Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Stadio della Roma, l’ultima “Mandrakata”: Nuovo vincolo su Tor di Valle (grazie ad una legge di Mussolini)

L’ultima novità sul progetto per lo stadio della Roma a Tor di Valle è il classico fulmine a cielo (quasi) sereno. O se si preferisce la classica “mandrakata” del film “Febbre da Cavallo”, girato non a caso nell’Ippodromo di Tor di Valle. La trovata ad effetto, che nessuno si aspettava, è arrivata proprio quando pareva finalmente possibile che il Movimento 5 Stelle che governa Roma, e il Partito Democratico che comanda in Regione, potessero trovare la quadra sul progetto per il “Nuovo Colosseo”. Se non fossero arrivate appunto le dichiarazioni dell’architetto Federica Galloni della Direzione Architettura Contemporanea del MIBACT a dire che “la prossima settimana, ai sensi delle normative vigenti sulla tutela del diritto d’autore emetterò un decreto di vincolo sull’Ippodromo di Tor di Valle”. E di quale vincolo si tratti è presto spiegato: infatti, se il vincolo “architettonico” richiesto nel febbraio scorso dall’allora Sopraintendente Federica Eichberg, sulla salvaguardia dell’Ippodromo, è stato bocciato dall’organo preposto a farlo, cioè le Commissione Regionale, adesso arriva questa nuova procedura “a salvaguardia del diritto d’autore”. E il fatto che a porre questo vincolo sia Federica Galloni, non può che suscitare curiosità, considerando che trattasi della stessa persona che nel 2014 in sede di conferenza dei servizi preliminare (quando in Campidoglio c’era ancora Ignazio Marino) aveva dato parere favorevole al progetto, sebbene con alcune prescrizioni.


 

Come scrive Fernando Magliaro sul Tempo, trattasi dunque di un vincolo nuovo: non ha niente a che fare con il vincolo proposto dalla Eichberg ed è consentito ai sensi di una legge (la 633) del 1941 che “tutela le  opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura,  qualunque ne sia la forma di espressione”, in base alla quale l’utilizzo dell’opera (in questo caso l’Ippodromo che secondo il progetto verrebbe demolito) deve essere autorizzato “dagli eredi rappresentanti l’autore”. E, nello specifico, l’erede del caso è la figlia dell’architetto Lafuente (che progettò l’Ippodromo nel 1961) la quale fino ad ora ha sempre chiesto, non che lo stadio non fosse realizzato, bensì che l’opera progettata dal padre fosse salvaguardata e valorizzata. E dunque? Che succede adesso? Bisognerà aspettare le prossime mosse dei proponenti che senz’altro proporranno l’ennesimo ricorso. Sempre ammesso che Pallotta abbia ancora la pazienza per farlo.

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

1 Comment

1 Comment

  1. Marco Spaziani

    Novembre 5, 2017 at 11:08 am

    ….una legge (la 633) del 1941 che “tutela le opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, qualunque ne sia la forma di espressione”, in base alla quale l’utilizzo dell’opera (in questo caso l’Ippodromo che secondo il progetto verrebbe demolito) deve essere autorizzato “dagli eredi rappresentanti l’autore”……
    Peccato che tutto ciò valga solo per le opere “private” (un quadro, una poesia, una villa, ecc.” ma, per le opere pubbliche (come lo è l’ippodromo di Tor di Valle”) no, non vale, in quanto, nel momento in cui si dichiara la pubblica utilità dell’opera e la si realizza con soldini pubblici, l’autore (il pro ttista) perde ogni diritto sull’opera “materiale”. Conserva i diritti sull’opera “intellettuale” (ossia, nessun altro architetto potrà copiare quel “capolavoro” dell’architettura moderna che è l’ippodromo di Tor di Valle …sic! …ma l’opera “materiale” in se, essendo un “bene publico” ascritto al patrimonio demaniale dello Stato, lo Stato può farne quel che più ritiene pubblicamente utile farne, compreso demolirlo. Se il solito TAR (noi siamo un paese TARtassato) dovesse avallare questa lettura della legge 633/41 e impedire la demolizione dell’ippodromo, allora qualcuno mi deve spiegare, ad esempio, come mai si è realizzata la terza corsia dell’Autostrada del Sole fregandosene dei diritti d’autore dell’Ing. Cova, …e potrei fare altri duecento esempi del genere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 6 luglio 1967 l’esercito nigeriano entra nella regione del Biafra, dando...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra Il 28 giugno 1919 veniva firmato il Trattato di Versailles che poneva fine...

Altri Sport

Spionaggio e ciclismo: come l’Affare Dreyfus portò alla nascita del Tour de France Inizia oggi da Brest l’edizione numero 108 del Tour de France. La grande...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

4 giugno 1944, Roma Liberata: i destini incrociati di Attilio Ferraris IV e Bruno Buozzi Il 4 giugno 1944 terminava, dopo quasi nove mesi,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro