che fare con il vincolo proposto dalla Eichberg ed è consentito ai sensi di una legge (la 633) del 1941 che “tutela le  opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura,  qualunque ne sia la forma di espressione”, in base alla quale l’utilizzo dell’opera (in questo caso l’Ippodromo che secondo il progetto verrebbe demolito) deve essere autorizzato “dagli eredi rappresentanti l’autore”. E, nello specifico, l’erede del caso è la figlia dell’architetto Lafuente (che progettò l’Ippodromo nel 1961) la quale fino ad ora ha sempre chiesto, non che lo stadio non fosse realizzato, bensì che l’opera progettata dal padre fosse salvaguardata e valorizzata. E dunque? Che succede adesso? Bisognerà aspettare le prossime mosse dei proponenti che senz’altro proporranno l’ennesimo ricorso. Sempre ammesso che Pallotta abbia ancora la pazienza per farlo.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Avatar

    Marco Spaziani

    Novembre 5, 2017 at 11:08 am

    ….una legge (la 633) del 1941 che “tutela le opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, qualunque ne sia la forma di espressione”, in base alla quale l’utilizzo dell’opera (in questo caso l’Ippodromo che secondo il progetto verrebbe demolito) deve essere autorizzato “dagli eredi rappresentanti l’autore”……
    Peccato che tutto ciò valga solo per le opere “private” (un quadro, una poesia, una villa, ecc.” ma, per le opere pubbliche (come lo è l’ippodromo di Tor di Valle”) no, non vale, in quanto, nel momento in cui si dichiara la pubblica utilità dell’opera e la si realizza con soldini pubblici, l’autore (il pro ttista) perde ogni diritto sull’opera “materiale”. Conserva i diritti sull’opera “intellettuale” (ossia, nessun altro architetto potrà copiare quel “capolavoro” dell’architettura moderna che è l’ippodromo di Tor di Valle …sic! …ma l’opera “materiale” in se, essendo un “bene publico” ascritto al patrimonio demaniale dello Stato, lo Stato può farne quel che più ritiene pubblicamente utile farne, compreso demolirlo. Se il solito TAR (noi siamo un paese TARtassato) dovesse avallare questa lettura della legge 633/41 e impedire la demolizione dell’ippodromo, allora qualcuno mi deve spiegare, ad esempio, come mai si è realizzata la terza corsia dell’Autostrada del Sole fregandosene dei diritti d’autore dell’Ing. Cova, …e potrei fare altri duecento esempi del genere.

Leave a Reply

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Campioni di Politica: quando gli sportivi salgono al potere Provando a fare una rapida e poco approfondita considerazione socio-psicologica, non suona poi così strano...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Sadio Mané, i pantaloncini più belli che (non) avevo – Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno; insegnagli a...

Altri Sport

L’ultimo arrembaggio del più famoso dei Pirati: Pantani e l’impresa nell’Inferno del Galibier Il 14 Febbraio 2004 ci lasciava Marco Pantani, in circostanze ancora...

Altri Sport

Ride bene chi ride ultimo: i Campioni che hanno vinto la battaglia contro il Bullismo In occasione della Giornata nazionale contro il Bullismo e...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon “Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un mese all’anno...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 4 Febbraio 1948 per la prima volta l’Italia conquistava la medaglia d’oro alle Olimpiadi...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Altri Sport

Chamonix 1924: le Olimpiadi dei Soldati Il Biathlon fa la sua comparsa  alle Olimpiadi proprio in occasione della prima edizione invernale della grande kermesse...

Motori

Luca Badoer, “lo Stachanov del volante” Compie oggi 50 anni Luca Badoer, l’uomo nell’ombra della Ferrari che vinceva i Mondiali. Il nostro tributo allo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro