Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Sotto la Mole, non solo calcio: dopo 35 anni la Torino ’81 torna in A1 di pallanuoto

Non solo calcio. La città di Torino, nella nuova stagione sportiva, giocherà nella massima serie anche nella pallanuoto. L’impresa è stata firmata a conclusione della scorsa stagione dalla Torino ’81, grazie a una regular season chiusa in crescendo al secondo posto in classifica e la trafila vincente dei play off con l’ultima impresa compiuta nella vasca della Pallanuoto Roma fino ai rigori.

Un traguardo storico per la formazione torinese, che premia il lavoro certosino di una società che per anni ha fatto enormi sacrifici per garantirsi un posto nella pallanuoto che conta. Artefice numero uno dell’impresa, trascinatore e icona della pallanuoto in città, è coach Simone Aversa. Per lui, da atleta prima e da coach dopo, la pallanuoto è uno stile di vita.

Ecco le sue parole in esclusiva per IoGiocoPulito

La Torino 81 in Serie A1, un traguardo storico che racconta centinaia di storie. Quanti ricordi?

“La Torino ’81 in A1! Tantissimi ricordi, anni e anni di allenamenti, trasferte, rinunce, vittorie e sconfitte. È un risultato che arriva da lontanissimo e tutte le persone che hanno fatto la storia di questa società anche in minima parte, hanno contribuito al raggiungimento del risultato di quest’anno!”

È un’impresa che ha inorgoglito tutto il movimento dello sport di Torino, da chi sono arrivati i complimenti che più le hanno fatto piacere?

“I complimenti fanno piacere a prescindere da chi te li fa, basta che siano sinceri! Non mi piace fare classifiche di preferenza. Chi ci segue dall’inizio conosce il percorso che abbiamo fatto e complimentandosi con noi ha di fatto riconosciuto i nostri meriti!”

Atleta, capitano, poi coach. Quanto c’è di Simone Aversa in questa impresa?

“Il fil rouge tra i ruoli ricoperti che mi riconosco è la costanza nell’allenamento, la voglia di migliorarmi, avere un obiettivo da raggiungere. Ho sempre saputo dove volessi arrivare, prima da atleta, ora da coach! Se sono riuscito a trasmettere questo mio modo di essere ai miei compagni di squadra o ai miei giocatori oggi, significa che ho fatto un bel lavoro e che sono stato bravo!”.

Riavvolgiamo per un attimo la pellicola. Quali sono stati i momenti più difficili in questi anni di costruzione e quando si è giunti alla consapevolezza che l’impresa era realizzabile?

“Gli anni piú difficili, quando eravamo senza impianti, ci siamo allenati per anni in piscine non adeguate ad orari improbabili. Poi una lenta ripresa, una crescita costante di tanti ragazzi torinesi ma anche di studenti fuori sede, adottati dalla nostra grande famiglia ed ormai “torinesi” di adozione. La consapevolezza di avere una squadra completa ce l’avevo giá ad ottobre, poi il costante e continuo miglioramento durante la stagione che ci ha fatto raggiungere il 2° posto. Sulle ali dell’entusiasmo abbiamo raggiunto la finale con la Roma, superando il Salerno in semifinale. A quel punto ho avuto la sensazione che l’impresa fosse fattibile, abbiamo ricevuto una spinta da tantissima gente che tifava per noi, il nostro livello prestazionale è salito ancora, la consapevolezza della nostra forza pure, e la nostra “storia di 35 anni” ha fatto il resto.”

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Calcio

Valentino Mazzola, la leggenda di Tulèn Tra le vittime della Strage di Superga avvenuta il 4 maggio di 72 anni fa c’era anche Valentino...

Calcio

Come Gigi Riva, anche Antonio Janni subì un grave incidente alla gamba con la maglia della Nazionale contro l’Austria a Vienna. Accadde nel 1929...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

Ciao Mondo Sono già passati 3 anni da quando Emiliano Mondonico ci ha salutato dopo una dura battaglia contro il cancro. Un allenatore unico...

Calcio

Eraldo Pecci, la classe di “Piedone” Esordio in Serie A sul campo della Juventus, campione d’Italia sui bianconeri, due secondi posti a una lunghezza...

Calcio

L’uso dei social di Marchisio aiuterà le generazioni future Con molta probabilità, nel 2050, quando la regola diventerà discutere dell’atleta che si espone per...

Calcio

Le meteore della Serie A: il ‘lavapiatti’ milanista  Harvey Esajas 12 gennaio 2005. Mancano soltanto cinque minuti al termine della sfida tra il Milan...

Motori

Enzo Ferrari: Storia d’Inverno Il nostro tributo alla leggenda Enzo Ferrari nel giorno della sua nascita, datata 18 febbraio 1898. “Perché a vent’ anni...

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della...

Calcio

Luigi Burlando, il “ragazzo del ’99” che meravigliò l’Italia Il 12 Dicembre 1967 moriva Luigi Burlando, l’atleta italiano che rappresenta un unicum nel panorama...

Calcio

Gigi Radice non se ne andrà mai Di Gigi Radice non se ne sentiva parlare da tempo ed era fin troppo scontato che, quando...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro