Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Spalletti 2.0: la Roma è cresciuta, la stampa romana no

Un anno di Luciano Spalletti. Di questi tempi, nel 2016, il tecnico toscano firma il contratto che lo lega con la Roma sino alla fine di questa stagione. Esordio, il 17 gennaio: 1-1 con l’Hellas Verona.  27 vittorie 6 pareggi e 5 sconfitte su 38 partite disputate: 87 punti. Ad oggi, la Roma ha un saldo di +7 rispetto la scorsa stagione ed è ancora in corsa su tutti i fronti.

Obiezione: Spalletti non ha vinto. Respinta: lo scorso anno ha ereditato una squadra a pezzi, fuori dalla Coppa Italia, eliminata in Champions dai Campioni d’Europa. Doveroso, per trarre un giudizio definitivo, attendere il prossimo giugno. Del resto, il tecnico è il primo a sentirsi sotto esame: vuole vincere, o creare i presupposti per vincere, prima di firmare il rinnovo.

Sinora, solo applausi. Da un punto di vista tecnico Spalletti ha prodotto solo benefici: ha recuperato calciatori infilatisi in vicoli ciechi: Dzeko, Palmieri, Fazio. Ha migliorato Perotti, rivitalizzato El Shaarawy, disciplinato Salah, cresciuto enormemente. Discorso a parte per Szczesny, Manolas, Rudiger, Nainggolan: diamanti grezzi, andavano solo lavorati. E non a caso, oggi la Roma si gode dei top player inseguiti da mezza Europa.

Unico neo, il rapporto con la stampa e l’ambiente: storia vecchia. Spalletti, lo sanno anche i sassi di Trigoria, ama Roma, la Roma, ma non (ampiamente ricambiato) tutta la stampa romana. A più di qualcuno, qualche sfuriata non è piaciuta. Altre sono state maldigerite. Qualche dichiarazione ha addirittura spinto l’Ordine dei Giornalisti al richiamo.

Presupposto doveroso: è sacrosanto tutelare il diritto del giornalista di porre le domande che ritiene più opportune. É altrettanto doveroso, però, che l’Ordine sia attento nel vigilare non solo sul “cosa” dichiari un soggetto, ma anche su “come” vengano riportate le parole del soggetto da parte di chi ha il “dovere di verità”, obbligo inderogabile della “Carta dei doveri” secondo cui “gli organi di informazione sono l’anello di congiunzione tra il fatto e la collettività”. Qualcosa di ben diverso, insomma, dalla libertà di interpretazione.

In questa diatriba, chi ha tutto da perdere è proprio l’ODG che deve vigilare su questioni molto più scottanti: l’elenco è lunghetto. Crisi dell’editoria, licenziamenti, prepensionamenti, scuole di Giornalismo che sfornano professionisti sottopagati o disoccupati, giovani giornalisti sfruttati all’inverosimile in cambio di un sogno chiamato tesserino. Ecco, se l’Ordine perseguisse con identica puntualità ed efficacia anche questi obiettivi, la “strigliata” a Luciano Spalletti sarebbe credibile. Di più. Deontologica (ah, come suona bene). Altrimenti, lascia solo l’amaro retrogusto di una difesa cercata e trovata da penne prestigiose quanto permalose. Ah, c’è un’ultima possibilità, che forse Spalletti non ha preso in considerazione: chi non racconta la verità, chi la manipola, chi, come dice lui, “vuole buttar tutto all’aria” non è in malafede. Può essere anche e semplicemente incapace. In entrambi i casi meglio mollare la presa e citare Oscar Wilde. “Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l’esperienza”. Buon anno, mister.

 

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Il 30 Marzo 1917 nasceva Alec Stock, la cui storia rappresenta perfettamente la vita dell’allenatore...

Altri Sport

Fosse Ardeatine: Anticoli e Gelsomini, storie di sportivi uccisi dai nazisti Il 24 marzo 1944 si consumò uno degli eventi più tragici del periodo...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Domani sera si giocherà all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita il “Derby...

Calcio

Bruno Conti, il MaraZico che giocava a Baseball Compie oggi 66 anni Bruno Conti, formidabile ala dell’Italia Campione del Mondo 1982 e del secondo...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 7 marzo 1908 nasceva nel quartiere capitolino...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

C’era una volta un Leone con un Mitra: Batigol Se non fosse per l’intensità dello sguardo, caratterizzato da profondi occhi chiari, sarebbe difficile per...

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Franco Citti: l'”Accattone” che amava il calcio Il 14 gennaio 2016 moriva a 80 anni il grande Franco Citti. Per ricordarlo vi raccontiamo la...

Motori

Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3 gare vinte;...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro